13 marzo 2013

La trilogia della vendetta _ Old Boy

Ridi, e il mondo riderà con te, 
piangi, e piangerai da solo.

Conosciamo Oh-Dae-Su in una stazione di polizia dove è stato portato presumibilmente in seguito a una rissa, piuttosto che ubriachezza molesta o quant'altro.
Non ha nessuna caratteristica dell'eroe positivo con cui scatta immediata l'empatia. Anzi.
E' verosimilmente fastidioso e attaccabrighe, ma in buona sostanza un uomo qualunque, con una moglie e una figlia, a cui ha comprato un regalo.
Rilasciato dalla polizia, fa ritorno a casa, quando improvvisamente viene sequestrato, e segregato in una misteriosa prigione clandestina.
Per quindici anni. 
Non sa chi l'abbia rapito, ma soprattutto perché. 
I giorni, le settimane, i mesi, gli anni passano. 
Nel frattempo, grazie alla tv che ha in cella, ha scoperto di essere ritenuto il responsabile dell'omicidio di sua moglie e della scomparsa della figlia. 
Un giorno, altrettanto inspiegabilmente, viene liberato sul tetto di un palazzo costruito esattamente nel luogo in cui era stato rapito. 
Da quel momento l'unico desiderio di Dae-Su è vendicarsi di chi gli ha sottratto quindici anni della sua vita. Ma prima deve scoprire chi è. 
E sarà proprio l'organizzatore del suo sequestro a contattarlo, mentre l'uomo si trova al bancone di un sushi bar, dopo aver chiesto alla ragazza dietro il bancone, la giovane Mi-Do, di poter mangiare qualcosa di vivo.
Quando finalmente Dae-Su incontra Woo-Jin, il suo aguzzino, che per tutti questi anni l'ha tenuto sotto controllo, manipolandolo come un gatto che gioca col topo, e, in un allucinante ed allucinato crescendo di violenza, dopo che gli sono stati concessi 5 giorni per scoprire non tanto il motivo per cui è stato sequestrato  ma quello per cui è stato liberato, alcuni tasselli iniziano ad incastrarsi nella mente dell'uomo, e Dae-Su scoprirà che l'oggetto della sua vendetta si sta a sua volta vendicando di lui, per qualcosa di terribile successo nel passato. E che lui - come in un incubo ad occhi aperti - ha appena iniziato a rivivere.
Terrificante.
Tragico.
Bellissimo. 
Ricorda: sia un granello di sabbia che una roccia, 
nell'acqua affondano allo stesso modo.

36 commenti:

  1. Buongiorno!
    Mi godo l'ebbrezza del primato.

    Ma Oh-Dae-Su è proprio il nome, o è la traduzione in lombardo stretto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio il nome. La Lombardia non è stata maltrattata durante le riprese di questo film. A differenza di tutto il resto.

      Elimina
  2. Fascino trilogy13/03/13, 10:58

    "Ridi, e il mondo riderà con te. Piangi, e piangerai da solo"....uno dei più bei film che abbia visto in vita mia, con una delle trame più affascinanti...potrei rivederlo più volte...come tutta la trilogia del resto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono assolutamente d'accordo con te.
      L'ho rivisto ieri sera rimanendone affascinata esattamente come la prima volta.

      Elimina
  3. Il migliore della trilogia a gusto mio.

    I Coreani e banalmente gli asiatici in generale sono anni luce avanti nella rappresentazione della violenza. Cose io manco immagino nei miei peggiori incubi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me era piaciuto parecchio anche "Lady Vendetta", non fosse altro che la vendetta dal punto di vista femminile è comunque più insolita.
      E l'immagine della locandina sono anni che penso di farmela tatuare da qualche parte.

      Elimina
    2. La locandina di Lady Vendetta dici? Sarebbe un cazzo di tatuaggio!

      Elimina
  4. Imperdonabilmente è una di quelle pellicole che mi mancano. Debbo recuperare.
    p.s. Ho trovato in biblioteca "E Johnny prese il fucile", altrimenti introvabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Beatrix, assolutamente da recuperare.

      Per quanto riguarda il libro io devo partire dal passo precedente: trovare una biblioteca! :)

      Elimina
  5. Il finale di questo film è di una cattiveria così grande che solo a ripensarci mi tremano le ginocchia. Ah, tutto il resto è un capolavoro, ma quel finale... cazzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, il finale è agghiacciante, ma la cattiveria direi che è spalmata ben bene un po' ovunque: non si salva nemmeno la carta da parati, per quanto è orribile.

      Elimina
    2. Strano, io la vorrei pari pari a casa mia

      Elimina
    3. ah ah ah! sono molto sollevata, sappilo.

      Elimina
  6. Risposte
    1. ah ah ah ah ah!
      sentiamo. cos'ha questo che non va?

      Elimina
    2. Manno',niente...So'io.







      ...M'ha fatto proprio C A G A R E.
      Salvo le luci.Quelle erano buone.


      Lo so,lo so....Quello bravo mi ha gia' visto.

      Elimina
    3. E adesso quello bravo come sta?

      Elimina
  7. Una sciccheria,sta. Sopra l'architrave della porta della lavanderia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La morte sua, in buona sostanza!

      Elimina
  8. con un titolo cosi sono gia spaventata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura?
      (non mi hai più detto se i miei suggerimenti ti sono stati utili)

      Elimina
    2. poison...
      sappi che quella sera (quella del film) volevo fare qualcosa di carino per loverman. Perchè ne ha bisogno perchè qui e perchè li, robe che non sto a dire che tanto non cambiano.
      Ero pronta per il noleggio della ruggine sulle ossa.
      Telefona loverman. Vuole andare a letto presto DOPO CENA come i bambini piccoli.
      Al che ho preso su una trentina di lumini, non proprio da cimitero ma simil...e gli ho fatto una cenetta rilassante senza insaccati. Senza tv, senza nulla.
      C' è traccia di foto serata, ma mi sono violentata per non pubblicarla. La tovaglia che ho usato non faceva onore all'atmosfera soft...aveva il bordo un pò sfilacciato (era di raso beige) e nella foto si vedeva. Non volevo fare un post cosi. Ho mandato il tutto solo a Luna, la mia amica che tutto comprende.
      E le ossa, se loverman non cambia midea , le prendo stasera. Che solo al mercoledi mi sposto io.
      Comunque oggi ho fatto un post, mi piacerebbe sapere cosa ne pensi.

      Elimina
    3. Succede che spesso i piani non coincidano. E tu sei stata brava a preparagli la cenetta rilassante, che gli uomini apprezzano, anche se a volte non sembra.
      Se stasera riesci a "prendere le ossa" fammi sapere! :)
      E per quanto riguarda il post... mi sono espressa!

      Elimina
  9. quando l'ho visto sono rimasto senza parole, un capolavoro, ogni goccia di sangue ha un senso, in altri film l'uccisione di una mosca mi darebbe fastidio, qui no, tutto si tiene perfettamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ismaele, è un film che tiene incollati alla poltrona (sedia, divano, pavimento) dall'inizio alla fine.

      (A parte Giocher, naturalmente!) :P

      Elimina
  10. Poison, con gli ultimi post i ns gusti coincidono,
    Old Boy è uno dei miei preferiti e a questo punto potrei anche proporti una love story ! ;-)
    Buona serata. Sheltering

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sheltering, non mi istigare, che lo sai che sono curiosa! :)

      Elimina
  11. Eccomi qui, non potevo non commentare questo post, appena ho visto il titolo mi sono precipitata a dire la mia, è un film molto forte, ma è una bomba, molto ma molto disturbante, ma è un titolo che non può mancare, io l'ho trovato agghiacciante e terribile, nel senso buono ovviamente ^_^

    RispondiElimina
  12. che dire... non per nulla è il mio secondo film preferito, sotto quella cosetta che è "2001 - odissea nello spazio" :)

    RispondiElimina
  13. Uno dei film più belli che io abbia mai visto, uno di quei film che ti fanno amare il Cinema, una delle ragioni per le quali SPIKE LEE DOVREBBE ESSERE CACCIATO DAL PIANETA TERRA OGGI STESSO. Tsk.
    Comunque, ogni volto che lo rivedo mi sconvolge ed emoziona come la prima.
    Ottimo film, ottima rece.
    Un saluto dal Blogger Occasionale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io il remake di Spike Lee ho iniziato ad ignorarlo nel momento stesso in cui ho scoperto che l'avrebbe fatto. Per me, semplicemente, non esiste.

      Elimina