26 giugno 2013

To be or not to be (Vogliamo vivere!)

Quando esci dalla sala soddisfatta perché hai visto un gran film, e il film in questione è del 1942, ti rendi subito conto del motivo per cui ultimamente dopo la visione di ogni pellicola hai quell'espressione a metà strada tra il mpf e il meh
Perché i film belli esistono. Solo che ultimamente hanno dimenticato come realizzarli. 
E d'accordo che Lubitsch non è propriamente l'ultimo arrivato e che per lui Billy Wilder coniò l'espressione di "tocco alla Lubitsch", ma, signori miei, qua se non siamo di fronte al capolavoro poco ci manca. (e non mi si venga poi a dire che non accetto consigli)
Sagace satira che - nel 1942 - prende di mira il nazismo e i suoi ideali. 
Siamo a Varsavia, poco prima dell'inizio del conflitto, e la compagnia teatrale di cui fanno parte Maria Tura (Carole Lombard, strepitosa in quello che purtroppo sarebbe stato il suo ultimo ruolo) e suo marito Josef è impegnata nelle prove di un nuovo spettacolo (Gestapo), ma, grazie all'intervento della censura, dovranno riportare in scena l'Amleto. 
E' durante il monologo che l'affascinante Maria riceve in camerino il tenente Sobinsky, aitante pilota e suo appassionato ammiratore. 
Ma l'invasione della Polonia lascia ben presto gli attori senza lavoro, mentre il giovane tenente entrerà a far parte della squadra polacca della Raf impegnata nella resistenza, e sarà proprio lui a scoprire che il professor Siletsky altri non è che una spia nazista.
Per impedire che le sue informazioni arrivino alla Gestapo, Sobinsky cercherà di tornare a Varsavia prima del professore, e, rientrato in contatto con Maria e tutta la compagnia teatrale inizierà, in un meccanismo perfetto dove tutto si incastra alla perfezione, fra dialoghi, battute ironiche e pungenti, equivoci, intrecci e scambi di persona,  un'incredibile quanto rischiosa operazione antinazista.
E se il monologo dell'Amleto accompagna più volte lo spettatore durante il film, il monologo di Shylock arriva nel momento più toccante di tutto il film, dove realtà e finzione si amalgamano alla perfezione con l'ironia e la satira. 

Se ci ferite noi non sanguiniamo? 
Se ci solleticate, noi non ridiamo? 
Se ci avvelenate noi non moriamo?
E se ci fate un torto, non ci vendicheremo?
Se noi siamo come voi in tutto 
vi assomiglieremo anche in questo.

47 commenti:

  1. E' questo il motivo per cui registi vari si lamentano dello stato del cinema contemporaneo e non vogliono tornare a dirigere (vedi David Lynch)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, sono i registi che si lamentano? E io che pensavo che fosse colpa loro, pensa! :)

      Elimina
  2. vabbè, che te lo dico a fare? un film geniale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, ma che per vedere un film geniale al giorno d'oggi bisogni tornare indietro di 70 anni... è agghiacciantAAAAA!

      Elimina
    2. Hai paura anche tu? ;-D

      Elimina
  3. Togli immediatamente quel "poco ci manca"...Questo è un capolavorone. Tirato fuori da un'oscura pieces teatrale ungherese, rifatto meravigliosamente da Mel Brooks (che si sentì talmente inferiore a Lubitsch da non volere risultarne pubblicamente il regista)..
    Che meraviglia che l'abbiano ristrutturato e redistribuito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che meraviglia che la gente lo vada a vedere, soprattutto.

      Il "poco ci manca" l'ho messo perchè non mi piace esagerare, ma sì, capolavoro ci sta tutto. :)

      Elimina
  4. Capolavoro senza se e senza ma. Rivisto da poco anche il remake di cui parla Giocher che però, ahimè, pur essendo carino non è certo altrettanto divertente! E, devo dire, è il politicamente corretto che lo frega. Tornando a bomba, il dilemma c'è: sono i registi a non avere più idee o il sistema boicotta le loro belle idee ed escono solo film pensati con il culo? Mah.... :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai per caso detto culo in questo blog rispettabilissimo? ;)

      Elimina
    2. Quella del "politicamente corretto" del remake di Mel Brooks l'agg'ha spiegà, però...prego ^^

      Elimina
    3. Oltre agli ebrei ci sono le persecuzioni agli omosessuali, cosa che nel film di Lubitsch manca totalmente, tanto per fare un esempio, il che rende il film meritevole di aver sollevato la questione, ma nel complesso non rende il film più divertente, anzi, il gay è un po' macchietta.

      Elimina
    4. Ah! Intendevi quello.
      "Ma senza ebrei, froci e zingari....che ne sarà del teatro?!?!" (Cit.)
      ..In quel film sono tutti macchiette, è di Mel Brooks! Ci mise mano immediatamente dopo Frankenstein Junior, e scusa se è poco...

      Elimina
    5. Ma a me piace Mel Brooks e il film è carino, ma, comparato all'originale, non è all'altezza. Per me, naturalmente! :-)

      Elimina
    6. azz, io e la tiz siamo d'accordo!!!!

      Elimina
    7. ah, scusate se ho detto azz in questo blog rispettabilissimo...

      Elimina
    8. No aspè...mai detto che sia superiore all'originale, neh...
      Volevo solo capire l'astrusa affermazione.

      Elimina
    9. PORCA TROIA!...m'è scappato "astrusa"! chiedo venia all'anfitriona......

      .....
      DOH! (_8(I)

      Elimina
    10. ma che cazzo giocher, dove credi di essere?
      Qua astrusa non aveva osato mai dirlo nessuno. D'accordo che ho il "parental advisory", ma minchia, fai attenzione! :P

      Elimina
    11. Porca merda Poison, tieni a bada il vocabolario dei tuoi ospiti, qua è un attimo che da astruso si arrivi a sibillino, recondito o addirittura ermetico! ;-D

      Elimina
    12. Menomale che sei troppo Signora per offenederti all"anfitriona" che m'è scappato subito dopo. Ti ringrazio e scusa ancora.
      Vado a dare alle fiamme una pila di "Visto" e me cospargo il capo con le ceneri ottenute.

      Elimina
    13. @GIOCHER: ti facevo più da Cronaca vera.... :-)

      Elimina
    14. Anche. Ma a quello ci son troppo attaccato, e non ci darei mai fuoco.

      Elimina
    15. .. a proposito! Giusto stamane sapei che Emma Marrone stava con quel figone pazzesco di Marco Bocci, che l'ha appena ricornificata in diretta fotografica .
      Ma che cazzo ci fa quella agli uomini?

      Elimina
    16. No, ma soprattutto, chi cazzo è marco bocci?
      E che gli fa? niente di quello che i suoi uomini vorrebbero, evidentemente.

      Elimina
    17. mi sono documentata su google immagini.
      beh. beh. beh.
      in effetti i brutti son fatti in modo diverso.

      Elimina
    18. Sai che avevo letto "mi sono documentata su google uomini" e mi son detta, però, stavolta è una innovazione non da poco? :-D

      Elimina
    19. Avrei dovuto dire "Il commissario Scialoia di Romanzo Criminale" per cui Dolcemetà si sfregna in quantità oltraggiosa.E comunque no: intendevo come cazzo faccia quella cessa a pedali a ficcare con uomini siffatti...

      Elimina
    20. beh, ma non è poi così cessa...

      Elimina
    21. Hai ragione: fa direttamente schifo.In effetti, esistono vespasiani e latrine stilisticamente interessanti.

      Elimina
  5. Ehm... devo retrocedere da donnino di GRAN classe a solo donnino di classe?
    :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche su donnino ci sarebbe da ridire ;-))))

      Elimina
    2. @Fascino: pure sul tuo pseudonimo ci sarebbero delle postille da apporre, ma io, signorilmente, non le espliciterò, se non provocata.... :-))

      Elimina
    3. Postille? Io direi interi paragrafi e capoversi signora mia...sono o non sono un signore? ;-)))...cmq, sei quasi più permalosa di Poison
      ;-))))

      Elimina
    4. Ahahahah

      Elimina
  6. anch'io sono per il capolavoro, non gli manca niente:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho provveduto ad apportare delle modifiche! :)

      Elimina
  7. Se non l'hai visto recupera "Scrivimi fermo posta" sempre di Lubitsch.

    RispondiElimina
  8. Un grande film, classicone indimenticabile.
    Ottimo ritorno ai bei tempi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ford, del resto... niente batte il classico! :)

      Ma ti pare normale che per vedere un bel film occorra tornare indietro nel tempo? Quest'anno soprattutto. Mi sembra l'anno del cinediludendo!

      Elimina
  9. Lubitsch è uno dei miei registi preferiti! adoro i film di quel periodo, non mi stanco mai di guardarli. se non l'avessero già fatto, ti avrei suggerito anch'io "Scrivimi fermo posta".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io ringrazio anche te per il suggerimenti.
      E comunque non c'è storia. Dubito che fra 70 anni a qualcuno venga in mente di restaurare la saga di Twilight, ad esempio.

      Elimina
  10. Se hai possibilità di registrare dalla tv (io ho dovuto comprare un decoder esterno che uso solo per quello :-)) danno due Lubitsch settimana prossima (a orari notturni) su Raimovie.

    lunedì 1 alle 4 e 55 PARTITA A QUATTRO
    mercoledì 3 alle 5 e 15 L'UOMO CHE HO UCCISO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, grazie! Dall'avvemto del digitale ho smesso, ma potrei provarci. O al linite programmo la Tiz...
      Tiiiiiiiiiz!!!!!! :)

      Elimina