30 gennaio 2013

Lincoln

"Tu come la vedi?"
"Sono un ingegnere."

E niente, c'è stato un misunderstanding con le altre membre del congresso, e io, che fino alle 16.00 ero convinta di andare a vedere Flight, mi sono fatta corrompere e sono andata a vedere Lincoln. In v.o. coi sottotitoli. Capita.
E qua ci starebbero bene un paio di doverose premesse (sì, mi sto parando il culo) del tipo che a scuola in storia son sempre stata una capra, e che ho dei problemi di concentrazione. Detto ciò, veniamo al dunque.
Dunque.
La guerra di secessione sta volgendo al termine e il presidente Lincoln, al suo secondo mandato, dopo la proclamazione dell'emancipazione, ha un obiettivo: ratificare il tredicesimo emendamento della costituzione degli Stati Uniti per abolire la schiavitù.
Ma per farlo mancano 20 voti. E questi dannati 20 voti verranno cercati in lungo e in largo fra i componenti del congresso, fra promesse e compromessi. E mentre ascolti questi che parlano, tramano, parlano, trigano, parlano, inzigano, parlano, complottano, parlano, parlano, parlano, parlano, parlano, parlano, ti viene sete.
Tutti bravi, per carità, Tommy Lee Jones, James Spader, Joseph Gordon-Levitt, splendida la fotografia, la scenografia, e oh, la tauromachia! Ma il lungo discorso (ma quei bei film di 90 minuti non li fanno più?) non riesce mai ad emozionare come potrebbe - e come dovrebbe - nemmeno quando la scena si sposta dal pubblico al privato, rivelando un Lincoln profondamente sofferente per il rapporto conflittuale con la moglie, che non gli perdona la morte di uno dei figli.
Ma.
A questo film manca (no, non la parola, quella c'è, eccome) il cuore.
E, esageriamo? Ma si dai, a questo punto... Daniel Day Lewis è bravo, per carità, ma... posso dirlo? A volte sembra quasi che gigioneggi un po'. Un po' troppo.
Però ad un certo punto il film finisce. Nel momento in cui inizia "the conspirator".
Pensavo peggio, ma speravo meglio.
 
 

37 commenti:

  1. Ciao, lo vedrò anche io, e vediamo com'è...appena posso non mancherà la visione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Poi verrò a leggerti, perché dopo il film le opinioni fra me e le mie amiche erano abbastanza divergenti. Io delusa, la bionda soddisfatta, la Tiz molto entusiasta....

      Elimina
  2. curiosa di vederlo... grazie per la recensione ... però D.D. Lewis è sempre un bel vedere ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, io amo DDL dal 1985, dai tempo di "my beautiful laundrette"... qua, vuoi per il trucco, vuoi perché gli anni passano anche per lui, anche il bel vedere si lascia desiderare.

      Elimina
  3. La citazione sarebbe:
    AH! La tauromachia ;))

    Quindi la Sciura Tiz l'era addirittura entusiasta?
    E speriamo venga a spiegarci il perche', dato che sarebbe la prima che sento..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, mi è uscito "Oh!". Mi perdoni? :)
      La Tiz arriverà, non temere!

      Elimina
    2. Vabbuò, eccomi! A me è piaciuto tantissimo! L'ho trovato sontuoso e mai pomposo, mi sono piaciute le discussioni, i cavilli e le sottigliezze della schermaglia politica, mi sono appassionata al fatto che, facendo le debite proporzioni, i 20 voti mancanti siano stati raccolti con il metodo razzi-scilipoti, ma che qui il fine fosse giustissimo e, in sostanza, l'ho trovato un gran film. Da non vedere doppiato, please! :-D

      Elimina
    3. Sostanzialmente il buon vecchio Nicolò Macchia che si riaffaccia ;)

      @Poison...No! ;P Stò avvelenato perchè non apprezzasti la mia ultima faticaccia! 8PPP

      Elimina
    4. @Giocher: ma per il parrucchino? :-)

      Elimina
    5. What is "parruchino" ? No intiende..

      Elimina
  4. l'ho visto anch'io lunedi sera all'Anteo, sì sono di Milano, e mi è sembrato eccezionale, meraviglioso, bello il taglio, il profilo, l'ambientazione, tutto. Voto 9 a parer mio.
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sandra!
      Sul fatto che tecnicamente sia perfetto sono d'accordo, purtroppo mi ha trasmesso poco a livello emozionale, ed è questo il motivo principale della mia delusione... :)

      Elimina
  5. Ma quanto fico è Joseph Gordon-Levitt?

    RispondiElimina
  6. Come già scritto altrove, già mi ispirava poco. Spielberg ormai l'ho perso per strada da un pò, ma nonostante DDL, uno dei più grandi che amo tantissimo, questo Lincoln non mi dava fiducia. Verrà relegato nei recuperi, a fine anno, forse, dopo aver visto altro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daniel Day Lewis è bravo, sia chiaro... Ma far decantare il film non mi pare una pessima idea... :)

      Elimina
  7. io invece pensavo che fosse meglio e invece era peggio, giusto per prendere spunto dalla tua chiusura. Anzi allontanandomi dal film mi accorgo che sono stato troppo buono, sono già boccalone di mio perchè in un film mi affascinano molto i dettagli tecnici( scenografie, fotografia, recitazione) e tutto ciò è servito su un piatto d'argento da DDL e Spielberg...ma tutto il resto è noia come dice er Califfo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece, che di tecnica e regia non capisco un emerito cazzo, se mi passi il termine scientifico, preferisco che sia la trama ad avvincermi (e avvolgermi) e quando non avviene rimango delusa... :)

      Elimina
  8. per quando andrai a vedere Flight: il volo rovescio è'na cazzata. Sospensione della realtà che manco 007, ecco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh vabbè, ma anche tu! Non potevi aspettare? E adesso? Quando parlerò di Flight tu cosa dirai? :)

      Elimina
    2. Cosa dirò? Niente.
      E comunque, avendo a che fare quotidianamente con la categoria del protagonista, 'sto film lo eviterò come la peste ;o)

      Elimina
  9. A quanto pare rimaniamo nel campo del film ben fatto e ben girato. Un bello senz'anima. Ma lo vedrò lo stesso (impegni permettendo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Frank, tanto bello quanto asettico.
      Ma pure io lo vedrei, al posto tuo.

      Elimina
  10. Concordo in pieno. Un film di grande maniera, ma con pochissimo cuore.
    DDL compreso.

    Traduzione come direbbe il Bardo: una palla mortale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quante ne sa, il Bardo? :)

      Elimina
  11. Sono d'accordo con te al 100% : film noioso e senz'anima. E attori molto sopravvalutati (Day-Lewis per primo). Però almeno tu hai avuto la fortuna di vederlo in lingua originale, risparmiandoti il surreale doppiaggio di Favino... non è poco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno quello, Kelvin!
      Addirittura surreale? Ah ah ah!

      Elimina
  12. troppo idealizzato e poco obiettivo. Deludente se non fosse per una messa in scena grandiosa - ma da Spielberg è il minimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poco obiettivo in che senso?

      Elimina
    2. Non spiega quali furono le vere cause che spinsero Lincoln ad abolire la schiavitù, e lo dipingono come un uomo ideologico [anche se lo era in minima parte] fino al ridicolo. La sequenza iniziale sul sogno-nave che rappresenta il 13esimo emendamento l'ho trovata ai limiti del ridicolo

      Elimina
  13. Concordo e sottoscrivo: Lungo e noioso. Anche se Daniel... (per me vincerà l'Oscar). Ciao Donnino!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facilmente lo vincerà. Ma va bene. Se proprio dev'essere, meglio a lui che al film.

      Elimina
  14. A me è piaciuto parecchio, sebbene lo abbia trovato pesantissimo e ridondante sul finale... ma adesso aspetto di rivederlo in lingua originale, perché l'interpretazione di DDL voglio gustarmela TUTTA! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò, io partivo parecchio prevenuta, quindi alla fine sono riuscita anche a trovarlo meno pesante di quanto temessi (il fatto che non mi sia addormentata la dice abbastanza lunga), ma gli è mancato quel quid che l'avrebbe reso interessante ai miei (ignoranti) occhi.

      Elimina
  15. Io per questo film son stato soggiogato dalla pubblicità, fortuna le bottigliate di Mr.Ford mi hanno fatto desistere!

    RispondiElimina
  16. Un film barboso con una regia banale, elementare. E' senza cuore. E ora che Spielberg se ne vada a coltivare pomodori e cavoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Denny, io amo i pomodori! Non voglio che li coltivi spielberg!!! :)

      Elimina