31 ottobre 2013

Blancanieves

Siccome sono pigra e il rientro in ufficio ha un po' destabilizzato il fantastico ritmo del dolce far niente a cui mi ero abituata fin troppo bene (martedì sera mi sono addormentata sul divano prima dell'inizio di Ballarò e/o Criminal Minds, in alternativa) in occasione del suo arrivo in sala (e meno male, perché il film è davvero bello) vi ripropongo un post già pubblicato lo scorso 27 novembre, tanto all'epoca non se l'era filato praticamente nessuno, quindi è come se fosse nuovo. O almeno, usato pochissimo. Voi fate finta che lo sia, e fingete stupore e meraviglia.




Film spagnolo, muto, in bianco e nero, scelto dall'Accademia spagnola del cinema per concorrere nella corsa agli Oscar 2013 nella sezione dedicata al miglior film in lingua straniera, ma che non è entrato a far parte della cinquina finale. Il regista, Pablo Berger, è riuscito a realizzarlo solo grazie al successo ottenuto da The Artist. Che l'oscar l'ha vinto. E che io, invece, non ho ancora visto.
Siviglia, anni 20. Il famoso torero Antonio Villalta viene incornato alla fine di una corrida, sotto gli occhi della bellissima moglie Carmen, incinta. Mentre in una sala operatoria tentano di salvare la vita ad Antonio, in sala parto Carmen muore dopo aver dato alla luce una bimba, che il padre non vuole nemmeno vedere. La piccola Carmen cresce con la nonna, mentre il padre, rimasto paralizzato a seguito dell'incidente, si risposa con la perfida Encarna, infermiera che l'ha accudito durante la convalescenza.
Finché, durante i festeggiamenti della prima comunione di Carmen la nonna ha un malore. E muore. La bambina verrà accolta a casa del padre e della matrigna, che le impedirà di vedere Antonio e la tratterà come una sguattera. Molto più Cenerentola che Biancaneve, se stai a vedere. Un giorno, per recuperare il gallo Pepe, finisce nella stanza del padre, che, dopo averle chiesto perdono, le insegnerà i fondamentali della tauromachia.
Ma quella grandissima troia di Encarna non può tollerarlo, e, dopo aver servito a cena il povero pollo alla ragazzina (che son cose che ti traumatizzano per sempre, lasciatemelo dire. Provate a indovinare per quale motivo io non mangio pollo, ad esempio?) uccide il povero Antonio spingendolo giù dalle scale.
Con la scusa di mandarla a raccogliere fiori da portare sulla tomba del padre la fa uccidere dall'autista/amante/sottomesso. Ma viene salvata da un gruppo di nani toreri, che gira il paese con uno spettacolo itinerante. Carmen non ricorda più nulla e i nani decidono di chiamarla Blancanieves, che, scesa nell'arena un giorno per caso, diventerà una bravissima torera, ma...
Una favola amara.
Una bella favola amara.
Con Angela Molina nel ruolo della nonna.
L'attrice che interpreta Carmen/Blancanieves si chiama Macarena Garcia ed è di una bellezza che non si capisce. Che nemmeno se resti segregata per un paio di mesi a casa del signor Photoshop in persona riesci a diventare figa come lei.

40 commenti:

  1. Risposte
    1. ah ah ah ah ah!
      è che non avevo nessun post pronto, allora ne ho recuperato uno dal bidone dell'indifferenziato.

      Elimina
    2. il mio post almeno è nuovo! gnegnegnegne gnegnegnegne gnegnegnegne...

      Elimina
  2. Interessante...tanto dalle mie parti mica esce...recupererò in qualche modo.
    Guardati The Artist che non è niente male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beatrix, nonostante sia risaputo che a me le favole non piacciono, questo è davvero molto molto carino... e prima o poi tenterò anche il recupero di The Artist, promesso! :)

      Elimina
    2. maddai, non ti piacciono le favole?

      Elimina
    3. Me l'ha fatto notare un amico, tempo fa. Però lui è snob, quindi non so se credergli o meno... :)

      Elimina
    4. ma che gente frequenti?!?

      Elimina
    5. Lascia stare, tu non hai idea... :)

      Elimina
  3. Dunque mi assicuri che non sia una radicalcchicata che mi fa incazzare!? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono pronta ad assicurartelo! :)

      Elimina
  4. Film molto carino, gente, andate a vederlo! Post vecchio fa buon brodo, avevo sentito dire! :-D Comunque tempi grami per i pennuti, a partire dai poveri pollastri fucilati in "Cani sciolti"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero? Dici che in quanto galline vecchie dovremmo preoccuparci anche noi?

      Elimina
    2. Corro a comprarmi un giubbottino in kevlar, non farà gatta morta, ma mi preserverà la cotenna, in caso di caccia aperta alla gallina vecchia! :-))

      Elimina
    3. Magari la tecnologia si è evoluta, metti che facciano dei simpatici gile(t) in peluche di kevlar... :)

      Elimina
    4. Ma magari, che implemento con una gonnellina, e magari le mutande... naaa, alla fine le mutande in kevlar è come se le avessi già. :-)

      Elimina
  5. vabbè, adesso ricicliamo i post... :)
    ti perdono solo perché il film sembra meritare particolarmente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti tu sei uno dei pochi che aveva commentato anche l'anno scorso! :)
      Grazie, troppo buono!!!

      Elimina
  6. Madonna, per questo film uscì lo scandalo visto che era filmata l'uccisione di un toro...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Me l'ero perso.
      Che noia. Che poi è un film, mica l'avranno ucciso davvero il toro... :)

      Elimina
    2. Cioè, ma allora, anche le galline si sono salvate? :-D

      Elimina
    3. Sai che non ne sarei così sicura? ;P

      Elimina
  7. Pensavo di escluderlo vista la provenienza e il ri-genere muto, ma pare che invece valga la pena dargli una possibilità! Lo farò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lisa, secondo me vale la pena vederlo. Che pure io all'epoca, di fronte al film muto, avevo storto il naso. E invece. :)

      Elimina
  8. Certo che candidare un film muto nella sezione "miglior film in lingua straniera" è un ossimoro bello e buono

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah ah! Sai che, nonostante l'anonimato, non hai nemmeno tutti i torti? :)

      Elimina
  9. io so già che questo non mi piacerà. quindi, che lo vedo a fare? per masochismo e perché tu ne hai parlato così, ovvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, e per quale motivo non dovrebbe piacerti?
      (però se il tuo masochismo vince e lo vedrai attenderò curiosa di sapere che ne pensi... ) ;)

      Elimina
    2. Perché ho il sesto senso per queste cose. Però a sto punto lo vedrò a tempo perso :D

      Elimina
    3. A questo punto sono davvero curiosa che tu lo veda, per vedere quanto è affidabile il tuo sesto senso! :)

      Elimina
  10. vabbè, sui nani toreri son capitolata! :D

    RispondiElimina
  11. A me intrigava parecchio! Bianco e nero,muto... è il mio!! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vittorio, non ti deluderà, vedrai! :)

      Elimina
  12. Trovato!
    Ti dirò che ho preferito questo a The Artist, mentre a Macarena ho preferito la Matrigna, elegantissima, stronza e di una bellezza particolare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io The Artist non l'ho (ancora) visto, ma questo mi era piaciuto davvero parecchio.
      Encarta bellissima, ma davvero il tripudio della merdaggine! :)

      Elimina