28 marzo 2013

Beginners

"Hai un cancro al quarto stadio!"
"Non è terribile come sembra."
"Non esiste un quinto stadio!"

Di Mike Mills avevo visto, una manciata di anni fa, Thumbsucker. Lo confesso, solo per la presenza di Keanu Reeves nel cast. E ne conservo un discreto ricordo. Quindi, leggendone qua e là solo pareri positivi, mi è venuta voglia di recuperare anche questo suo secondo (e per ora ultimo) lavoro, fra l'altro vagamente autobiografico, e, non vorrei dire cazzate, mai distribuito in sala qua da noi. Ma correggetemi se sbaglio.  
A partire dal delizioso jack russel Arthur, i cui pensieri vengono sottotitolati, ci troviamo di fronte ad una pellicola intelligente, delicata, sincera e sagace. Uno splendido sguardo su complessità e intensità dei rapporti umani, che siano quelli fra genitori e figli, amici, amanti, animali e tutto il resto.
Oliver (Ewan McGregor) si trova ad affrontare, dopo la morte della madre, l'improvviso quanto inaspettato coming out del padre, che, a più di 70 anni, gli confessa di essere (sempre stato) gay. Contemporaneamente gli viene diagnosticato un cancro quasi allo stadio terminale, ma, nonostante questo, Hal (un intenso Christopher Plummer che per questo film ha vinto l'oscar come miglior attore non protagonista nel 2012) sembrerà rinascere a nuova vita, frequentando amici, organizzando feste, iniziando una relazione con il giovane Andy (il sempre notevole Goran Višnjić) e aprendosi in tutta sincerità al figlio. Che, successivamente alla morte del padre, ad una festa in maschera (in cui si presenterà "vestito" da Freud e gli toccherà psicanalizzare un discreto numero di partecipanti) conoscerà Anne  (Mélanie Laurent), malinconica attrice con cui inizierà una storia che forse - grazie anche agli ultimi periodi trascorsi con suo padre - riuscirà a vivere con una nuova quanto inaspettata consapevolezza.
Bello.
Bello.
Bello.
Cosa che mi piacerebbe poter dire anche riguardo alle uscite in sala di questa settimana.
Ma, come quella scorsa, mi prende lo sconforto.
Va a finire che mi toccherà andare a vedere G.I.Joe - La vendetta.
Ma verrà il giorno in cui scoprirò cosa ho fatto di male nella mia vita precedente, per meritarmi questo.


48 commenti:

  1. Decisamente sorprendente e profondo. Un film che mi aspettavo radical chic e che al contrario mi sorprese tantissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero una piacevole visione. Un film delicato, che fa riflettere.

      Elimina
  2. E con la mia solita (e famosa in famiglia) capacità di recensire i film che non mi piacciono (ma anche quadri canzoni -qualcuno ha detto Tom Waits?- Anna Karenina e Madame Bovary) posso dire solo: per me è una merda. Ci ho discusso anche con Ford al quale, se memoria non m'inganna, era piaciuto molto. Ma si sa (anche questo è risaputo) io non sono tanto profonda (a meno che non si parli di gola ;) ). Cmq in realtà esco dalla mia condizione di "lurker per pigrizia" per dire Carramba! Da Ford si parla di ER e da te del "notevole Goran Višnjić" sostituto del buon Clooney nelle stagioni successive. Siccome vi ho letti una dopo l'altro mi é sembrata una carrambata!

    Bene ora ritorno nella tana che ancora non ha svernato e ho ancora tutti i peli ispidi.

    RispondiElimina
  3. Ho scritto un post. Scusa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. JuleZ!
      Scusarti? Mi piacciono i commenti lunghi, sei la benvenuta!
      Ah, il dottor Kovac... Credo uno dei rari casi in cui un sostituto non mi abbia fatto rimpiangere il suo predecessore!
      Dai, vinci la pigrizia, basta lurkare!

      (E comunque "una merda" per questo film è un giudizio troppo severo, sappilo!)

      :)

      Elimina
    2. "È una merda" è l'unica declinazione negativa che utilizzo a parte le alternative "è inutile" (ma non è questo il caso) o "è paraculo (ma di solito in questo ultimo caso è il finale del film a farmi girare le balle e non l'inizio).
      Invece in questo film ero talmente incazzata dopo le prime inquadrature che "è una merda" si adattava perfettamente. Ma, come potrà testimoniare eventualmente Ford, non è proprio il mio genere di film.

      Elimina
    3. Se non è il tuo genere allora ci sta, posso capire!

      Elimina
  4. ne ho parlato di recente da me, questo film mi è piaciuto parecchio
    http://lafabricadeisogni.blogspot.it/2013/03/beginners.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arwen, concordo. Davvero un bel film.
      (Ti ho letto)

      Elimina
  5. Bello davvero. Quasi una carezza, di quelle leggere, da tanto che è delicato, se ci pensi.
    E poi d'accordissimo su Goran che, diciamolo, dopo Ciccio era il mio dottore preferto in ER.

    Su GI Joe ho fatto un pensierino anche io ma l'uomo mi ha detto: E se invece andassimo a cena?
    E il cibo vince sempre.
    (Ah a fine estate progettiamo di andare all'Osteria Francescana, ti dirò!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo: il cibo vince sempre! :)
      Osteria Francescana? Quindi stiamo giocando a farci invidia a vicenda?

      Elimina
    2. Iniziamo una guerra culinaria!
      Almeno, poi, saremo povere insieme.

      Elimina
    3. Ma con il colesterolo e i trigliceridi da guinness! :)

      Elimina
  6. Sincero e commovente senza mai cadere nel patetismo, un film che si fa ricordare,

    RispondiElimina
  7. ce l'ho lì pronto chissà da quanto tempo per vederlo ma non ho mai trovato l'ispirazione, ora mi state ispirando un po' tutti ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti pure io ce l'avevo lì da un po', e l'altra sera la famosa ispirazione per me è arrivata.

      Elimina
  8. beh, m'è venuta curiosità. è uno di quei film che volevo recuperare ma di cui mi ero dimenticato. che bello quando fai un blog di servizio :D

    p.s.: il film è stato "mal" distribuito in italia. credo l'abbiano visto per qualche giorno in 3 o 4 città

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, quelle robe per cui poi puoi sbattere in vendita il prodotto per l'homevideo. Lo fanno uscire a Forlimpopoli, Casalpusterlengo, Ladispoli e Randazzo e si tolgono il pensiero.
      Comunque recuperalo.
      Cioè, no, fai come ti pare... :)

      Elimina
    2. non vorrei sbagliarmi, ma forse per un paio di giorni è passato anche da torino. lo recupererò, anche perché mi appassiona la divergenza con juleZ

      Elimina
    3. non ne ho memoria. il che, avendo io quella di un pesce rosso (a voler esagerare), non significa davvero nulla. quindi, nel dubbio, ti credo. tanto costa uguale, no?

      Elimina
  9. Lo vojo vede'.sisi.Credo mi piace.

    GI JOE???? Ypppiiiiiiiiiy.Non vedo l'ora! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le uscite di questa settimana sono così mortificanti che GI-Joe riesce a sembrare la roba meno peggio. Pensa come siamo messi.

      Elimina
    2. nO GUARDA CHE DICEVO PER SUL SERIO!

      Nella bailamme dei Liebster ho pure scoperto che abbiamo un film del cuore in comune, e non me lo hai mai commentato...

      http://cinematografiapatologica.blogspot.it/2012/11/mash-1970-di-robert-altman.html

      Elimina
    3. Mah, io non sono sicura di volerlo vedere, ma tanto stasera saltiamo il turno carampane-al-cinema, che sia la bionda sia la tiz sono fuori uso...
      oh, M.A.S.H.! capolavoro! Vengo a leggerti (è che mi sento sempre un po' in imbarazzo a commentare da voi. e se ti stai chiedendo se sono scema, ti rispondo di sì...) ;)
      Ecco, magari stasera mi riguardo mash, almeno vado sul sicuro!

      Elimina
    4. Sul s i c u r i s s i m o..

      No poi mi spieghi questa cosa del non commentare da noi scemi perchè ti senti stupida,eh...

      Elimina
    5. sapevo che con questa affermazione mi sarei complicata la vita da sola...
      Non so come spiegartelo, diciamo che stupida non è proprio calzante al 100%. Forse "inadeguata" rende meglio l'idea.
      Credo abbia a che fare con il mio complesso d'inferiorità latente. :)

      Elimina
    6. Ma "inadeguata" ddecchè???
      Ma santapolenta.
      E non mi interessa se sei la frontgirl di una band di svantaggiati verticalmente!!

      Elimina
    7. ma che ne so, è una sensazione!
      oh, guarda che non ho mai scritto da nessuna parte di essere normale, eh? :)

      dai, vedrò di superare i miei blocchi mentali autoindotti... :)

      Elimina
  10. Ho iniziato un paio di volte il Succhiapollice ma non me la sono mai sentita di andare avanti, mentre questo gira e rigira sull'hard disk da tempo (è uno di quei film che esce prima in scarico che al cinema)...in compenso ieri sera mi son visto Balada Triste e ti dirò, la prima parte non m'è dispiaciuta, la seconda invece è parecchio discutibile, ma un 6 risicato mi sento di darglielo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Balada Triste ho pensato sabato sera guardando Almodovar, visto che il protagonista, Carlo Areces, è uno dei tre steward.
      E la penso come te. Ottimo inizio e finale discutibilissimo. Ma brutto è diverso.

      Elimina
  11. Dopo aver visto Sinister ho rivalutato Balada triste, anche se bello è proprio diverso almeno ci ha messo un po' di inventiva malata, invece di tutte le banalità possibili!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah ah
      posso dirti un'altra volta "te l'avevo detto"?
      posso?
      posso?
      ;)

      Elimina
    2. Beh, tu sei vista l'ultimo di Almodovar e io SAPEVO che era una vaccata.... ma, in effetti, lo sapevi anche tu. Però te l'avevo detto che The loved ones era molto carino? Ora dovresti fidarti abbastanza da guardare Melancholia...

      Elimina
    3. Senti maaaaaa... perchè dovrei?
      Lo sai che Von Trier - eccetto Dogville - mi sta amabilmente sul cazzo.
      E scusa se ho scritto amabilmente! :)

      Elimina
    4. Ma se Almodovar che ti sta simpatico fa filmsss del cazzo, non potrebbe Von Trier fare filmsssss belli, talvolta? (Come Dogville, che però mi è piaciuto molto meno di Melancholia)

      Elimina
    5. Potrebbe.
      Ma non lo fa.
      E poi lo sai che io sono prevenuta.

      Elimina
    6. Si, ma ti piace cambiare idea. Il dvd è lì che ti aspetta, vedrai che un giorno cederai.

      Elimina
    7. A proposito di DVD, è da tre giorni che voglio riportarti the loved ones, ma martedì avevo i tacchi e non avevo voglia di sculettare fin da te, ieri faceva troppo freddo, quindi pensavo che te l'avrei ridato stasera, ma - incredibilmente - saltiamo il turno al cinema!
      Se ho l'ispirazione mi spingo fin lì quando esco, così ti scrocco un caffè.
      Guarda, prima di melancholia piuttosto mi vedo Bug! :)

      Elimina
    8. Bug ce l'ha l'ex, la prossima se me lo riporta gli richiedo anche In Darkness, se vuoi passare io son qua, con il caffè! :-D

      Elimina
  12. Bello.
    Bello.
    Bello.
    E non solo per la presenza di Ewan (sbav).
    Come hai detto, qui è uscito direttamente in DVD senza mai passare nella sala quando oltre all'Oscar, Christopher Plummer ha vinto il mio personale premio per il discorso di ringraziamento più bello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, nonostante Dantès affermi il contrario, io non ne ho alcuna memoria. Perchè sono certa che se un film del genere fosse uscito, mi avrebbe senz'altro incuriosito.

      Elimina
  13. passa sul mio blog e odiami...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso odiarti stando qui? :)

      Elimina
    2. cosa avrai voluto dire? (parlo del tuo ultimo commento di là...)

      Elimina
  14. Anche io ne ho scritto un post. Veramente bello e il cane che parla mediante sottotitoli è un colpaccio davvero intelligente. Bellissima Melanie Laurent e di un'eleganza infinita Plummer.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il cane sottotitolato è geniale.
      e l'oscar per plummer strameritato!

      Elimina