9 luglio 2013

god bless america


Se i miei amici distributori avessero fatto arrivare in sala, al posto di quella roba pretenziosa, tritapalle e ironica quanto una puntata dei teletubbies che è Killer in viaggio, questo "god bless america" io sarei uscita dalla sala un tantinello più soddisfatta. Non che ci volesse molto, poi.
Ne avevo già letto bene da qualche parte. Anche dal Cannibale, fra le altre cose. E questo non sempre è un bene, per quanto mi riguarda. 
Ma, siccome rischio è il mio secondo nome ho deciso comunque di tentare il recupero. 
Il regista si chiama Robert Francis 'Bobcat' (esatto, proprio quello della foto) Goldthwait, ma io, per comodità, non lo chiamerò più, e - per darvi un'idea spiccia di chi sia, vi dico che è colui che in Scuola di Polizia interpretava Zed. Per non sembrare troppo Skassalkazaja eviterò di dirvi che io lo trovavo fastidiosamente insopportabile, ok? 
Ok.
Frank è un uomo tranquillo.
Frank è anche un uomo medio. Talmente medio che il suo numero civico è 5773 e 1/2.
Vive con degli odiosi vicini di casa che sogna di sterminare con un fucile a pompa, compreso l'infante usato come piattello (pull!), è separato e padre di una bambina simpatica come un dito nel culo, che non lo vuole vedere e si esibisce in una scenata isterica da antologia (che se fosse mia figlia vivo glielo faccio mangiare il telefonino) quando sua madre le compra un blackberry al posto dell'iphone. Il giorno in cui lo licenziano per un improbabile episodio di molestie sessuali ai danni della receptionist, va dal medico che gli diagnostica un tumore al cervello. Che se il buongiorno si vede dal mattino pensa che settimana di merda che ti aspetta. E infatti Frank decide di suicidarsi.
Ma non riesce a smettere, in una sorta di compiaciuto masochismo, di guardare la tv, che continua a bombardarlo con trasmissioni pessime, in cui, a suo parere, si è persa la gentilezza. Dai predicatori che lanciano messaggi di odio al Tea Party, passando per i talent show in cui i concorrenti meno dotati vengono presi pesantemente in giro da pubblico e presentatori, per finire con un reality - mi dicono ispirato ad un reale programma in onda su MTV, "My super sweet 16" - in cui la giovane protagonista, Chloe, bellissima ricchissima e viziatissima, dà di matto nel momento in cui il suo paparino adorato, nel giorno del suo compleanno, le regala un'automobile che NON E' un'Esplanade. 
Decide quindi, prima di uccidersi, di eliminare Chloe. 
Testimone dell'omicidio è Roxy, coetanea della ragazza, che manifesta immediatamente l'apprezzamento per il gesto di Frank, definendo la povera Chloe una "class A cunt" (insulto eco-sostenibile?) 
E da quel momento, dopo che Roxy avrà convinto Frank a non uccidersi, un po' Heathers, un po' Super, la strana coppia di spree killers inizierà a muoversi per il paese eliminando tutti quelli che - secondo loro - fanno qualcosa di sbagliato. Motivando i loro gesti con giustificazioni se vogliamo ineccepibili, eh?
E se tutti probabilmente abbiamo sognato almeno una volta di eliminare quelli che al cinema continuano a parlare al cellulare come fossero nel loro salotto, o quelli che parcheggiano occupando due posti invece che uno, Roxy ha idee abbastanza precise (e anche un po' rigide) su chi e perchè eliminare (“NASCAR fans, country fans, people who dress their babies in band t-shirts”)... Fantastico il passaggio in cui se la prende con Juno, Ellen Page e Diablo Cody, e Frank la ammonisce dicendo “I don’t want to kill someone just because you hate their movies,”. 
Il declino dell'impero americano 2.0.
E il declino di un paladino della gentilezza perduta.
Eroe negativo, che porterà a termine la sua missione in diretta tv. 
Come fosse il protagonista di uno di quei beceri reality che vedeva nel suo appartamento dalle pareti di cartapesta, e di cui non si capacitava. 
God bless america non è un film perfetto, ma fa comunque riflettere.
E se Frank (Joel Murray - fratello di Bill) è perfetto nella parte dell'uomo qualunque, la giovane Roxy (Tara Lynne Barr) è bravissima nei panni dell'adolescente problematica, incompresa e, perchè no? un po' saccente.



...se avete preso per buone 
le "verità" della televisione 
anche se allora vi siete assolti 
siete lo stesso coinvolti...

44 commenti:

  1. voglio vederlo!!! cià, me lo cerco va...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cià, fai così! ;)

      Elimina
    2. ho espresso il desiderio e la fatina me l'ha fatto trovare nel computer già stamattina!

      Elimina
    3. minchia, che fatine brave che c'hai, tu.

      Elimina
  2. Risposte
    1. fatti prestare la fatina di Dantès! :)

      Elimina
    2. Beeeello! Cosi' poi mi lascia anche il soldino sotto il cuscino,a posto di un canino!

      Elimina
    3. Voglio anche io la fatina! In usucapione, si intende! :-))

      Elimina
    4. la fatina del torrente va a trovare solo i bambini buoni. in usucapione, tsk!

      Elimina
    5. L'importante e' che abbiano ancora i Dantini da latte!

      Elimina
    6. Pensavo venisse a dorso di mulo... dal torrente non arriverà tutta bagnata? :-))

      Elimina
    7. infatti è una fatina porca. e poi quelle a dorso di mulo sono troppo lente

      Elimina
    8. Le Mule-Girl (o Burricche) dalle mie parti sono quelle di facili costumi diciamo timide intellettualmente.

      Elimina
  3. ti è piaciuto un film da me consigliato?
    ma sei impazzita???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai visto? ah ah ah ah
      (ogni tanto succede, dai!)

      Elimina
  4. Lo devo vedere ad ogni costo... si trova facile?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo di si, Dantes nei commenti sopra diceva che l'ha chiesto alla fatina del torrente ieri sera e stamattina ce l'aveva già. Io come sai il lavoro (s)porco lo faccio fare al mio collega dell'ufficio IT. :)

      Elimina
    2. confermo, io l'ho trovato in originale con i sottotitoli in inglese

      Elimina
    3. ma dai? la mia fatina è differente, me l'ha portato subbato ita.
      O subbaqquo?

      Subbaqqui

      Elimina
    4. la mia fatina è più colta della tua

      (ah, che meraviglia Guzzanti!)

      Elimina
    5. la mia fatina conosce i miei limiti e cerca di non mettermi in imbarazzo.

      (ah, quanto è vero!)

      Elimina
    6. la mia fatina finge di non conoscere i miei. ma d'altra parte io vivo così scandalosamente al di sopra delle mie possibilità che, all'epoca, vidi Mare dentro in originale senza sottotitoli, con Bardem che per tre quarti del film parla in quel modo incomprensibile

      Elimina
    7. cioè, definirti snob è quasi riduttivo, in buona sostanza! ah ah ah

      Elimina
    8. ero in Spagna, mica me lo sono andato a cercare, oh!

      Elimina
    9. Io volevo fare la splendida e ho cercato il dvd, ma c'è solo in inglese senza subbaqui, mortacci delle loro carogne.

      Elimina
    10. @Dantès: eh, mica c'era scritto "all'epoca (mi trovavo in spagna), vidi mare dentro ecc.ecc...."

      @Tiz: li mortacci delle loro carogne? ah ah ah ah ah!

      Elimina
    11. è che sono così snob che devo averlo raccontato un centinaio di volte a chiunque...

      Elimina
    12. è che io ho la soglia di attenzione simile a quella di un bimbo di sei mesi, facile che mi sia sfuggito... :)

      Elimina
    13. quando? cosa?
      ma soprattutto, tu chi sei? :)
      ah, sì, aspetta. Sei l'amico della Tiz, giusto?

      Elimina
    14. Io non lo conosco e se lo conosco lo disconosco. E' troppo snob persino per me! :-D

      Elimina
    15. 'azzo ci faccio qui? Tiiiiiiiiz, aiuto!

      Elimina
    16. se ci pagassero per ogni cazzata che diciamo io a quest'ora sarei ricca in maniera sfrontata.

      Elimina
    17. Lo aiuto? E se lo aiuto che me ne viene? (Se esistesse il contrario del buonismo sarei in preda al cattivismo!) :-))

      Elimina
    18. ma da una decina di anni... :)

      Elimina
    19. e son fortune, eh?
      anche bella. dentro.
      vorrei vedere la faccia del mio anatomopatologo, mentre esegue il mio esame autoptico.

      Elimina
    20. radiosa. come quella di Bernadette davanti a Madonna

      Elimina
    21. ah ah ah ah ah ah!
      che poi io me lo immagino un po' con la faccia da Steve Buscemi in versione Robert Wilson ◄►

      Elimina
    22. Io che nel torrente ci affogo e basta perché sono sfigato, l'ho trovato in altro modo subbato in italiano.

      Elimina
    23. stai parlando con una che non riconoscerebbe un torrente finchè non ci cade dentro, ma hai visto che si trovava facile? :)

      Elimina
    24. poi quando ho tempo provo a riscrivertela in italiano... :)

      Elimina
  5. Adorando tutti i coinvolti è un film che aspetto di vedere da parecchio, non vedo l'ora!!

    RispondiElimina