8 marzo 2013

Stand Up guys


Scoperto grazie al solito Frank Manila, mi è venuta voglia di vederlo dopo la sua definizione di "commediola geriatrica".
In effetti, Al Pacino, Christopher Walken e Alan Arkin in tre fanno 222 anni. Ma riescono ancora a farsi vedere e apprezzare, con quel pizzico di ammirazione mista a nostalgia, soprattutto dalla sottoscritta, che adora Christopher Walken dai tempi de "il cacciatore". Correva l'anno 1978.
La trama è abbastanza prevedibile, se vogliamo. Ma anche se non vogliamo, quindi ce la teniamo com'è.
Val (Pacino) esce di galera dopo 28 anni. 
Ad attenderlo Doc (Walken) suo socio in affari dei vecchi tempi.
A cui però è stato affidato un compito ingrato: vendicare la morte del figlio del crudele boss Claphands.
Val ci mette poco a capire cosa gli aspetta, ma vuole concedersi un'ultima notte di baldoria, come ai vecchi tempi.
Recuperato anche l'altro socio Hirsch (Arkin) inizierà la loro notte da leoni in pieno stile amarcord, ancora capaci a soddisfare procaci zoccole (anche se Val dovrà ricorrere ad un piccolo aiutino chimico, e finirà in ospedale, dove troveremo l'infermiera Hathaway Julianna Margulies nel ruolo dell'infermiera Hathaway Hirsch), rubare auto, svaligiare farmacie e salvare indifese fanciulle, che hanno la faccia, e anche il fisico, di Vanessa Ferlito
Fino alla resa dei conti, la loro ultima alba.
Una commedia agrodolce, accompagnata da una deliziosa colonna sonora, dove la lealtà e l'amicizia prevalgono.
Sempre.
Comunque vada.  


16 commenti:

  1. a me continua a non attrarre , mi sembra la solita rimpatriata di vecchie glorie un po' patetica...ma forse un giorno o l'altro lo vedrò...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lungi dall'essere un capolavoro, sia chiaro. È comunque una bella storia di amicizia...

      Elimina
  2. eeeeeh! primo anche oggi ! Ho vinto qualche cosa?

    RispondiElimina
  3. Vabbè...Al e Al anche in versione geriatrica. Il film non mi attira molto, ma se ci avanza un buco nella lista (....)
    Auguri bella donna!!

    RispondiElimina
  4. Al Pacino è Dio. Gli altri sono bravi, ma chiunque tu metta accanto a lui sfigurerà, perché Al è Al e basta. Lo guarderò sicuramente.
    Tanti auguri per la festa della donna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarò di parte, ma qua il mio "dio" personale è Walken...
      Grazie!

      Elimina
  5. Concordo su Walken da sempre, non è che qualcuno ha visto, con il nostro, A late quartet?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non ne so nulla.

      Elimina
    2. e "I mastini della guerra"?

      Elimina
  6. Concordo su Walken nel Cacciatore.ma di quel film mi piacciono tutti..persino la madre Russa di..adesso non mi viene..quello che perse le gambe.
    Ciao

    RispondiElimina
  7. oh ma grazie per la citazione :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (proprio ora stanno dando su Rai5 la replica del Letterman Show con Pacino che "parla" del film)

      Elimina
    2. Allora me lo guardo!
      Grazie per l'informazione!

      Elimina