20 gennaio 2013

Django unchained.


La D è muta.
E il film è godimento allo stato puro.
Nel 1858, da qualche parte nel Texas, il dottor Schultz, improbabile dentista tedesco (Christoph Waltz) dal parlare forbito (quasi a voler riprendere il personaggio da lui interpretato in Inglorious Basterds, con la differenza che questa volta è un buono. Nonostante uccida senza pietà, ma lo fa più o meno nel nome della legge, essendo un cacciatore di taglie.) incontra i fratelli Speck, mercanti di schiavi, con il loro carico di uomini. Fra loro c'è Django, che a Shultz serve per identificare i fratelli Britte, criminali a cui sta dando la caccia, ignorando però che aspetto abbiano.
Dopo essere riuscito in qualche modo ad acquistare lo schiavo, i due se ne vanno e da li inizia il viaggio che porterà l'improbabile coppia
(che un "negro" libero, a cavallo, negli stati del sud era a dir poco insolito) a trovare prima i criminali ricercati da Shultz, e poi, mentre il rapporto tra i due diventa un'amicizia che si fa fratellanza, alla fine dell'inverno Schultz promette a Django che lo aiuterà a ritrovare la moglie Broomhilda, da cui è stato separato in passato. Dopo aver scoperto che è di proprietà del latifondista Calvin Candie, appassionato di lotta fra mandingo, escogiteranno un piano per fare in modo di liberare la donna, e Schultz insegnerà a Django come recitare la sua parte, trasformandolo prima nel suo valletto, quindi in un negriero più razzista dei bianchi, fino all'arrivo a Candyland, dove si imbatterà in Simon, il fedele servo nero di Monsieur Candie, più abominevole del suo padrone.
Ma gli eventi precipitano,
e tu rimani lì ad aspettare che, tra neri sbranati dai cani, torture, sparatorie, uomini incappucciati (una banda di emeriti minchioni, in una delle sequenze più divertenti di tutto il film), atrocità ed esplosioni, la vendetta di Django si compia.
Ed uscirai dalla sala con la consapevolezza che Tarantino non ti delude mai.


 

50 commenti:

  1. Bene bene... mi spaventava il western, ma a quanto leggo Quentin non si smentisce mai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beatrix, ciao!
      Considera però che io AMO i western... anche se questo non si può nemmeno considerare western nel senso classico del termine, se vogliamo.

      Elimina
    2. io sul genere son un po' "umorale" (somma, dipende da come mi girano ) ma Quentin e' Quentin... senza dubbio!

      Elimina
    3. Allora vai tranquilla! :)

      Elimina
  2. mi accodo a Beatrix Kiddo, il western non è tra le mie ambientazioni preferite; ma per Tarantino farà sicuramente uno strappo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nico, da amante del western e di Tarantino forse non sono la persona più attendibile e/o obbiettiva, ma lo "strappo" ci sta tutto!

      Elimina
  3. se frullo passione per il Western ,fiducia nelle tue recensioni e Tarantino,mi bevo il frullato e corro a vederlo :)
    buon dì

    RispondiElimina
  4. Mh, in realtà io sono rimasto un pochino deluso invece :) Amo Tarantino, forse proprio per questo sono rimasto un po' così. Comunque bel film, solo che mi viene da paragonarlo agli altri suoi e questo è il meno che mi è piaciuto, tutto qua :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale, ciao! ;)
      So che anche altri sono rimasti delusi, e ci può stare. Io sono rimasta soddisfatta: era (anzi, è) esattamente il film che volevo vedere!

      Elimina
    2. Mi associo appieno alla (leggera) delusione ed allo scarso amore! Ho amato incondizionatamente Inglorious Basterds e Kill Bill, e forse mi aspettavo qualcosa di altrettanto geniale. Sempre dal mio umile punto di vista, ovviamente.
      Poi sarà che non ho la vasta cultura necessaria per apprezzare tutti i riferimenti, sarà che ero già scettica sull'ambientazione western, sarà che mi aspettavo durasse un'oretta di meno, però non me lo sono goduta come avrei creduto.

      Elimina
    3. Direi che i presupposti per non gradirlo non mancavano. Io ero preparata su ambientazione, durata e tutto il resto, e ho gradito parecchio! :)

      Elimina
  5. Mi è davvero piaciuto molto, anche se non ritengo un capolavoro - alcune cose della regia che non mi sono piaciute e delle semplificazioni di sceneggiatura eccesisve. Film divertito e divertente che fa fare delle grosse e crasse risate!
    Un western consigliato a chi i western non li ama XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giacomo, io, che sono una spettatrice basica, se proprio non è girato coi piedi, e con svarioni madornali, tendo a non accorgermene nemmeno.
      Capolavoro no, ma grande spettacolo e intrattenimento!

      Elimina
    2. ma infatti, è che io sono un cagacazzi madornale XD il film poi m'è piaciuto abbomba!

      Elimina
    3. Per quanto riguarda il cagacazzismo, non vorrei vantarmi, ma pure io mi difendo bene, non ti credere, eh? ;)

      Elimina
    4. ............... è una sfida, forse?

      Elimina
    5. ah ah ah ah ah!
      no, ma scherzi? ho anni e anni di esperienza, vincerei a mani basse! :)

      Elimina
  6. riguardo a django sono ancora sotto silenzio stampa, fino alla pubblicazione del mio post di domani... :=)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ho visto, mannaggia a te! :)

      Elimina
  7. Non vedo l'ora. E leggo tutti i vostri pareri cercando di non gonfiarmi di aspettative o delusioni aprioristiche. Comunque non vedo l'ora. (dubbio se aspettarlo in programmazione al cineforum, oppure andarlo a vedere nei prossimi giorni)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non credo riuscirei ad aspettare.., :)

      Elimina
  8. Non so come tu faccia a non vedere Rango, allora ;o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppa violenza? ;)

      Elimina
    2. Voglio sbilanciarmi: non solo è il più bel film di Tarantino, ma anche uno dei più grandi western di sempre... un film finalmente 'adulto' girato dal ragazzaccio californiano, con un innegabile sottofondo politico e un uso della violenza una volta tanto non sopra le righe. Bellissimo!

      Elimina
    3. Oddio, un pelino sopra le righe nella scena della sparatoria forse.... :)

      Elimina
  9. Domani ritorno al cine, dopo più di un mese di astinenza forzata (non so come sono riuscito ad uscirne vivo)e ricomincio da questo, e a quanto leggo, è la scelta giusta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tarantino E' sempre la scelta giusta! :)

      Elimina
    2. Capolavoro assoluto, ha saputo cogliere l'essenza dello spgaghetti-westrern, il lato torbido della storia del west, dove dominava in assoluto la legge del dollaro, tra corpi nudi in vendita, una società violenta, forse tra le più violente della storia. Colonna sonora cult, come sempre, ma più delle altre volte, Christoph Waltz non da Oscar, da Nobel! Il miglior Quentin Tarantino di sempre...

      Elimina
    3. Allora è stato un ritorno in sala alla grande!
      Per me un gran film, senza dubbio. Colonna sonora da brividi (dal dies irae durante l'incursione dei minchioni col cappuccio in poi) e Waltz da standing ovation!

      Elimina
  10. Ecco vedi, io avrei voluto sinceramente andare a vedere questo film, ma stamattina passo di qui, leggo e sono a posto.
    Ora posso aspettare con il cuore in pace che lo passino in TV (fra 5/6 anni :D perlomeno).
    Grazie ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no che non puoi essere a posto dopo aver letto ste 4 righe cacate, Semper! DEVI andare a vederlo!!!! :)

      Elimina
    2. oh, io andrei.. ma dove lo metto il tuo minimoroso?! Al cinema posso portarlo al massimo a vedere i cartoni animati...!

      (sto cercando una baby sitter, ma non è semplice :D)

      Elimina
    3. oh, il mio minimoroso, quel miniuomo con ottimi gusti!!!! :)

      niente babysitter? cavolo. Ai "miei" tempi ricordo che c'era solo l'imbarazzo della scelta!

      Elimina
  11. "Ho contato 6 colpi. negro!"
    "io ho contato 2 pistole negro."

    Ecco.

    I film di Tarantino sono..no vabbè.

    Cerco un termino poi torno.

    Un film GRANDE COSI.
    Come il personaggio di Schulz.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scena fantastica.
      Che io a quella merda di Simon gli avrei piantato una pallottola in mezzo agli occhi la prima volta che ha aperto bocca. Per dire. E Waltz è immenso.
      Chissà se ripeterà l'accoppiata golden globe/oscar come per
      Inglourious Basterds?

      Elimina
    2. Secondo me, a mani basse.

      Elimina
    3. Non ho ancora visto i film per cui sono candidati Robert De Niro e Tommy Lee Jones, quindi non so. Ma, al momento, non avrei dubbi nemmeno io.

      Elimina
  12. L'ho visto ieri sera e l'ho amato.
    Mi sono ri-innamorata di Waltz come se lo vedessi recitare per la prima volta.
    Mi sono divertita come una bambina.
    Mi sento adesso in ansia perché so che una recensione scritta di mio pugno non renderà mai giustizia al film né riuscirà a comunicare tutta l'esaltazione che ho ancora addosso.
    Insomma, andrei a rivederlo adesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura che la tua recensione sarà ottima, come tuo solito! ;)

      Elimina
  13. Ho fatto rissa al cinema per schiamazzi.
    ..Scusate.Non ho resistito. (CIT.) 8D

    RispondiElimina
  14. Come sai mi è piaciuto moltissimo ma non ho saputo tacere su alcuni lati tarantiniani un pochino... difettosi.
    Beh, godere per tre ore non è facile.
    Dipende da lui più che altro no?

    Vabbeh, lasciatemi perdere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, lo so, in questo modo siamo a 5 su 5 :)
      E sì, tre ore non capita spesso... :)

      Elimina
  15. Ciao Poison, ho visto e amato Django e propongo OSCAR SUBITO!!!

    RispondiElimina
  16. Film epico. Splendidi gli attori, ma stavolta l'Oscar a DiCaprio era d'obbligo: ha recitato come si deve e ha dato vita a un personaggio coi fiocchi. Se noti nella scena in cui cenano, Leo batte la mano sul tavolo e nel fotogramma successivo la mano sanguina. Tarantino spiega che si tagliò con un bicchiere, ma continuò a recitare, dimostrando grande professionalità.

    RispondiElimina
  17. L'ho visto, finalmente. Più di una volta in due o tre giorni, e pure in originale (i dialoghi tra neri o la parlata del sud meritano l'originale - anche perchè stavolta il doppiaggio temo abbia toppato un pochino, tipo la voce assurdamente impostata data a Don Johnson - Insomma quando un nero dice "nigga" è tutt'altra cosa rispetto a "negro").

    RispondiElimina
    Risposte
    1. volevo aggiungere che mi sono commosso fino alle lacrime quando alla fine è partita la colonna sonora da "Lo chiamavano Trinità".
      Sono tornato bambino in un attimo...

      Elimina