25 maggio 2013

Da Monterey a San Franciaco


Dopo aver lasciato Monterey senza troppi rimpianti, prima di arrivare a San Francisco abbiamo fatto una tappa in Napa Valley.
Che è un po' come quando io e la bionda si decide di andare a fare un giro nelle Langhe, se stai a vedere il panorama non è molto diverso. Ma il paesaggio è indubbiamente affascinante. Soprattutto se arrivi dalla Groenlandia o dal Camerun e non hai mai visto un vigneto. Del resto ieri mattina ho visto un signore fotografare un geranio, quindi ci sta.
Zona da visitare comunque con più tempo a disposizione. Che a noi però mancava.
Calistoga è tranquilla e rilassata, oltre che, con le sue acque termali, rilassante, Santa Helena elegante e più movimentata, mentre Yountville è esclusiva e raccolta, e Sonoma si sviluppa attorno a una grande piazza alberata.
E poi, quando ormai erano le 7 di sera, ci siamo messe in viaggio verso San Francisco. E quando davanti ai miei occhi si è materializzato all'improvviso il Golden Gate io un po' mi sono emozionata!
Abbiamo raggiunto l'aeroporto e riconsegnato l'auto - km percorsi: 4.444 - in tempi ragionevoli. Poi, con la BART, abbiamo raggiunto Union Square, e da li l'hotel. E, alle 10.00 di sera, siamo riuscite a trovare un ristorante Thailandese che ci ha dato da mangiare...

2 commenti:

  1. La prima volta che ho visto San Francisco ero in macchina sul Bay Bridge e di colpo, con la radio che casualmente e meravigliosamente trasmetteva "If you're going to San Francisco", lei è apparsa. La seconda volta sono stata scaricata con un amico su Market Street, nel pieno delirio delle sette di sera, accolta da odori e dall'inconfondibile rumore del cable car che ha capolinea lì e deve venir girato. La terza, forse la più bella, perché sarebbe stata casa mia per tanti mesi mi ha vista atterrare lì, nella nebbia. Il ricordo più "straziante" però sono io che dopo sei mesi di vita lì, col mio zainone, attraverso il quartiere del Presidio in direzione del bus che mi avrebbe portata alla stazione della Greyhound per l'autobus notturno per LA. Nelle orecchie le cuffie con Behind Blu Eyes degli Who e lacrimoni grossi come canotti sulle guance.

    Scusa se mi sono dilungata ma quella città è LA città.
    Non vedo l'ora di sentire le tue impressioni.

    PS Prenotato volo per LA, per ottobre <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi dilungarti quanto vuoi, ogni volta che vuoi!
      (Ho letto che hai il biglietto in tasca!)

      Elimina