15 gennaio 2013

Get Low

Quando nel 2009 vidi questo film al Torino Film Festival ero praticamente certa che - prima o poi - sarebbe arrivato nelle sale italiane.
Credo che a questo punto dovrei far revisionare il mio generatore di certezze, siccome, ad oggi, di questo film mi pare non vi sia traccia, qua, nelle italiche lande. Ed è un vero peccato. Vuoi perchè il cast è composto da Robert Duvall, Bill Murray e Sissy Spacek, che, voglio dire, proprio degli emeriti sconosciuti non sono, e vuoi perchè (secondo la mia immodesta opinione) il film meriterebbe di essere visto.
Dite che il genere western o pseudo tale è roba che interessa me, mio nonno e una manciata di pensionati che passa i pomeriggi giocando a briscola al centro anziani? Possibile che abbiate ragione: avevo avuto dei sospetti quando, un paio di mesi fa, dopo aver visto "il mucchio selvaggio", il ggiovane davanti a me, uscendo dalla sala, disse, rivolgendosi al suo amico con tono deluso: "il classico western". Ma vai a fare in culo. Cosa ti aspettavi, che fosse un porno? 
Ma le ciance stanno a zero: il futuro è l'anziano. Del resto non è che Tarantino stia arrivando con un film di fantascienza.
 
 
Felix Bush (l'immenso Robert Duvall, un nome una garanzia) vive da quarant'anni in un casolare nel bosco in compagnia della mula Gracie, autoesiliatosi da tutto e da tutti per scontare una pena per un fatto successo appunto quarant'anni prima, e di cui il vecchio Felix porta il peso e la vergogna.
Sul suo conto circolano un sacco di leggende - quasi tutte inventate - e, proprio per sentirle raccontare, un giorno, fra lo stupore generale della popolazione, si reca in paese per organizzare il suo funerale.
Dopo il  rifiuto del parroco, viene contattato dall'agenzia di pompe funebri, il cui titolare, il signor Quinn (Bill Murray), uomo dalle mille risorse che, dopo lo sconcerto iniziale, deciderà di accontentare Bush ad organizzare il suo funeral party.
Man mano che i giorni passano e i preparativi fervono si scopre che in realtà Felix non è intenzionato a sentir raccontare le storie che circolano sul suo conto, bensì vuole essere lui a svelare il suo segreto agli altri.
Ironico e commovente. Per farla breve: bello, bello, bello.
 
 

53 commenti:

  1. le coincidenze, signora mia! dopo lunga ricerca l'ho trovato con i sottotitoli in italiano e finalmente lo vedrò anch'io!

    ah, mi ri-unisco al "vai a fare in culo" al ggiovane...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh, mi fa piacere! che ricordo che all'epoca mi odiasti un po' per non essere riuscito a vederlo... :)

      Elimina
    2. anch'io pensai (occazzo, quanto siamo ingenui, innocenti e persino un po' implumi!) tanto poi esce...

      Elimina
    3. Io SONO ingenua. Magari non molto innocente, ma sicuramente implume. ;)

      Elimina
    4. Sfanculizzo anche io il ggiovane (pensa che quando andai a vedere "Chicago" il brufoloso dietro di me sentenziò: "du palle, questi ballano e cantano tutto il tempo..."), e mi segno il film...Robert Duvall basta e avanza a garanzia.

      Elimina
    5. Duvall è il mio mito.
      Io, che la visione del film la preparo più o meno con una settimana di anticipo, non riesco davvero a capire quelli che arrivano in sala domandandosi "cosa andiamo a vedere?" senza avere la più pallida idea di cosa sia il film per cui stanno acquistando il biglietto. Magari è un mio limite, eh? :)

      Elimina
    6. No, no...concordo in pieno....secondo ed ultimo esempio...Enrico VIII, versione mista antico-moderna, una roba incredibile (penso di averla vista solo io e pochi altri...)Anthony Hopkins; Jessica Lange..un mattonone ma molto bello...e il tizio a fianco a me che dice??Oh..du palle??!..no scusa, ma cosa credevi di andare a vedere, un cinepanettone??!!vabbè son una vecchia rompi...:)

      Elimina
    7. Ma faceva parte del pacchetto Shakespeare? Perchè io con Jessica Lange e Anthony Hopkins ricodo Titus, che era un film strepitoso!!! :)
      (e comunque ho capito che io è te andiamo d'accordo!)

      Elimina
    8. Ho appena fatto una delle più grosse figure da pirla della storia...:(, si, il film da me citato era Titus...l'Enrico VIII visto sempre con Hopkins ma non centrava la Lange....:O (mamma mia....)...comunque si, io e te andiamo d'accordo!!!

      Elimina
    9. ah ah ah ah! nessun problema, sono cose che succedono. tanto, come hai detto tu, l'avremo visto in pochi (da queste parti l'ha sicuramente visto anche la Tiz, ma è un donnino discreto, non temere!)
      E comunque secondo me era un film splendido! ;)

      Elimina
    10. Si si, Titus visto, taaanto tempo fa! In effetti non credo sia passato neanche su rai Movie o altrove, peccato!

      Elimina
    11. titus passò in orario ridicolmente notturno una domenica su canale5 annieanni fa. bello, sì

      Elimina
    12. Uh, allora spero lo replichino, il mio decoder, per motivi annurchi, trasmette su canale5,italia1 e rete4 in lingua originale! (sarà l'unico caso? quando lo dico mi pigliano per pazza, ma è vero!!)

      Elimina
    13. nel senso che trasmette in italiano? (scherzo, ho capito, ma considerato che soprattutto canale5 non fa quasi più nulla di estero...) comunque credo sia una semplice questione di settaggio

      Elimina
    14. Beh, Domenica su italia1 MIB in v.o. non è stato male! E poi tu sai che a me i film piacciono a cinema, in tele sono solo un buon ripasso, in lingua è meglio, se poi volessi mai vedere tempesta d'amore, lo potrei vedere in tedesco, e sono soddisfazioni!
      :-)))

      Elimina
  2. I western non si toccano! Assolutamente! Soprattutto quelli nostrani, con i quali sono cresciuto.
    Quindi qui Bill Murray ridiventa Bill Murray o sbaglio? Lo voglio assolutamente recuperare.
    Comunque, parlando di gente che esce delusa dalla sala, quando andai a vedere The Ring, a fine proiezione, nel silenzio e stupore della gente si levò una voce dal buio che urlo "Sa cazzara!" (Che stronzata).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pesa, sui western da queste parti sfondi una porta aperta, chettelodicaffare? Sì sì, se riesci recuperalo, perchè Murray qua è deliziosamente Murray. E poi vabbè, c'è Duvall, che io amo alla follia! :)

      Sa Cazzara! (mi piace un sacco) fosti tu a dirlo? :)

      Elimina
    2. Macché, a me è piaciuto The Ring! Almeno è un film horror, o presunto tale, che un minimo mi ha coinvolto. Ma si sa, i giapponesi fanno bene le cose e gli americani le riadattano per il grande pubblico!
      Comunque, se volessi far tua l'espressione, la C- non deve essere pronunciata forte, non è una K. per intenderci; è più una G. che si fonde alla C., all'incirca.

      Elimina
    3. Stasera, quando vedrò la mia sardamica Tiz, le chiederò una consulenza. Anche se già so che mi risponderà dicendomi che lei non è sarda, è gallurese! :)

      Elimina
    4. Naaa lasciali perdere i galluresi, sono incomprensibili quando parlano anche solo l'italiano :D

      Elimina
    5. Ah ah ah ah ah!
      Strano che la Tiz non si sia ancora materializzata, quest'oggi! :)

      Elimina
    6. Io, essendo gallurese di stirpe nonchè una Signora a tutto tondo (evitare i commenti sul tondo, grazie) non rispondo a tono ad un Pesa qualsiasi, però direi che sbaglia doppiamente perchè, a parità di dialetto parlato nella quotidianità, anche i sardi (e galluresi) anziani parlano un discreto italiano, paragonato a quello di altre etnie italiche! Pesa, Sa cazzara è bello! Credo lo urleremo stasera dopo il film... ;-D

      Elimina
    7. ah ah ah! Ti aspettavo! :)

      Elimina
    8. Eh la diatriba Nord-Sud noi Sardi un po' ce l'abbiamo nel DNA, fortuna che non sei di Sassari :D
      Comunque Tiz, se hai un minimo di nozioni di campidanese, penso che possa pronunciarlo alla perfezione!

      Elimina
    9. naaa, i miei sono di tempio e di calangianus (e a volte hanno da ridire su come si dice una certa parola!!), non solo non ho nozioni di campidanese (o non credo), in più io capisco ma non parlo il dialetto (peccato!) quindi mi sa che la pronuncia non sarà impeccabile. Ma tanto chi lo saprà? :-)

      Elimina
    10. Pretendo un registrazione a questo punto! :)

      Elimina
  3. Allora spero che il film sia bello, così potrò esimermi! :-)

    RispondiElimina
  4. Sappia signora Poison che sto prendendo appunti e l'ho appena nominata "mia fonte di riferimento per il cinema", in quanto mi sta dando più di qualche titolo da ricercare con una certa avidità.
    Anch'io ho una certa predilezione per un certo "western" e ho smesso di avere fiducia nei giovani da quando una giovine ragazza con laurea mi ha detto che 1km è uguale a 100m...a parte questo, a proposito di western, esiste un nippo-omaggio, di qualche anno fa, al Django di Corbucci, diretto da Takashi Miike e interpretato, tra gli altri, da Tarantino. Si chiama Sukiyaki Western Django e non ho ancora avuto il coraggio di guardarlo...se lo facesse al posto mio, la nominerei all'istante "mia assaggiatrice cinematografica"...ormai di lei mi fido...i miei omaggi
    P.s.: mi saluti la gallurese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono a dir poco onorata. E sono anche stranamente seria. Quando ti ricapita? :)
      Takashi Miike è quello di 13 assassini, giusto? Beh, potrebbe essere interessante. Metterò all'opera il mio recuperatore.
      Ma è un Sukiyaki western inteso come versione giapponese dello spaghetti western? E se fosse ambientato in cina sarebbe un lisocantonese western? Puoi seviziarmi con i chopsticks, se vuoi.
      La serietà ovviamente era circoscritta solo alla prima frase della mia risposta, come avrai senz'altro capito. :)

      Elimina
    2. Sì, è proprio lui ;-)))...come hai ben intuito, sukiyaki è l'equivalente del nostro spaghetti ;-)))...rinnovo i miei omaggi (segue inchino) ;-)))

      Elimina
  5. @Fascino, saluti anche a te! Non starai pretendendo troppo dalla cinefilia della Poison? Che Sukiyaki Western Django sembra troppo anche per lei... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma la cinefilia è una perversione sessuale? :)

      Elimina
  6. Uhm... sessuale magari no, ma una perversione senz'altro! Come ti guardano coloro i quali ti chiedono quanti film vedi all'anno e tu, serafica, esali: 125? Come ad una pervertita! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dici? ci presterò più attenzione la prossima volta che qualcuno mi rivolgerà la domanda. Ammesso che a qualcuno gliene fotta davvero qualcosa di sapere quanti film vedo io in un anno, ovviamente. :)

      Elimina
    2. Certo che la Tiz e il tasto "rispondi" non si vedon di buon occhio, mi sa ;-)))...a me, che guardo almeno 3-4 film a settimana (a occhio 200 all'anno), danno più del perditempo che del pervertito, visto che molta gente considera il cinema come una semplice forma di evasione e questo lo si nota nei multisala dove la maggior parte decide al momento che film andare a vedere...ecco, da tale punto di vista, anch'io mi vedrei come un perditempo o un perdigiorno...invece, sono un vero e proprio pervertito!!! ;-)))...per inciso, non sopporto nemmeno quelli che vanno a vedere solo i film del sedicente circuito d'essai, dova conta più il cinema che ospita il film del film stesso e dove alla fine bisogna dire "dai, interessante"...perché è d'essai! ;-)))...e comunque, voi due mi sa che siete due pervertite in altri settori...che non starò qui a menzionare ;-))))))))))))

      Elimina
    3. A 115 (numero reale corretto) non scatta la perversione. Ciao!

      Elimina
    4. Col 115 però dovrebbero arrivare i pompieri... a proposito di perversioni... :)

      Elimina
    5. Anche io 115! Al cinema! Che se calcolo i dvd e quelli in tele sono molti di più! Troppo comodo vederne 200 dal divano di casa! :-) (Al prossimo punto esclamativo abbattetemi a fucilate)

      Elimina
    6. Troppo comodo. Addirittura. Dal divano di casa, è sufficientemente comodo. Vuoi mettere? Zero sbattimento, nessuno che rompe i coglioni bisbigliando per tutta la durata del film al suo vicino spiegandogli quello che sta vedendo... ci sono i pro e i contro. Fra i miei contro ho il gatto che mi si spalma addosso e ultimamente ha preso il vizio di mettermi le zampe in faccia.

      Elimina
    7. @Fascino: ho cliccato su Rispondi! Sono brava? :-)
      Io sul divano m'addormo, ho iniziato 2 volte Enter the void e due volte sono crollata dopo 15 minuti, solo gli horror mi tengono sveglia, e manco sempre! :-)

      Elimina
    8. Se con Enter the void ti addormenti anche alla terzo tentatAIvo ti consiglierei spassionatamente di lasciar perdere... :)

      Elimina
    9. Ma i titoli di testa sono belli!! E' che quando inizia la soggettiva e parte la sgraziata voce del protagonista me cala la palpebra, ma non demordo. Ci riuscirò!

      Elimina
    10. I titoli di testa sono fantastici. Belli è riduttivo! :)

      Elimina
    11. In effetti io ho guardato solo quelli, finora...o forse finsempre ;-))

      Elimina
  7. e mi vuoi dire che sei pacifista e non hai menato quel tizio sul "mucchio" ? beh...devi avere molto self-control :)Ciance a parte adoro i western...quelli belli...R.D. è un grandissimo...mi viene in mente il ruolo apparentemente secondario nel padrino per dire...
    mi fido della tua recensione...ora si tratta di staccarsi dalla routine e andare al cine...hai detto poco...
    sicuramente aspetto Tarantino
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono fondamentalmente abbastanza pacifista. Ammesso che si possa essere ABBASTANZA pacifisti. Anche se uno dei miei più grandi desideri è sparare con un fucile a pompa, almeno una volta nella vita. Non necessariamente contro un essere vivente, sia chiaro. Mi accontento di un cartonato di Berlusconi.
      Questo film difficilmente lo troverai al cinema, qua in italia non dev'essere uscito nemmeno per il mercato homevideo, fra le altre cose. In compenso per Tarantino bisogna aspettare soltanto un paio di giorni... :)

      Elimina
    2. Django sarebbe già disponibile in teoria, ma credo che lo aspetterò al cinema...troppo comodo vederli sempre in divano :-))))...per quanto riguarda il fucile a pompa, son d'accordo con te (tanto anche dal vivo Lui è cartonato ormai, no?) e ti consiglio la visione di God Bless America, anche solo per il cognome del regista...che se poi capisci chi è...:-)))

      Elimina
    3. Si, Djiango lo aspetto al cinema pure io, tanto è questione di giorni.
      Di God Bless America avevo già letto bene dal cannibale, e mi aveva incuriosito. Se me ne parli bene anche tu dovrò proprio provvedere. E per quanto riguarda il capire di chi si tratti... c'è scritto pure quello! :)

      Elimina
  8. Quando Robert Duvall morirà lo passeranno anche in Italia. Ma mi sa che Duvall ha i geni andreottiani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, se così fosse sarebbe uno dei pochi casi in cui i geni andreottiani sono ben utilizzati.
      Ma sono sicura che, quel giorno, trasmetteranno altra roba.

      Elimina
  9. OT
    Io questa sera ce l'ho un po' con i sardi. ma solo un po'.
    E' facile che andrò, o meglio che sarò costretto a vivere nel gallurese, magari a breve.
    A completare questo anno già orribilis, ce manca che la lazio vinca lo scudetto.
    uffa se po' dì?
    scusate lo sfogo.
    EndOT

    RispondiElimina