19 aprile 2013

Il coraggioso

E poi succede che (anche) martedì ti svegli ad un'ora indecente, con la TV ancora accesa. E scopri che sta iniziando Il coraggioso. Che, ovviamente, avevi già visto all'epoca della sua uscita, quella quindicina di anni fa. E ti dici "perché no?"
Perché alle 4.35 dovresti dormire, ad esempio. Cogliona.
E, se non ti pesasse così tanto il culo, magari nel letto, ogni tanto.
E invece.
Prima che iniziasse il film ho fatto una lavatrice. Più che disperata, sono una casalinga anarchica.



Il film, del 1997, vede Depp impegnato nel triplice ruolo di regista, sceneggiatore e protagonista.
E' Raphael, nativo americano che vive con la famiglia in una bidonville a ridosso della discarica di Morgantown, in un villaggio di derelitti che vivono ai margini di qualunque cosa, a partire dalla vita stessa.
Una vita fatta di espedienti, fra furti e arresti, un presente fatto di nulla e di privazioni unito ad un futuro ancora più incerto, lo spingono ad accettare un lavoro che gli viene proposto da un tizio in un bar del paese, per poter garantire un futuro migliore a sua moglie e ai suoi due figli, soprattutto in previsione del fatto che il terreno su cui sorge la discarica è stato acquistato e a breve non avranno nemmeno un posto in cui vivere.
Dopo aver sostenuto una specie di colloquio iniziale, che sembra più che altro un interrogatorio, verrà fatto salire su un montacarichi e condotto in un sotterraneo, dove incontrerà McCarthy. Che è disposto a comprargli la vita in cambio di 50.000$. Raphael in cambio dovrà lasciarsi torturare fino alla morte durante la realizzazione di uno snuff-movie. L’estremo sacrificio per riscattare una vita di fallimenti, la certezza di non avere nulla da perdere, ma soprattutto nient’altro da dare per garantire una possibilità di riscatto per la moglie e per i suoi due figli.
E’ questo che spinge Raphael ad accettare la folle proposta. Per la quale gli verrà data, assieme ad un anticipo, una settimana di tempo. O una settimana di vita.
E in questa settimana cercherà di ricreare una parvenza di vita “perfetta”, in un’esistenza in cui la perfezione non è contemplata. Mai.

(colonna sonora di Iggy Pop, che compare anche in un cameo)

23 commenti:

  1. Urca... m'hai fatto venire voglia di vederlo! Ford ringrazia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'hai mai visto?
      Sicura sicura sicura? :)

      Comunque si, recuperalo. È tristemente bello, secondo me!

      Elimina
  2. tu ti svegli e sta cominciando un film, io invece mi sveglio e trovo il decoder che sta aggiornando il software e ne avrà almeno per una buona mezz'ora...io guardo la scritta sul televisore e la scritta sul televisore guarda me che come un imbecille mi sono addormentato sul divano...e naturalmente lei resiste più di me e io mi riaddormento...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti sei addormentato sul divano???????????
      Ma è inconcepibile!!!!!! Ah ah ah

      Elimina
  3. Ma, per curiosità eh...ma su che canale li danno questi film? Non che corra il rischio di vederli...però, sai, per sapere

    RispondiElimina
  4. Non ho avuto mai il coraggio di vederlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io credo di averlo apprezzato molto più adesso che quando lo vidi la prima volta.
      è un film che magari non sarà perfetto, ma è davvero "coraggioso". e terribile.

      Elimina
  5. niente male il film. Iggy Pop in un cameo mi ricorda ahimè L'etoile du jour, di cui prima o poi scriverò...

    p.s.: non c'entra nulla, ma ho preso i biglietti per Friedkin-Franco di sabato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, quello che io disertai seguendo il tuo consiglio! :)
      Bravo.
      Io lo comprerò sabato.
      Che ho la carta di credito in ritiro spirituale. sperando di riuscirci.

      Elimina
    2. minchia se era una roba brutta...

      Elimina
    3. sì, spesso succede.

      Elimina
    4. e va beh, visto che m'hai provocato (il ricordo) ne ho scritto di là

      Elimina
    5. no, ma io son contenta di provocare brutti ricordi, eh?
      lo apprezzo davvero tanto.
      ma forse ne ho scritto di là pure io! :)

      Elimina
  6. Scene da casa mia. Bimbi a nanna, faccende di casa (più o meno) sistemate. Silenzio totale. Ci piazziamo sul divano: Guardiamo un film??Okzzzzzzzz....e ci svegliamo sui titoli di coda con la cervicale....dimmi te.....
    p.s. "Il coraggioso" film bello davvero. Visto tanto tempo fa, dovrei rivederlo, non appena passa il periodo di letargo da divano....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esiste davvero un periodo in cui il letargo da divano passa? :)
      comunque sì. film notevole che - come dicevo poco fa - credo di aver apprezzato più adesso che all'epoca.

      Elimina
  7. Un film che mi aveva colpito tantissimo ai tempi, e che continuo a ritenere davvero un piccolo, tristissimo cult.
    Dovrò recuperarlo, per la felicità di Julez! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi stavolta mi confermi che davvero Julez non l'ha ancora visto? :)
      Comunque sì, un film che non può non colpire.

      Elimina
  8. me lo devo sparare proprio stasera e ti dirò... ci siamo messi daccordo telepaticamente o sbaglio? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero? fantastico! :)
      ma l'hai già visto oppure è un altro recupero?

      Elimina
  9. ho ricordi sbiaditi di questo film: 1) era molto triste e 2) era molto sul giallo (nel senso di colore) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero. triste e sabbioso.

      Elimina
    2. allora lo ricordo bene :D

      Elimina