28 febbraio 2013

Damsels in Distress


E' stata dura.
Ma al quarto tentativo ci sono riuscita.
Ho fatto meno fatica a vedere il nastro bianco e synecdoche new york, non so se rendo l'idea.
E dire che dopo averne letto bene dalla Bolla e dal Cannibale, mi era sembrato  interessante.
E magari lo è anche, non discuto. Non ai miei occhi. Che a me i personaggi volutamente antipatici stanno, appunto, antipatici. Nient'altro che antipatici.  
Nell'ennesimo college statunitense, un trittico di sfigate (come avremmo potuto essere io, la Tiz e la bionda se avessimo mai frequentato un college statunitense) con la puzza sotto il naso e la verità in tasca, passa il tempo a cercare di salvare il prossimo, gestendo un centro di prevenzione suicidi, credendo che il ballo e il profumo (aromatheraphy for dummies?) siano la panacea di ogni disagio.
La stessa Violet smetterà di pensare al suicidio - dopo l'abbandono da parte di Fred (o Frank, o un altro nome a caso, fa lo stesso), un emerito coglione con la C maiuscola - solo annusando la saponetta del motel dove ha trascorso la notte.
Le vediamo a inizio anno adocchiare Lily, studentessa appena arrivata, e convincerla a fare parte del gruppo. Lily all'inizio è affascinata dallo stile di vita delle nuove compagne, ma, man mano che passano i giorni, si renderà conto che le sue nuove amiche sarebbero le prime ad aver bisogno di aiuto.
A completare il tutto un catalogo di personaggi maschili da farti passare la voglia di essere eterosessuale: dal tizio che non distingue i colori, a quello che si fa passare per un altro, per arrivare al mio mito assoluto: quello che segue le dottrine di una non meglio precisata corrente religiosa per giustificare la sua passione per i rapporti anali. Fe-no-me-no.
A parte qualche battuta geniale - solitamente pronunciata da Rose, la più cinica del trio - e le (uniche due misere) scene in cui compare Aubrey Plaza, personalmente mi sono annoiata parecchio. Forse sono troppo vecchia per questo genere di film, che, sia chiaro, non sembra affatto un film stupido. Soltanto fastidioso. 

25 commenti:

  1. Quando l'ho visto insieme a dell'alcool ho pensato: "carino".
    A distanza di tempo il solo ripensarlo mi fa dire: noia/due palle/non lo riguarderei.

    Brava per essere arrivata alla fine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono testarda e curiosa: un binomio letale! :)
      Comunque due coglioni proprio.

      Elimina
  2. evviva la sincerità! Non confesserò mai su quali film è successo ma alcune delle miei visioni sono frutto di tentativi successivi...e mica siamo syborgs..anzi di amico cyborg nel vedere film ne ho uno: si è fatto a Venezia roba come più di 50 film in 10 giorni e conoscendolo non gli è calata la palpebra nemmeno per un attimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, ma io non ho nessun problema ad ammettere i miei limiti! :)
      Queste maratone ossessive me le riservo una volta l'anno, la settimana del Torino Film Festival. E un paio di volte la palpebra mi cala in scioltezza, e non necessariamente su film brutti, purtroppo!

      Elimina
  3. "Una non meglio precisata corrente religiosa"...?????? Ragazza, si parlava dei Catari, degli "eretici" massacrati da voi cattolici!! ;-))))))...al riguardo, mi permetto di consigliarti un libro, a mio avviso, favoloso il cui titolo è: L'amore e l'Occidente di Denis de Rougemont...per chiudere, tu la Tiz e la Bionda siete tre magnifiche milf, mentre il film va bene per un pomeriggio piovoso e alquanto tedioso...cmq non è da buttar via...baci!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah ah ah!
      Ma dai, su. Lo sai benissimo che sono ignorante, no? E' inutile che ti accanisci ogni volta! :)
      E' che non mi ricordavo il nome.
      E aggiungo anche che io NON ho massacrato nessuno.
      Resta il fatto che alquanto tedioso a me è sembrato il film... :)

      Elimina
    2. Sai che forse anche noi andiamo bene per un pomeriggio piovoso? ;.D

      Elimina
    3. Sei una paracula che si schermisce, scommetto che passi le notti a leggere a lume di candela Bauman o Auerbach...sei una che quando tromba gode in latino (sic!) ;-)))))....non mi accanisco, voglio solo smascherarti ;-))))

      Elimina
    4. @Tiz: ahahahahahah....

      Elimina
    5. Ma stai parlando con me o con la tiz? :)

      Elimina
    6. Credo possa valere per entrambe ;-)))

      Elimina
    7. ah ah ah ah! per me no di sicuro, fidati! :)

      Elimina
    8. @Fascino: come sai che io mi eccito solo con Bauman? Ah il caro Zygmunt, che soddisfazioni! ;-)

      Elimina
    9. In realtà era un messaggio rivolto a Poison ;-)))...ma, come spesso accade, io scocco la freccia, Poison la scansa, e colpisco te ;-)))

      Elimina
    10. Perchè poison nel frattempo era andata a colmare le sue lacune su Bauman o Auerbach... ;)

      Elimina
    11. Io sono babbiona, non mi scanso neanche se mi sparano, fai tu! :-)
      Poison, hai colmato? Per la cronaca, io li conosco di nome e pochissimo altro, che non si pensi a me come una vera intellettuale, io usurpo questa definizione! :-)

      Elimina
    12. Ah, beh, guarda, io dell'intellettuale c'ho solo l'aspetto ;-)))

      Elimina
    13. e questo chi te l'ha detto? :)

      Elimina
    14. Chi ci capisce qualcosa, quindi una stronzaccia come te certamente no...uhm! ;-))))

      Elimina
  4. tu, la Tiz (la Tiz? ma chi è?) e la bionda avete la puzza sotto il naso e la verità in tasca? ussignur, non sembrava proprio :D :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no. bastava fermarsi a "trittico di sfigate" :)

      Elimina
    2. Contesto: io non sono sfigata ma diversamente figa! ;-D E noi li avremmo spinti al suicidio, non credi? ;-)

      Elimina
    3. ah ah ah ah! probabilmente sì, a colpi di Current 93! :)

      Elimina
  5. Ahahaah lo hai massacrato alla grandissima!!
    Riconfermo, l'ho adorato, era talmente assurdo e i protagonisti così sfigati e sopra le righe che non sono riuscita a staccare gli occhi dallo schermo nemmeno per un attimo.
    E continuo a voler ballare la Sambòla, ovviamente u__u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah ah ah!
      L'ho trovato davvero fastidioso. Forse era volutamente fastidioso, va a sapere. Ma proprio non sono riuscita ad apprezzarlo! :)

      Elimina