9 aprile 2013

Hitchcock

Io inizio ad essere un po' stanca.
Nel senso che voglio (si, vabbè, "voglio". Ogni tanto esagero) vorrei andare al cinema, e uscire dalla sala dicendo "cazzo, che bel film!" (perché c'è poco da fare, la classe, quando ce l'hai, non ti molla mai) e invece.
Praticamente l'ultima volta che è successo era il 7 febbraio. 2 mesi fa. E il film era Zero Dark Thirthy.
Due.
Mesi.
Fa.
Sir Anthony Hopkins è bravo, per carità, Helen Mirren forse anche di più, e noi seguiamo la vita dei due coniugi durante la realizzazione di Psycho, dentro e fuori dal set, dalla ricerca da parte di Hitchcock di un nuovo soggetto, che troverà leggendo il libro di Robert Bloch, che si basa sulle vicende di Ed Gein, alla diffidenza dei produttori, che - giudicata la sceneggiatura troppo horror e differente dai precedenti lavori del regista, reduce dal successo di "Intrigo internazionale", lo costrinsero a finanziare il film di tasca sua, le sue ossessioni, il suo rapporto prepotente con le attrici che lavoravano per lui, la gelosia, le abbuffate, la fragilità, la censura e gli scatti d'ira, la determinazione della moglie, che gli starà sempre a fianco, anche se nell'ombra, nonostante le difficoltà e il carattere non proprio facile dell'uomo. E la fine delle riprese, poi l'uscita del film decretata in due uniche sale perché giudicato un film "difficile" e invece fu un successo irripetibile.
Giù il sipario, applausi, e titoli di coda.
Se tutti i film brutti fossero così sarebbe un lusso, lo so.
Ma nonostante tutto è freddo, e non riesce a emozionare.
O meglio, a emozionarMI.


54 commenti:

  1. Concordo su tutta la linea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi mi stai confermando che non è (solo) un problema mio? Bene. Che ogni tanto mi vengono i dubbi e credo di essere una vecchia stracciamaroni incontentabile.

      Elimina
    2. Beh, quello è un po' vero ;-)))

      Elimina
    3. puoi anche togliere "un po'", se vuoi! :)

      Elimina
    4. No, lo lascio, in fondo ti voglio bene ;-)))....e ti dirò di più, adesso che son tornato single e posso muovermi più liberamente, potrei fare una capatina dalle tue parti ;-)))...quando farà un po' più caldo...

      Elimina
    5. Oh, mi spiace. Cioè, non lo so. Tu stai bene? Se tu stai bene io smetto di dispiacermi.
      Comunque, quando vuoi, mi casa es tu casa.

      Elimina
    6. Sì, tranquilla, io son quasi sempre sereno, con l'età ti si induriscono certi organi e se ne affievoliscono altri ;-)))

      Elimina
  2. "Beh a me disturba che la trama di Disturbia sia la stessa di Hitchcock" cit. Kevin Spacey Caparezza
    Hitchcock é un grande ma i film freddi... brrrrr

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è che il 2013 è "l'anno del film così così" e nessuno mi ha avvertito? Perché a me basta dirle le cose, almeno mi regolo!

      E su Hitchcock - naturalmente - sono d'accordo!

      Elimina
    2. Eppure era cominciato bene... meh!

      Elimina
    3. Magari prima o poi si ripiglia, come la primavera, ad esempio...

      Elimina
  3. a me ha divertito parecchio pur non essendo nulla di epocale...consolati pensando che poteva essere molto peggio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per carità, i film urfidi sono diversi, però.... boh? Non mi ha entusiasmato.

      Elimina
  4. Incuriosiva ma lasciava perplesso...Stessa sensazione,poi confermata, di Iron Lady.
    Bon: grazie dell'avviso.

    Mi stra-fido.

    RispondiElimina
  5. l'anno scorso sono andata spesso al cinema, quest'anno non ci sto andando quasi per niente... e non solo perchè sono in preda ad una crisi di pigrizia/snobismo. per dire: hai visto Un giorno devi andare? mi ci ha trascinato un'amica quando avrei voluto fare altro, mi sono rassicurata pensando che il film precedente di quel regista (L'uomo che verrà) mi era piaciuto moltissimo, invece sono uscita con la mascella slogata per gli sbadigli e un discreto giramento di palle... ma forse è colpa mia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guchi, ciao!
      Hai ragione, panorama filmico abbastanza desolante, ultimamente.
      La prima volta che ho visto il trailer di "Un giorno devi andare" ho detto Diomiocheppalle. Poi quando ho scoperto che era di Diritti (di cui avevo amato sia l'uomo che verrà sia il vento fa il suo giro) mi sono vergognata un po', ma mi sono rifiutata di andarlo a vedere. E tu mi confermi quello che sospettavo...

      Elimina
  6. non sarà un capolavoro, però a me ha incuriosito parecchio con tutti i suoi retroscena e mi ha fatto venire voglia di vedermi/rivedermi qualche film hitchcockiano. il che non è poco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti non è poco no, che i film di Hitchcock sono una solida certezza, se non altro!

      Elimina
  7. Visto ieri, presto la mia recensione, posso dire che non è malaccio e la nota positiva è che non idealizza all'estremo la figura del Maestro e ti fa venir voglia di rivedere la filmografia di Hitchcock. Però è da un po' che non grido pur io "cazzo, che bel film", ma non posso lamentarmi dei libri, di "cazzo, che bel libro" ne ho urlati tre per tre libri diversi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, ma infatti come ho detto, se tutti i film brutti fossero così sarebbe già un lusso... però... :)

      cosa hai letto che ti ha entusiasmato così tanto? Che i consigli per le buone letture sono sempre bene accetti!

      Elimina
    2. Ho letto "Pastorale americana" di Philip Roth, un libro immenso (seppur un filino sotto "Il teatro di Sabbath" dello stesso autore), poi ho letto "Suttree" di McCarthy, ma visto che è il mio scrittore preferito, faccio un po' di pubblicità, se vuoi leggere qualcosa, di suo, di veramente forte - un capolavoro - ti consiglio "Meridiano di sangue". E infine "Mentre morivo" di Faulkner. Non te ne pentirai, se poi non ti piacciono dai la colpa pure a me:)

      Elimina
    3. Faulkner....<3<3<3<3


      Anche Pastorale è validerrimo,eh...

      Elimina
  8. In effetti è un film che rimane nella vasta e indifferenziata categoria dei carini. Interessante la storia, belli i costumi, bravi gli attori, bella la fotografia, ma ciccia un po' poca, pathos zero, anche perchè il successo di Psycho è noto a tutti. Signur, mi sto intristendo da sola! :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, lo sconforto, la desolazione! :)

      Elimina
  9. Lo sapevo lo sapevo che Zero Dark Thirty meritava! del resto anche The Hurt Locker mi era piaciuto tanto. Vabbè aspetto che passi su sky...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristina, ZDT merita assolutissimamente! Recuperalo quanto prima! :)

      Elimina
  10. A me è piaciuto. Certo non mi ha lasciata quell'esaltazione che mi hanno lasciato altre pellicole però mi ha divertita ed incuriosita. Però mi sono dimenticata di prendere i pop-corn e questo è davvero stato un punto a sfavore della visione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu mangi pop.corn al cinema?
      Non so se riuscirò ad amarti come prima, io te lo dico. :)

      Elimina
    2. Anche io.Secchiello gigante d'obbligo,cui ho già instradato la prole come Rito.

      Elimina
    3. Io mangio pop-corn ovunque poison, anche come cena a volte.
      Però, a mia difesa, dico che, di solito, li ho finiti tutti prima dell'inizio della proiezione ché odio i rumori quando guardo qualcosa al cinema!

      Elimina
    4. ah, ok. con quest'ultima frase ti sei salvato. posso amarti ancora, allora.

      Elimina
  11. E' uscito "The Croods. Io già non vedo l'ora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, vabbè. Se aspetti ancora un po' capace che te lo perdi.

      Elimina
    2. In effetti, sarà fuori da dieci giorni...ma dove vivi
      Vipero??? Ah, grazie per il libro ;-))))

      Elimina
    3. Non è dove vivo, ma come vivo...

      A proposito di libri, fumetti etc... ho trovato, finalmente, il 3° e 4° volume dei Borgia, di Manara / Jodorowsky.
      Pagati un botto, ma cacchiarola se ne è valsa la pena!

      Prego, continuate pure.

      Elimina
    4. Vipero...ho le bave....

      Elimina
    5. lo dici a me che lascio le scie come le lumachine?

      Elimina
  12. Altro lavoro che vorrei vedere, ma non al cinema a meno che non mi offrono/vinco il biglietto... però mi ispira. Sarà che sono un fan di Al.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è affatto un brutto film, io l'ho trovato un po'... asettico. Ecco. Facile che sia un problema mio, eh?
      Comunque si lascia vedere in assoluta tranquillità.

      Elimina
  13. Peccato, perché la vita e le esperienze di Hitch meriterebbero di meglio. La storia di Psycho poi è esemplare, se si considera gli infiniti problemi che il regista ha dovuto superare per fare un film modernissimo per i temi trattati e per la violenza del montaggio, pur se in bianco e nero (me per me è solo un vantaggio). Il film che ho rivisto anche lo scorso anno è stupendo, e varrebbe la pena vederlo anche se ci fosse la sola parte di Anthony Perkins - il fatto che non abbia vinto l'Oscar, neppure la nomination, è una grande ingiustizia. Gusti miei...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti ai problemi che Hitchcock incontra durante le riprese viene dato il giusto risalto.

      Elimina
  14. Eh film così difficilmente sono riusciti ad emozionarmi, queste riproposizioni mezzo romanzate della vita ci celebrità solitamente mi deludono. Certo con J. Edgar non era avvenuto, ma lì parliamo di Clint, e io sono un po' di parte in quel caso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io voglio tanto bene a Clint, sia chiaro, ma J.Edgar non mi aveva fatto impazzire.

      Elimina
    2. J. Edgar bellissimo, in Pesa e Clint I trust. :)

      Questo ormai mi incuriosisce, ne state parlando tutti!

      Elimina
    3. Ford, addirittura bellissimo?
      Tu quando si tratta di Clint perdi obiettività, confessa! A me puoi dirlo, prometto di non rivelarle a nessuno! ;)
      Ah ah ah ah

      Questo non è brutto, ripeto. Poco coinvolgente, forse.

      Elimina
  15. io domani andrò indubbiamente a vederlo...
    poi che mi vada aspettandomi un gran film decisamente no

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra un buon approccio! :)

      Io so che domani uscirò dall'ufficio, entrerò in tangenziale e - come tutte le altre volte - nel momento stesso in cui mi ritroverò barata nella coda più codosa, mi ricorderò che stanno tutti andando allo stadio per la partita di champions e che io non avrei dovuto prendere la tangenziale. Scommettiamo?

      Elimina
  16. Toh, recensito anch'io oggi. :-P
    Per me però molto bello, sensibile e attento, molto raffinato, di gran classe, con dialoghi eccellenti. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli riconosco classe ed eleganza, ma per me gli manca comunque qualcosa...
      (sono incontentabile!) :)

      Elimina
  17. Leggo recensioni contrastanti, voglio recuperarlo a tutti i costi, anche perché adoro l'argomento trattato e adoro gli attori coinvolti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti bravi, su quello niente da dire.

      Elimina
  18. Concordo, paga una certa inutilità

    RispondiElimina