12 febbraio 2013

Død snø (Dead Snow)

Domenica pomeriggio, mentre il sole era così sfacciato e tutti i tg parlavano della perturbazione che avrebbe portato neve a partire dalle prime luci dell'alba, mi sono portata avanti col lavoro, e mi sono vista un film innevato, ma così innevato, che mancava solo che mi mettessi a fischiettare Snow.
Così posso rendere il DVD alla Tiz, che me l'ha tanto amorevolmente prestato.
Io ne ho viste di cazzate, nella mia vita, sia chiaro. Ma i nazisti in versione zombie ancora mi mancavano, giuro. Che se l'unico nazista buono è il nazista morto, qua non vale neppure quello.
Siamo in Norvegia. Anzi, sono. Loro, i protagonisti di questo... vabbè, dai, di questo film.
Un gruppo di amici, equamente distribuiti fra maschi, femmine e babbi di minchia, studenti in medicina (particolare che non toglie e non aggiunge nulla alla trama - ammesso e non concesso che una trama ci sia - non fosse che uno di loro ha paura del sangue. E studia medicina, esatto. Come se io, che detesto i canditi, mi iscrivessi a un master per la canditura della frutta, nè piu, nè meno) parte per uno spensierato week end in un desolato capanno fra i monti innevati. Che, se bisogna trovare qualcosa di positivo in questo film, direi che il paesaggio (innevato, l'ho già detto per caso?)  è davvero notevole.
Ad un certo punto alla porta del capanno si presenta un uomo, non si capisce bene perchè, cioè, sì, per iniziare a far cagare un po' in mano i nostri simpatici ragazzi, che - dopo aver scroccato un caffè sul cui gusto si permetterà pure di trovar da ridire - si prodiga a spiegare loro che in quel luogo, anni prima, i nazisti avevano ucciso, dopo atroci torture, buona parte della popolazione residente, fino alla ribellione dei sopravvissuti, che avevano indotto alla fuga i cattivi, scomparsi misteriosamente fra quelle montagne (si, sempre quelle innevate).
Ma, ovviamente, i nazi-zombie non sono scomparsi proprio per nulla, e i nostri eroi lo scopriranno ben presto, in un delirio che inizia con una sveltina nel bagno (con uno dei protagonisti che io non toccherei nemmeno se tutti i vibratori di questo mondo scomparissero improvvisamente dalla faccia della terra, ma si sa, io ho gusti difficili) per proseguire in un'apoteosi dello splatter talmente trucido e parossistico che ad un certo punto ti viene da dire "eddai, basta!", non fosse altro che l'immacolato paesaggio innevato alla fine non è più così immacolato, fra corpi sventrati, occhi cavati a secco, motoseghe e motoslitte, gole mozzate, mutilazioni, viscere al vento, sangue come se piovesse nevicasse e chi più ne ha più ne metta.
Eppure io le sturmtruppen mica me le ricordavo così cattive.
 

38 commenti:

  1. Grande Bonvi, mi manca un casino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. George, hai ragione, era un grande!

      Elimina
  2. A me ha fatto abbastanza ridere ;-)))...invece, se non l'hai visto, ti proporrei la visione di "Quella casa nel bosco"...ma quella eh!...merita, a mio parere...e cerca di evitare i consigli della Tiz...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di quella casa nel bosco ne ho sempre letto solo bene. Temo che dovrò decidermi, prima o poi!

      Elimina
    2. ma tipo vieni c'è una casa nel bosco il suo nome conosco vuoi conoscerlo tu?

      Elimina
    3. Vieni, è la strada del cuore dove nasce l'amore che non muore mai più?
      No.

      Elimina
    4. Lo so che è un film sceeeemo! Ma la scena finale? Vogliamo parlare OCCHIO SPOILER dell'unico sopravvissuto che non vuole mettere in moto l'auto senza essersi allacciato le cinture (e ha un braccio solo??) e che per essere così ligio alle regole (ah, i norvegesi!!) soccombe? Non fa una tenerezza immensa? ;-)

      Elimina
    5. del resto sopravvivere sarebbe stato peggio, con tutti i suoi amicici sterminati, poverino. :)

      Elimina
    6. Io ho sofferto soprattutto lo sperpero di figa ;-))

      Elimina
    7. Uh, acciuciumbia, com'è vero, meglio morire... :-)

      Elimina
    8. Ehi, com'è che io e Fascino scriviamo il commento nello stesso minuto e mettono prima il suo? Il solito maschilismo strisciante? :-)
      O contano i secondi?

      Elimina
    9. E poi, la scena in cui la tipa entra nel cesso dove c'era il ciccio, ma dico...ti eccita così tanto uno che sta cagando??? ;-)))

      Elimina
    10. No, vabbè, quella del cesso forse è la vera unica scena horror di tutto il film. Cioè, lui è inguardabile, intoccabile, e, nello specifico, financo irrespirabile.

      Elimina
    11. Vai a capire le donne, vabbè che vi piacciono gli stronzi, ma io resterei nel campo ostile ma sicuro delle metafore...;-)))
      @Tiz: il vero gentiluomo precede sempre la sua dama, anche nei commenti..;-))

      Elimina
    12. @Fascino: Ah, ecco! :-)
      Sulla scena del sesso con cessi dirò solo una cosa: l'ha pensata un uomo.

      Elimina
    13. Guarda, non lo so, per usare un eufemismo, io quando cago può venire anche Mila Kunis...la faccio aspettare in un angolo finché ho finito...ecco! ;-)))

      Elimina
    14. Sono a dir poco felice di aver letto questo commento proprio prima di andare a mangiare. La scena di te assiso sulla tazza mi accompagnera per tuttà la pausa pranzo. Grazie, davvero.

      Elimina
    15. Ammazza che chiavica che sei...comunque, la scena di te che vai a pranzo accompagnata da me seduto sulla tazza sarebbe da pubblicità progresso...neanche Toscani (o, se fossi colto, Buñuel) ;-)))

      Elimina
    16. fammi capire, tu - sempre per usare un eufemismo - caghi, e la chiavica sono io? no, beh, bello.
      Grazie.

      Elimina
    17. Sinceramente, mi sfugge origine e senso della polemica e non essendo uno che ama rinfocolare gli animi, per quanto mi riguarda, la faccenda si chiude qui in questo preciso momento.
      Prego.

      Elimina
    18. Polemica? Con te? Ma quando mai? :)

      Elimina
    19. Non vedendo faccine sorridenti, sapendo che sei permalosa e spesso con la rogna addosso, che sei un tipino con sbalzi ormonali degni di una borsa asiatica durante la crisi del 1997, che sei sanguigna e spacca-(aggiungi parola al plurale di 5 lettere che inizia per c e finisce per azzi), e per altri mille motivi validi e documentabili...beh, a me il dubbio è venuto ;-)))...e tu, vieni? Quante volte vieni? (pssst pssst, qui si sta alludendo ad un famoso aforisma di un famoso statista) ;-)))

      Elimina
    20. E' vero, ho omesso la faccina sorridente. Ma ti assicuro che nelle mie intenzioni c'era. :)
      Io il famoso aforisma di quel grandissimo pezzo di merda (sempre per usare un eufemismo) l'ho sentito raccontare l'altra notte durante la rassegna stampa di rainews e non ho avuto la fortuna di vedere il filmato (perchè sono certa che esista, un filmato). Ed è riuscito a farmi anche più schifo del solito. Bisogna dargliene atto: riesce a superarsi ogni volta.

      Elimina
    21. Sai dove te le puoi ficcare le tue intenzioni? Sai che sotto questo cuore dolce e umile si nasconde una tigre feroce? No? Sappilo ;-))...ti dirò, un video esiste ed è stato girato a Mirano, un comune che confina con il mio, qui nel Veneto (che tu, grande conoscitrice della Riviera del Brenta e dei comuni limitrofi, non dovresti aver problemi a localizzare)...la cosa che mi ha dato più fastidio sono state le risa del pubblico di fronte a battute da terza media di un personaggio viscido e corrotto...se c'è una cosa che io odio con tutte le mie forze è l'insinuazione bassa e volgare, è la violenza di infilare, attraverso la parola, una mano in mezzo alle cosce con violenza...è un'immagine che io aborro con disprezzo...a me fa male, spesso, questo Paese...non riesco ad accettarlo...

      Elimina
    22. Sì, è vero, "la violenza di infilare...con violenza" non si può vedere sotto molti aspetti ;-)))...però denota il mio turbamento, che mi fa perdere un po' la trebisonda...

      Elimina
    23. Grande conoscitrice è una parola grossa.
      Però da bambina ci ho vissuto in veneto, lo sai?
      La gente che ride è la stessa che lo vota, suppongo.

      Elimina
    24. Sì, sapevo che avevi vissuto in Veneto da piccola...e questo di per sé spiegherebbe molte cose ;-)))...certo, la gente che ride è quella che lo vota e dai numeri sembrerebbe esserci un sacco di gente che ride in Italia...a me tocca piangere, non che mi dispiaccia in certe occasioni e per determinati motivi, ma per questo no, proprio no...datemi un paese decente...vi prego ;-)))

      Elimina
    25. un paese decente? eh. non sarebbe male.
      ma temo che bisognerà aspettare anni perchè qua si torni ad una parvenza di normalità. sempre che nel frattempo non si sprofondi del tutto.

      Elimina
    26. già. forse il guaio è questo: aspettiamo che qualcuno ci dia...

      Elimina
    27. che io poi vorrei capire come e perchè, da un film horror norvegese siamo finiti a parlare della situazione politico-economica del paese.
      (che sia l'orrore il trait d'union?)

      Elimina
    28. Si parlava di morti viventi, no? Magari qui sono solo fascistelli ;-))

      Elimina
    29. ah, ecco! mi sfugge sempre qualcosa! :)

      Elimina
    30. A me ciò che horrorizza di "quello" sono gli occhi.
      Terminator aveva occhi più espressivi...

      Elimina
    31. SOLTANTO gli occhi? a me terrorizza punto. ma più ancora mi terrorizzano quelli che gli credono.

      Elimina
  3. la scena del sesso in latrina per me è scult assoluto...e comunque i nazizombies fanno la loro porca figura...io mi sono divertito nella seconda parte...la prima è uguale a quella di triliardi di altri horror...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti confesso che quando è spuntato il primo soldatino con l'elmetto ho davvero esclamato "minchia, le sturmtruppen!" :)
      E la scena di sesso è davvero orrorifica, lascia fare.
      E fu così che Poison scoprì che il vero motivo per cui non guardava gli horror non era la paura, ma l'inutilità intrinseca! :)

      Elimina
  4. Chiunque faccia un film in cui compaiono nazisti e zombi, vince!

    RispondiElimina