28 luglio 2013

Returner




Extraterrestre portami via, 
dammi un film che non sia una tamurria... 
Chiedo scusa a Eugenio Finardi, so che capirà. 
Siamo nel 2002, su una nave ormeggiata nel porto di Tokyo. Myamoto, il nostro eroe, un piccolo fan di Neo di Matrix con tanto di cappottino di pelle di ordinanza secca due/tre dozzine di cattivi e alla fine, quando si trova faccia a faccia con il terribile Mizoguchi, si apre una voragine nel cielo da cui precipita Milly, il nostro eroe le spara, si distrae e Mizoguchi sparisce.
Raccoglie la ragazzina - che non è morta - e la porta a casa. 
Al risveglio lei gli racconta che è tornata dal futuro (dal 2084) per scongiurare una terribile invasione aliena che distruggerà la terra (il ritorno nel passato per cambiare il futuro... qualcuno ha detto Terminator?) e lei e il suo popolo si sono rifugiati in Tibet, dove stanno resistendo al nemico, che chiamano Dagra. 
Myamoto finge di crederle, poi non le crede, poi forse, poi sì. 
Contemporaneamente all'istituto di scienze spaziali hanno catturato un cucciolo di alieno che vuole tornare a casa (qualcuno ha detto ET?) che ovviamente Mizoguchi rapisce. Intanto nel mondo succedono cose strane. Milly e Myamoto decidono di salvare il mondo, ma lui le fa notare che è vestita da schifo (qualcuno ha detto "Ma come ti vesti?" Ah no, Enzo e Carla non c'erano ancora all'epoca. Qualcuno ha detto Pretty Woman/Wasabi/Leon?) e la porta a fare shopping in un negozio fighissimo dove il colore più vivace è il blu notte è lei incredibilmente uscirà con una giacca di pelle color mattone e una gonna color caghetta. 
Dopo un inseguimento in moto fra esplosioni e sparatorie (qualcuno ha detto Mission Impossible?) i nostri eroi arrivano all'istituto di scienze dove ET sta morendo. Milly capisce che per salvare il mondo non deve uccidere l'alieno ma farlo tornare a casa sano e salvo, e fra acrobazie, morti ammazzati e l'alienuccio agonizzante avvolto in una coperta, con dialoghi che al confronto quelli di un episodio di Candy Candy sembrano quasi incomprensibili da quanto sono profondi, arriva l'alba del giorno X. 
E il gran finale. 
Che quasi ero lì con la lacrimuccia. 
E invece.

6 commenti:

  1. guardati Cyborg Girl che è più carino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo segno.
      Comunque questo, a parte essere una macedonia di dejavu con dialoghi un po' troppo banali non riesce ad essere un brutto film. Grazie anche al protagonista, che è belloccio anzicheno! :)

      Elimina
  2. amore grazie per il maxi carattere che so quasi cecata (sai l'età..)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, prego! Col minchiatelefono non riesco a sistemarlo! :)
      Ho tutto il senso estetico infastidito! :)

      Elimina
  3. e invece è una merdaccia di film...e te lo dice uno che li ama questi film...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah! effettivamente è un'accozzaglia di tutto il visto e il non visto (io sono sicura che nel finale mi è apparsa anche quella merda di astronave di Prometheus!), ma il finale un po' si salva, dai! :)

      Elimina