22 gennaio 2013

mi capita,

quando non c'ho un cazzo di meglio da fare (h24 praticamente) di accanirmi inutilmente contro le pubblicità televisive e/o radiofoniche.
Che io lo so che ci sono dietro studi, e ricerche di mercato, e brainstorming, e briefing, e target, e fughe di cervelli e obiettivi di marketing e strategie di comunicazione e poi mi fermo perche sto parlando di cose che non conosco. Nè più nè meno come quando parlo di cinema, in fondo.
Ma a volte davvero, faccio fatica a comprendere.
Cioè, no, il messaggio è abbastanza chiaro.
Il pubblicitario crede che il potenziale consumatore/acquirente sia un emerito coglione, presumibilmente decerebrato, che si faccia infinocchiare dalla visione di un personaggio più o meno famoso che gli consiglia di comprare questo o quel prodotto, di cui, sia chiaro, non ha affatto bisogno.
Perchè è l'unica conclusione a cui sono giunta dopo aver visto la pubblicità in cui Emanuele Filiberto, un uomo venuto al mondo per sostenere con la sua sola presenza la teoria Darwiniana, ci convince dei benefici dell'ennesima sigaretta elettronica, con allusioni e ammiccamenti tali da cadere nel ridicolo senza nemmeno passare dal via.
Ma, siccome al peggio non c'è mai fine, ieri sera ho avuto modo di ascoltare la pubblicità radiofonica di un'automobile, nella sua versione a 4 porte. E fin lì, nulla di strano, direte voi.
E no. Perchè hanno dovuto farci sapere che le suddette quattro porte, erano state posizionate, tenetevi forte, due da una parte e due dall'altra.
Grazie, davvero.
 
 

35 commenti:

  1. e ci stanno 5 elefanti? 3 dietro e due davanti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo non l'hanno detto.

      Elimina
    2. 6
      uno entra anche nel bagagliaio

      :p

      Elimina
  2. la peggiore in assoluto è la lancia con vincent cassel che dice (diceva per fortuna, non si sente più) "il lusso è un diritto"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per me Vincent Cassel potrebbe dire qualunque cosa... :)

      Elimina
    2. da te una banalata così non me la aspettavo però

      Elimina
    3. E perché mai? Pure io sono una comune mortale, dopotutto! ;)

      Elimina
  3. io la pubblicità del libro "il labirinto femminile" fatta prima dalla Arcuri, poi dall'autore stesso..... me le sogno ancora di notte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo me la ricordo, anche quella si vinse il suo bel post, all'epoca!

      Elimina
  4. Io la maggior parte me le perdo, per fortuna, guardando pochissima tv però certo, chiaro, si parte dal presupposto che siamo tutti imbecilli. Ci ho fatto una delle mie tesi su come agganciare gli spettatori: cose da brividi.

    RispondiElimina
  5. ...però ce ne sono di memorabili...
    quella di "Sono finteeeeee" mi fa sganasciare anche al pensiero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quella la trovo particolarmente becera, al punto che non compro nemmeno più quelle caramelle! :)

      Elimina
  6. le pubblicità delle automobili sono sempre girate dal National Geographic.
    Bell'idea eh? Guida questa, e ti sembrerà di essere in mezzo al nulla, con gli uccellini che cinguettano attorno.
    Mica immersi nel traffico, maddechèaoh! Cò questa no! Er traffico, questa, lo fa sparì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A giudicare da come guida certa gente però pare che funzioni.
      Sono convinti di essere gli unici in strada.

      Elimina
    2. già. soprattutto le sciure alla guida del Q7.

      Elimina
  7. Ciao Poison . Ho finalmente visto Django ! non ho parole...anzi a dire il vero quelle poche e sconclusionate che avevo le ho scritte sul blog.
    Qualche mese fa discutevo con un amico della assoluta scadenza e insulsaggine degli spot pubblicitari ! Tipo i vari fiorello e le parrucche e le corna e gli spot ogni 10 secondi delle auto che sfrecciano dentro scenari che neanche in Patagonia.
    Ciao :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Badit, ho letto! :)
      Era impossibile che non ti piacesse!

      Elimina
    2. Figo Django, piaciuto un sacco, ho patito molto il nero più realista del re, ma per il resto divertimento a pioggia! :-)

      Elimina
    3. Avevi dubbi non potesse piacerti?
      Parli di Samuel Jackson, suppongo. Minchia, davvero. Bravissimo nel suo essere così perfidamente abominevole.

      Elimina
  8. il peggio del peggio secondo me sono quelle delle caramelle e gomme da masticare: aliti freschi con uccelli spiumati e frigoriferi che inghiottono la gente e tutto e il contrario di tutto.
    sembrano dei film girati da squilibrati mentali.. capisco che una caramella alla menta desti poco entusiasmo, però...! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, mediamente il livello è decisamente basso.

      Elimina
  9. al peggio non c'e' mai fine.... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono convinta pure io... :)

      Elimina
  10. oh quella delle porte me la son proprio persa...ma davvero ne ha due da una parte e due dall'altra?
    Credo di aver bisogno di quest'auto rivoluzionaria...e di fumarmi una sigaretta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, è una notizia abbastanza sconcertante. Pure io appena l'ho sentita ho avuto una reazione incredula. :)

      Elimina
  11. "Il livello di comprensibilita' del messaggio dev'essere necessariamente inversamente proporzionale al numero dei destinatari" -Indi i pubblicitari da 30 anni evolvono testi e slogan rivolti a bambini di 4 anni con problemi di apprendimento-
    Com'e' piacevole in questi frangenti rendersi conto di non guardare la Tv dal '98.. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, mi era sorto il dubbio più e più volte.

      Elimina
  12. Quella dell'auto a 4 porte, 2 per ogni lato, l'ho sentita stamattina e quella precisazione, ti sembrerà strano, mi ha cominciatio a far pensare. Ho immaginato un'auto 4 porte col portellone dietro (tipo come ce l'ha la tua, di auto, che tecnicamente è una porta) più una sola scorrevole laterale solo a destra per entrare dietro, in modo che chi guida e si deve fermare in un punto strano non deve temere l'escita dal lato sinistro, più esposto a rischi. Totale 4 porte, ma non 2 da ogni lato. Con questo non dico che comprerò l'auto pubblicizzata, ma mi resterà impressa a lungo quella precisazione, che in genere è lo scopo dello spot. Ma io non faccio testo, comunque, questo già lo so. Ciao!

    RispondiElimina
  13. pensa che io, che davanti alle pubblicità ho la soglia d'attenzione di un bradipo acefalo, credevo di essermi perso un pezzo! dice proprio così... gesummaria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eccerto che dice così, da quando in qua racconto balle, io? :)

      Elimina
  14. Quanta ragione hai, tu forse non lo sai. Completamente d'accordo (anche se credo nell'ultilità della sigaretta elettronica)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, lo so. E non sai quanto possa essere faticoso, a volte, avere sempre ragione! :)

      Elimina
  15. le 2 sopra, vabbé
    ma le due sotto, come cazzo le aprono senza prender contro l'asfalto?

    RispondiElimina