11 dicembre 2012

Moonrise kingdom

I film di Wes Anderson andrebbero visti due volte. La prima volta per seguire la storia, la seconda per soffermarsi sulla cura maniacale, quasi ossessiva dei particolari. La scena iniziale di Moonrise Kingdom, con la radiografia della casa dei Bishop, strutturata come una barca, con la simmetria perfetta degli ambienti, tanto per dirne una, o quell'insistere sul dettaglio delle forbici da mancina.
Nel 1965, tre giorni prima dell'arrivo di una tempesta
distruttiva, su una minuscola isola del New England, lunga appena 25 km - come ci spiega il bizzarro professore che sembra un elfo - Sam, lo scout meno considerato del suo gruppo, orfano e rifiutato persino dalla famiglia affidataria, fugge dal campo scout per raggiungere Suzy, conosciuta l'anno precedente alla recita annuale. Amore a prima vista. La ragazza vive un rapporto contrastato con i genitori, la coppia di avvocati interpretati da Bill Murray e Frances McDormand, entrambi un po' sottotono rispetto al livello qualitativo a cui siamo abituati, e quando Sam le prospetta la fuga, non ci pensa due volte ad accettare. Dopo un'intenso scambio di corrispondenza in cui si raccontano i rispettivi problemi arriva il giorno prefissato.
Ma la fuga dei due ragazzi viene scoperta quasi subito e tutta la comunità si mette sulle loro tracce, dal capo scout Ward al capitano Sharp ("quel poliziotto triste e scemo" "non è scemo, forse un po' triste") , ma, nel frattempo la fuga dei due ragazzi si è trasformata in un percorso di scoperta reciproca, dolce e sincera come può essere la scoperta dell'amore a quell'età, comunque evolva.
Una storia tenera e delicata, nonostante non riesca mai a lasciarsi andare,liberandosi completamente di quell'alone di algido distacco.

"Take these chains feom my hearts and set me free
you've grown cold and no longer care for me
all my faith in you is gone but the hearthaches linger on..."
(Take these chains from my hearts - Hank Williams)
 
 

44 commenti:

  1. Gran bel film, e sì, lo rivedrei una seconda, una terza volta :)

    RispondiElimina
  2. Probabilmente le scenografie erano quelle di Steve Zissou ;-))...mi vien voglia di rivederlo, quasi quasi stasera...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non mi sembravano le stesse! ;)

      Elimina
  3. Io, dopo questo film, ho deciso che di cinema non ne capisco proprio un ciufolo.
    In realtà mi ha fregato Bruce Willis, tutta colpa sua se ho comprato il biglietto, che io me lo immagino sempre con la canotta intrisa di sangue di Die Hard.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah ah!
      Non me lo vedo John McClane in un film di Anderson! ;)

      Elimina
  4. Nel corso della visione, a parte l'ammirazione per la tecnica, mi ero ritrovato quasi irritato: poi, scrivendone, mi è parso davvero profondo e poetico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ford, si. Poetico è perfetto.
      La scena in cui Sam dice a Suzy "ti ho preparato dei gioielli" mi ha conquistato.

      Elimina
  5. Lo aspettavo con ansia, Steve Zissou ha lasciato un segno troppo deciso, se ripeti lo stile, devi puntare sulla storia, vedremo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sazio, vai tranquillo: non ti deluderà!

      Elimina
  6. L'algido distacco brucia parecchie storie, non necessariamente tenere e delicate. Ma questo non solo nei film. Ciao! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stai parlando con una che non riconoscerebbe il distacco nemmeno facendoci un frontale in autostrada. E dire che ogni tanto mi farebbe comodo.

      Elimina
  7. Non lo volevo vedere perchè detesto i boy-scout, invece mi ha conquistata. Una fotografia megatonica e un tenero surrealismo. Per non parlare della colonna sonora. Voto 10.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucilla, la colonna sonora è perfetta, hai ragione.

      Elimina
  8. Davvero molto bello. Mi ha colpito poi il fatto di come i due bambini alla fine sappiano gestirsi meglio di tutti gli adulti coinvolti.

    RispondiElimina
  9. Lieve lieve come una nuvola, tenero come un marshmallow (non so se si scrive così), sarà che sto invecchiando ma mi ha fatto sentire bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche i colori erano quelli dei marshmallow (credo si scriva così. Nel dubbio noi sappiamo di cosa stiamo parlando)

      Elimina
  10. DEVO VEDERLO PRESTERRIMO. anzi no, non lo dico, che poi finisce come con Killer Joe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando dici "finisce come con Killer Joe" significa che per caso NON l'hai visto?
      Naaaaaaa.

      Elimina
    2. non ci posso credere! e cosa aspetti?

      Elimina
    3. che lo diano da qualche parte? temo sia presto per il torrente

      Elimina
  11. Potevi venire ieri, così ti beccavi anche Confessions.... mah....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fascino ottanta11/12/12, 14:57

      Com'era Confessions? Piaciuto? A me piacque tanto...ah, Tiz, volevo chiederti, per caso conosci un gruppo degli anni '80 che si chiamava Lloyd Cole & the Commotions? Se ne ricordano in pochi e so che tu c'hai buon occhio e orecchio per i gruppi apparentemente marginali ;-))

      Elimina
    2. Di lloyd cole & the commotions mi ricordo pure io. Non giurerei di averli visti in concerto, ma forse si. Di sicuro ho almeno un loro album su vinile.
      Se posso esprimere un giudizio sintetico su Confessions, invece, mi limiterei a: inutile pippone.

      Elimina
  12. Ma certo che li conosco!! E mi piacevano parecchio! E li vidi in concerto! Devo dire che non li riascolto da un po', ma secondo me hanno retto alle ingiurie del tempo che passa. Come ti sono venuti in mente? Su Confessions ho i miei dubbi, idea carina ma alla fine è così verboso... sembrava un film francese, alla fine non sapevo neanche più distinguere i maschi dalle femmine e non sapevo che stesse confessando cosa....

    RispondiElimina
  13. @PoisonTiz (essere multiforme ed eteronimo): a me piacevano molto i LC&TC, avevo un paio di album in cassetta, da giovane, e li vidi in concerto a Bologna (credo nell'86)...qualche anno fa ritrovai la cassetta e ricominciai ad ascoltarli in macchina e oggi m'è venuto un rigurgito di amarcord (pensa che in questo momento mi son venuti in mente David & David ahahhah, welcome to the boomtown)...a me è piaciuto moltissimo Confessions, un po' per la polifonia narrativa, un po' per i riferimenti al Dostoevskij di Delitto e Castigo, un po' per il sano cinismo che pervade la pellicola, senza troppi sconti...un po' perché dimostra che i bambini sono portatori di sana e robusta cattiveria primordiale ;-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cinismo più che sano era mortalmente noioso, ma credo sia un problema mio, che, essendo una mente semplice non riesco mai a capire sti pipponi verbosi che finiscono per avvilupparsi su loro stessi. All'inizio sembrava quasi un detachment a mandorla.
      E che i ragazzini possano essere delle carogne malefiche è risaputo. Ma quelli giapponesi urlano fino allo sfinimento (mio).

      Elimina
  14. Vi dedico questa: http://www.youtube.com/watch?v=BLYxaMHekbc

    ;-))) (think about Jules & Jim)

    RispondiElimina
  15. come si fa ad ascoltare una cassetta in macchina? Io è dal 1991 che ci provo...

    RispondiElimina
  16. Fascino vintage11/12/12, 17:24

    La mia auto è vecchiotta e ha solo il "mangianastri" ;-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tiz old style12/12/12, 10:45

      Un'auto con il mangianastri mi fa una tenerezza infinita, sappi che ho ancora delle cassette vergini, se mai ti servissero... io sono rimasta analogica, registro sulle vhs, alcolto vinile (ma anche cd, neh?) non mi voglio evolvere, rimango vintage, per scelta!

      Elimina
    2. anch'io ho il mangianastri in macchina. e il cd. ma uso solo il mangianastri. ci collego l'ipod attraverso la cassetta finta. sono sicuro che sappiate di cosa sto parlando... :D

      Elimina
    3. eh che sì o eh che no?

      Elimina
    4. eh che sì, naturalmente. :)

      Elimina
  17. non sono un andersoniano convinto ma questo film mi è garbato parecchio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me Anderson generalmente piace, quindi non sono rimasta delusa.

      Elimina
  18. no vabbè devo pura parlare? na bomba! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 'na bomba forse è un po' troppo.
      Una piccola chicca? :)

      Elimina
  19. per me non è affatto algido. anzi, è il film più di cuore di wes anderson

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io invece ho trovato che non riesca mai a lasciarsi andare completamente...

      Elimina