10 luglio 2013

The Boondock Saints







Film del 1999 di cui non avevo alcuna memoria. 
Cosa abbastanza curiosa, considerata la mia passione per Willem Dafoe.
Sta a vedere che adesso mi toccherà recuperare pure The Boondock Saints 2. Già. Perché uno non bastava. E se io ignoravo l'esistenza del primo figuriamoci il secondo. Vabbè. 
Chiaro che la sua visione non aggiunge nulla al genere (quale genere, poi? action/crime/thriller/tamarro, probably) e si può vivere benissimo anche continuando a ignorarne l'esistenza 
Ma Willem Dafoe nei panni dell'agente dell'FBI Paul Snecker che gigioneggia e filosofeggia (e ancheggia, pure) è strepitoso. Che è fottutamente sexy non lo dico, troppo facile. 
Siamo a Boston, nel giorno di San Patrizio. Dopo essere stati in chiesa, i due fratelli McManus, Connor e Murphy, vanno al pub e vengono coinvolti in una rissa con dei mafiosi russi. 
Tornati a casa come niente fosse successo vengono però raggiunti da due dei russi della rissa (scusate) e finiscono per ucciderli. Ovviamente per legittima difesa. Mentre la polizia indaga (ed è proprio sulla scena del crimine che fa il suo ingresso trionfale il detective Snecker) i due fratelli si costituiscono, ma, colpiti dalle parole del prete durante l'omelia, che citando l'omicidio di Kitty Genovese dirà che uno dei mali che bisogna temere è l'indifferenza degli uomini buoni, decidono - non si capisce esattamente perchè - di trasformarsi in giustizieri, o angeli vendicatori, eliminando tutti quei criminali, che, per un motivo o per l'altro, riescono a sfuggire alla giustizia tradizionale. 
A loro si unirà Rocco il simpaticone, un affiliato della mafia italiana, dopo che i suoi capi hanno cercato di farlo eliminare dalla mafia russa, e, mentre i due fratelli continuano indisturbati la loro mattanza, Snecker, che ha capito subito chi c'è dietro a tutti quegli omicidi, deciderà di aiutarli.
Insomma, un film che avrebbe potuto essere interessante, ma a cui manca quel certo non so che per risultare convincente, per cui se non siete amanti di Willem Dafoe, o se non siete la mamma, la sorella o la fidanzata di uno dei protagonisti (Sean Patrick Flanery e Norman Reedus), bellocci ma carismatici quanto una scatoletta di tonno al naturale, lasciate pure stare. 
Il regista, il misconosciuto Troy Duffy, è quello di cui potresti dire senza problemi "è bravo ma non si impegna". Infatti The Bondock Saints 1 e 2 sono i suoi due unici film. 
Sarà un caso?

39 commenti:

  1. il tuo ammmore per Dafoe ti ha spinto a vederlo anche nei film di sua moglie? tipo Black Widow (titolo italiano di Before It Had a Name...)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio ammore per Dafoe me lo fa amare anche senza bisogno di vederlo.
      Infatti questo mi manca...

      Elimina
    2. lascia che continui a mancarti. tra l'altro Mrs Dafoe ha anche fatto il bis, ma che io sappia se n'è accorta ancora meno gente

      Elimina
  2. Questo mi manca, ma pure questo: The Loveless (The Loveless), regia di Kathryn Bigelow e Monty Montgomery (1982)
    Qualcuno ne sa qualcosa? Perchè mi manca un film di K. Bigelow?? Con Willem, perdipiù!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chi minchia è Monty Montgomery (complimenti alla fantasia dei genitori)?

      Elimina
    2. @tiz: te la butto lì, perchè nel 1982 la Bigelow non se la inculava nessuno (nemmeno Cameron, all'epoca) e il film non è mai arrivato da queste parti?

      Elimina
    3. Credo la tua interpretazione sia corretta, però sarei molto curiosa di vederlo! E ieri su una bancarella mi sono comprata (per restare in tema) "My son my son what have ye done?"

      Elimina
    4. ce l'ho lì da un po', l'unica volta che ho provato a vederlo mi sono addormentata. aspetto che mi arrivi l'ispirazione.

      Elimina
    5. Sinossi
      1959, strade polverose del sud degli Stati Uniti. Un gruppo di bikers è in viaggio per raggiungere Daytona. Sono giovani, arrabbiati, vestiti di pelle nera e vogliono gridare al mondo tutta la loro collera. Durante il viaggio si fermano in una cittadina per riparare una delle loro moto. Qui Vance (Willem Dafoe), il loro capo, intrattiene una relazione con una sedicenne del posto, scatenando l'ira del padre e degli altri abitanti. In un'escalation di violenza e scontri a fuoco la gang scatenerà un inferno.
      Sulla copertina del dvd Willem è mooooolto sexy!

      Elimina
    6. My son my son è bellissssssimo!

      Elimina
    7. @Dantès: occhio che se non mi piace vengo lì e ti picchio! :-)

      Elimina
    8. Uh, era da un pezzo che non veniva rievocato The brown bunny.

      Elimina
    9. ne sentivi la mancanza?

      Elimina
    10. no, io no.
      però ho riso molto leggendo il commento della "zia" di vincent gallo.
      certo che ne conosci di gente stupida, eh? ;)

      Elimina
    11. ciao, amici!
      è già uscito Pacific Rim? Eh...?...Eh...? Già uscito???

      Elimina
    12. ma ciao!
      no, esce domani!

      Elimina
    13. io preferisco il pacific rimming...

      Elimina
    14. oh beh, suppongo sarebbe stato preoccupante se avessi detto rimmel, neh?

      Elimina
    15. @dantes: ma esistono anche le varianti atlantiche ed indiane del rimming?
      così, per curiosità.

      Elimina
    16. Guarda che lui parla per sentito dire pure dell'italian rimming... :-D

      Elimina
    17. ah sì? e tu come lo sai? ah ah ah :)

      Elimina
    18. secondo me intendeva dire lo preferisce al violent rimming.

      Elimina
    19. ecco, vipero sì che mi capisce. ché il rimming è una cosa a cui ci si dedica pacificamente

      Elimina
    20. ah, non accetto provocazioni dalle sconosciute, al massimo i cicles (le caramelle mi fanno sgiai)

      Elimina
    21. Disse l'uomo che del rimming conosce l'esistenza grazie a you porn?!
      ;-)))

      Elimina
    22. c'è come un rumore di sottofondo... poison, credo che il tuo blog sia posseduto. sarà un troll?

      Elimina
    23. E'il solito demonio che ti possiede da tergo, abbozza e non pensarci, poi passa! :-))

      Elimina
  3. Non abbiamo proprio lo stesso gusto in fatto di uomini, ché questo William coi denti sparati in bocca mi fa ribrezzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho pensato molto ai denti dopo questa affermazione di JuleZ e sono giunta alla conclusione che, pur schifando alcuni tipi di dentatura, gli uomini con i denti strani non mi dispiacciono, Willem è uno, poi David Bowie e persino Steve Buscemi, che ha una dentatura veramente imbarazzante.

      Elimina
    2. Basta che adesso non torni a nominarmi Shane MacGowan, ok? ;)
      ah ah ah ah!

      Elimina
  4. ODDIO!!! The Boondock Saints è tipo un giga-mega-mitico. Un mio must e ora me lo riguardo pure...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, quindi tu hai senz'altro visto pure il 2. Che faccio, recupero?
      Perchè sia chiaro, a me in alcune cose ha anche divertito (ho pure riso alla barzelletta di Rocco il simpaticone, vedi tu come sto messa!), ma è davvero un po' buttato lì a casaccio.
      Cioè, un minimo di approfondimento sui personaggi di Connor e Murphy non mi avrebbe fatto schifo, per dire.

      Elimina
    2. il 2 non lo vedere... è più per i fan strong!

      Elimina
    3. ah ah ah ah!
      eh, ma se mi dici così la curiosità me la inzighi proprio, invece che farmela passare! :)

      Elimina
    4. no aspè! è da intendere così: i fan del primo si sforzano di farsi piacere pure il secondo.

      Elimina