27 settembre 2013

In the mood for love

Visto che è successo,
che importa chi ha cominciato?


Visto che Wong Kar-wai è in sala con il suo utimo The Grandmaster, che difficilmente riuscirò ad andare  vedere, ho approfittato degli ultimi (spero) giorni di prigionia per rivedere uno dei suoi film che credo non abbia bisogno di presentazioni.

Non c'è mai nulla di esplicito o di ostentato, sembra che quasi non succeda niente, ma ogni singolo fotogramma, la cura di ogni minimo dettaglio, la ricercatezza del particolare, raccontano tanto, se non tutto, della crescente intimità che si instaura tra Su Li-zhen (la signora Chan e i suoi splendidi - dal primo all'ultimo - abiti) e il signor Chow, che per una strana coincidenza (?) si ritrovano ad essere vicini di casa, e finiranno per scoprire che i loro rispettivi coniugi (figure astratte, la moglie di Chow viene inquadrata poche volte, mai in viso, e il signor Chan è soltanto una voce, spesso telefonica) sono amanti, senza sapere né come né quando sia iniziata la loro relazione. 
Inizieranno a frequentarsi per capire e provare ad immedesimarsi nell'altro, ma ogni loro incontro, ogni loro sguardo, regala allo spettatore, che qua diventa una specie di voyeur pudico, sensualità incontenibile, fino al loro ultimo incontro. 
E le parole spesso non servono, basta la musica a sottolineare la passione.
Se hai un segreto raccontalo ad un buco nel tronco di un albero, e poi coprilo col fango.
Non sarà un albero, ma la scena finale in cui Chow racconta il suo segreto ad un foro nel muro delle rovine cambogiane di Angkor Wat, avvolte da un silenzio secolare, è un ultimo tocco di emozione e poesia.

"il ricordo è qualcosa che può vedere ma che non può toccare"

Siempre que te pregunto 
que cuando,como y donde 
tu siempre me respondes 
Quizas, Quizas, Quizas 
Y asi pasan los dias 
y yo desesperado, y 
Tu,Tu contestando 
Quizas,Quizas,Quizas, 
Estas perdiendo el tiempo,
pensando,pensando 
Por lo que Tu mas quieras 
hasta cuando, hasta cuando 
Y asi pasan los dias, 
y yo desesperado 
y Tu,Tu contestando 
Quizas, Quizas, Quizas.

43 commenti:

  1. Film meraviglioso... che in coppia con il successivo 2046 (per me ancora più bello e struggente, vero vertice della filmografia di Wong Kar wai) costituisce un dittico splendido. L'uso delle musiche, le inquadrate, tutto quel "non detto" che vale molto di più di ciò che effettivamente esce dalla bocca dei due protagonisti...quell'atmosfera di malinconia tipica dei film di Wong Kar Wai. Anche se, mi ripeto, l'ho trovato molto meno coinvolgente del seguito 2046...ma questo penso sia soggettivo. D'accordo sul finale, fantastico nel suo essere così poetico...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Film splendido, credo uno dei più belli di sempre.
      2046 non riuscì a coinvolgermi allo stesso modo, invece.

      Elimina
  2. Il mio preferito di Wong Kar-wai e "2046", che ho quasi preferito a questo.
    Per il resto... un viaggio di pura poesia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto mi riguarda sono anche gli unici due di wkw che ho visto, e questo è il mio preferito.

      Elimina
  3. Filmone!!!! Io preferisco questo a 2046...ma stiamo spaccando il capello in quattro....

    RispondiElimina
  4. Stupendo davvero.
    Recupera Hong Kong Express, assolutamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo farò. Un impegno concreto! ;)

      Elimina
    2. concordo con Ford! Hong Kong express è assolutamente da recuperare! fidati ;-)

      Elimina
    3. E allora lo recupererò quanto prima! ;)

      Elimina
    4. Stavo per consigliarti lo stesso film anch'io, ma arrivo sempre tardi.

      Se ti è piaciuto così tanto In mood for love (io lo adoro) amerai di sicuro Ferro 3 - la casa vuota. E' di kim ki-duk, e certe atmosfere e il modo di raccontare senza parole me l'hanno fatto venire in mente. Uno dei miei film preferiti, l'hai già visto?

      Elimina
    5. Ciccola, non è colpa tua, sono io che, essendo diversamente giovane, ho visto davvero un sacco di film! :)
      Ferro 3 è un altro film splendido, che ho amato tantissimo. :)

      Elimina
    6. Hong Kong express se vuoi lo trovi anche su youtube, c'è il film completo... Di Kim Ki Duk, invece, penso sia da recuperare quasi tutto, specialmente i primi film

      Elimina
    7. Vittorio, questa è un'informazione interessante, grazie!
      Anche di Kim Ki Duk non ho visto molto, oltre a Ferro 3.
      Giusto Pietà.

      Elimina
  5. strano che non lo avessi ancora visto!

    RispondiElimina
  6. meraviglioso. erotismo senza far vedere nulla, poesia senza "guarda come so' poeta". credo che sarà il film che indicherò per il 2000...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stai ancora lavorando al classificone?? ;-)))

      Elimina
    2. Poison ha fatto prestissimo...e non credo abbia usato Google e poi scelto il primo film visto che le saltava agli occhi...non è da lei ;-))))))))

      Elimina
    3. Ti assicuro che non è stato affatto veloce.
      E la mia è la lista più lunga di tutte, pure! ;)

      Elimina
    4. Ma quello è per motivi anagrafici, non per merito ;-))))

      Elimina
    5. Ah, ma io il merito non l'avevo assolutamente preso in considerazione, infatti! :)

      Elimina
  7. Ogni volta che lo rivedo mi sembra sempre la prima volta. Ogni volta tira fuori qualcosa di diverso che era rimasto latente nella visione precedente. Riduttivo definirlo film d'amore; un film sul tempo, sulla memoria, un mistero impenetrabile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefano, hai perfettamente ragione. Io non l'avevo mai rivisto fino all'altro giorno, ma se possibile mi è piaciuto più della prima volta...

      Elimina
  8. Film che non sono mai riuscito a vedere e che ormai ho mitizzato. Non so se ci riuscirò ma dovrò vederlo, prima o poi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. El_Gae, sì. Devi. Assolutamente.

      Elimina
  9. Posso uscire dal coro, che tanto son stonata? Film impeccabile esteticamente ma intrinsecamente tutti questi silenzi io non li ho trovati poetici, ma vagamente stancanti. Chissà, magari rivedendolo... ma temo di essere terribilmente troppo occidentale per capire fino in fondo questo tipo di mentalità. Purtroppo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tiz, e ti pare che tu non possa? :)
      Pero prova a concedergli una seconda occasione. Tutto quello che può succedere è che la tua opinione resti immutata... :)

      Elimina
    2. Può darsi! Ricordo che, per esempio, dopo una prima visione non riuscita avevo adorato I misteri del giardino di Compton House", per cui.. :-))

      Elimina
  10. Risposte
    1. Vero. E non dico altro nemmeno io. :)

      Elimina
  11. Posso copiare Frank qui sopra? Ok!
    Capolavoro. E non dico altro.

    RispondiElimina
  12. Capolavoro, concordo però 2046 mi piacque quasi alla pari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 2046 non è riuscito ad affascinarmi allo stesso modo. Se riesco proverò a rivedere anche lui, uno dei prossimi giorni... Vediamo se cambio opinione! :)

      Elimina
  13. capolavoro non è usato senza misura in questo caso

    RispondiElimina