16 luglio 2013

La notte brava del soldato Jonahtan


Clint Eastwood ha lavorato cinque volte con Don Siegel, e nel 1992, quando vinse l'oscar per "Gli Spietati", glielo dedicò.
L'uomo dalla cravatta di cuoio, Gli avvoltoi hanno fame, Ispettore Callaghan: il caso Scorpio è tuo, Fuga da Alcatraz e questo drammone un po' gotico, un po' (troppo, forse) morboso che è La notte brava del soldato Jonathan, che ho rivisto in tv nella notte tra domenica e lunedì.
Il titolo originale "The Beguiled", che possiamo tradurre con "l'abbindolato" e/o "l'ingannato", rende, come sempre, meglio l'idea di quello che ci aspetta.
Guerra di secessione. 
Il caporale nordista Jonathan McBurney viene ferito ad una gamba e abbandonato in territorio sudista. Trovato casualmente dalla piccola Amy mentre sta raccogliendo funghi viene soccorso e ricoverato nel collegio femminile in cui la ragazzina è ospite.
Il collegio è gestito da Martha, una zitella scaltra e autoritaria. E molto meno morigerata di quanto sembrerebbe all'apparenza, ma questo lo scopriremo soltanto in seguito.
Voi mettete un uomo - seppur ferito e malconcio - con la faccia di Clint Eastwood, a quell'epoca 41enne che fossercene in giro, in un collegio di femmine e non serve nemmeno molta immaginazione per capire come va a finire. 
Il soldato è consapevole che, una volta guarito, verrà consegnato all'esercito sudista come prigioniero di guerra, ma, durante la convalescenza, riuscirà a concentrare su di se le attenzioni e le premure delle ospiti del collegio, che sono affascinate e attratte dall'uomo: dalla dolce Edwina, l'insegnante di francese, a Carol, 17enne studentessa che la sa già abbastanza lunga, alla stessa Martha, e mettiamoci pure la piccola Amy, almeno lei - si spera - in maniera più innocente.
Jonathan è un perfetto penefattore, e si concede, fra menzogne e promesse a Edwina, Carol e alla stessa Martha, che, in un sonno turbato, sogna triangoli lesbo-porno-soft con l'uomo e l'insegnante. 
Una notte l'uomo va in camera di Carol, e mentre fanno all'ammmore, l'insonne Edwina li scopre. 
Ferita, tradita e umiliata, mentre Jonathan esce da Carol dalla camera di Carol per cercare di giustificarsi, lei lo aggredisce e lo fa cadere dalle scale. 
Purtroppo per lui non muore, ma la gamba, non ancora perfettamente guarita, si spezza.
E, siccome l'ira funesta delle cagnette a cui aveva più che sottratto, distribuito l'osso può essere spietata, interviene Martha, che, per scongiurare preventivamente il rischio cancrena, decide di amputargliela.
Ma per il caporale McBurney l'incubo non è ancora finito.
Film cupo, dalle venature quasi horror, dove non manca la suspense e dove tra gelosia, violenze e segreti, si dipana una guerra più crudele di quella che si sta combattendo fuori dalle mura del collegio.
Questo film, che all'epoca fu un flop clamoroso, fece scoprire che il buon Clint era anche in grado di recitare, con e senza cappello. 




















56 commenti:

  1. Clint penefattore è eccezionale! Ma lo sai che credo che questo non sono mai riuscito a vederlo?forse è l'unico Clint che mi manca...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. del resto come vuoi chiamarlo un uomo che si prodiga in opere di pene, più che penefattore? :)
      comunque se non l'hai visto vale il recupero!

      Elimina
  2. Questa rece é bellissima. Mi pento d'aver dormito quando lo rivide Ford

    RispondiElimina
  3. film malatissimo, bello bello. mi è venuta voglia di rivederlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. malatissimo rende bene l'idea in effetti...

      Elimina
  4. Film bellerrimo, veramente più vicino ad un horror di quanto non sembri, fa venire un'ansia soffocante, e non l'ho neanche rivisto di recente, mi ricordo l'ansia di quando lo vidi, anni (lustri? decenni?) fa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. assolutamente molto vicino all'horror, davvero.
      è passato l'altra sera (notte?) in tv, e visto che ero sveglia, gli ho dato una spolverata...
      la domanda vera è: perchè ero sveglia a quell'ora?
      aaaaah, a saperlo! :)

      Elimina
    2. Ma eri sveglia per vedere bei film! E' la tua mission! (Il cielo mi perdoni per l'uso di questa orribile espressione) ;-))

      Elimina
    3. se per te fa lo stesso, per il momento ti perdono io... :)

      Elimina
    4. Sei un filo più concreta del cielo, quindi il tuo perdono è senz'altro il benvenuto! Io mi chiedo perchè mi ostini a chiedere perdono al cielo, essendo io una miscredente senza speranza... :-)))

      Elimina
    5. io non la perdono...

      Elimina
    6. Il solito talebano... :-))

      Elimina
    7. ah ah ah ah ah! cazzo, mi legge pure il cielo! :)

      Elimina
    8. Io credo sia Fascino sotto mentite spoglie, sai che l'ego non gli difetta.... :-))

      Elimina
    9. Tiz, hai litigato con la tecnologia? :)
      se clicchi sul nick scoprirai chi è il proprietario dell'ego, che tu, col tuo commento, hai sicuramente provveduto ad affossare!
      ah ah ah ah ah!

      Elimina
    10. OOPS... ma io non clicco mai sul nome, almeno non quando non c'è uno straccio di fotina-logo, immagino siano pseudonimi di gente che passa di qua e morta lì... signur, chi ho offeso? Ho pauraaaaaaa! :-))
      y

      Elimina
    11. agghiacciantaaaaaaaaaaaaaaa.
      no, vabbè, ma tanto non lo conosci, quindi direi che il problema non sussiste! :)

      Elimina
    12. Ah, ok, spero non sia permaloso. Certo è che se come Cielo non mi perdonava, figuriamoci lui stesso in quanto tale! ;-D

      Elimina
    13. io che di mestiere faccio il dio non posso assolutamente soprassedere a questo vizio di forma... e non dirmi che Gino Bramieri era molto più indulgente

      Elimina
    14. ah ah ah ah ah!
      Tiz, ego smisurato forse è un po' riduttivo... :)

      Signor Cielo, ma se adesso le si inchianassero i cazzi e decidesse di far arrivare un uragano lo circoscrive all'isolato della Tiz, vero? :)

      Elimina
    15. signor Il cielo, prego. in linea di massima lo farei, ma dovrei sapere esattamente dove abita. quindi per non sbagliare (sono o non sono dio?) allago tutta Torino e prima cintura

      Elimina
    16. Signor Il Cielo, chiedo scusa, ma se io adesso indosso questa t.shirt qua, con scritto "delatrice" sulle tette e le passo l'indirizzo della Tiz sottobanco avvalendomi di quello stimatissimo blogger nostro comune amico?

      Elimina
    17. ah, ecco cos'era quella scritta tutta ondeggiante, che con quelle tette non si capisce niente!

      Elimina
    18. effettivamente è uno dei motivi per cui ho smesso di indossare t.shirt con le scritte! :)

      Elimina
    19. Ok, credo traslocherò immantinente. Comunque se un dio dall'ego ipertrofico deve chiedere il mio indirizzo ad un donnino con le tette ondeggianti (o era la scritta?), devo dire che il suo mestiere non lo sa fare COSI' bene..... ;-D

      Elimina
    20. è la scritta che ondeggia, a causa dell'ondeggiamento delle tette. cazzo, mi è venuta la nausea solo a immaginarlo.

      Elimina
    21. ma la finiamo con 'sta palla che un dio deve sapere tutto, messa in giro da miscredenti che ci vogliono rovinare?

      Elimina
    22. @il cielo:(notare le minuscole, please): god is overrated?

      Elimina
    23. blasfema! comincia ad aprire l'ombrello. o a nuotare. tsk!

      Elimina
    24. giusto per sapere, ad "aprire l'ombrello" solo io ho visualizzato Altan?

      Elimina
    25. @il cielo: so fare entrambe le cose, pfui! :-)

      Elimina
    26. @Poison: eccerto! E, ricorda, prima di aprire l'ombrello bisogna accertarsi dove si trovi precisamente, l'ombrello... :-)

      Elimina
    27. @Tiz: il mio perennemente nel bagagliaio dell'auto. Chiuso.

      Elimina
    28. il mio sta fuori dall'ufficio. di solito quando sono dall'altra parte del mondo e diluvia

      Elimina
    29. uh, dantes, ma ciao! dove sei stato finora? che prima c'era uno con l'ego ipertrofico che si credeva un dio, manco fossi tu! :)

      Elimina
    30. ma io c'ho solo l'ego ingrossato, mica mi credo dio

      Elimina
    31. Cielo, Dantès! :-)

      Elimina
    32. @Dantès: ingrossato? hai provato a eliminare i fritti? ;)

      Elimina
    33. @Tiz: chi nascondi dentro l'armadio?
      @poison: la mia religione me lo impedisce

      Elimina
    34. @Dantès... roba ingrossata, ma non l'ego! (ehm, troppo porn?)

      Elimina
    35. comunque io a proposito di diluvio prima stavo scherzando, non era il caso di applicarsi così! :)
      (che ho l'ombrello in macchina, appunto!)

      Elimina
    36. Cielo quando si attiva è pericoloso, vedo! Io ce l'ho in ufficio e, ora, in borsa... passa di qua e andiamo a cine assieme, sotto l'ombrello! :-)

      Elimina
    37. AHAHAHAHAHAHAHAHAHAH! (risata da dio)

      Elimina
    38. deduco che, a dispetto della locandina, non andrete al cinema all'aperto...

      Elimina
    39. @Tiz: ora che arrivo lì muoro affogata! :)

      @il cielo: sto zitta, che mi fai paura! ;)

      Elimina
    40. @dantes: ah ah ah ah!
      no, i film della locandina li prioettano mer/ven/sab. Oltretutto alle 22.00, quindi difficilmente io in settimana riesco a resistere fino a quell'ora. Dovrei informarmi se mi fanno portare il divano, al limite!
      Domani fra l'altro danno l'allegrissimo "Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto", e non so se ho voglia di rivederlo...

      Elimina
    41. però è un film fichissimo, con un Volontè immenso. e, lo ammetto, fastidioso come un dito nel culo se hai problemi di ragadi

      Elimina
    42. oh, assolutamente d'accordo. ma non so se ho voglia di tutta questa leggerezza in una botta sola.

      Elimina
    43. Tanto anche domani pioverà, inutile pensare ad un film all'aperto...
      :-(

      Elimina
  5. Ne ho un ricordo talmente nebuloso che è come se non l'abbia visto. Mi sa che mi ci ributto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ributtatici, Frank! :)

      Elimina
    2. *L'avessi, alla faccia dell'italiano...

      Elimina
    3. e tu fai conto che io non l'abbia letto. :)

      Elimina
  6. Pur sapendo di apparire (ma forse appena appena, nemmeno tanto dai) ripetitivo vorrei rendervi edotti del fatto che a Clint hanno ritagliato un cameo anche in Rango.

    RispondiElimina