13 dicembre 2012

Bollettino dei naviganti

Lunedì mattina, quando mi sono svegliata, mi sentivo una merda. Sudavo come Zidane ai mondiali del 2006 e contemporaneamente ero scossa dai brividi. Che è un'accoppiata del cazzo, lasciatemelo dire. Due giorni a casa, al caldo, pensavo che mi avrebbero fatto bene. Era dal 2005 che non mi concedevo il lusso di qualche giorno di malattia. Vero che nel frattempo ho avuto ben due coliche. La prima l'8 dicembre del 2006. Era un venerdì. Ed io ero a Milano, come quest'anno. E stavo male, di venerdì, a Milano, come quest'anno. La seconda nel 2007. Sempre di sabato.  In entrambi i casi il lunedì successivo stavo una favola, in ufficio. Oltre al danno la beffa.
Ieri sono tornata in ufficio. E adesso sono qua. Nel letto. Sveglia. Coi brividi.
Il naso chiuso, quel fastidio in gola come se qualcuno si stesse divertendo a farmi il solletico con un chiodo. Arrugginito, probabilmente.
Mi fanno male perfino le occhiaie.
Insomma, una chiavica.
Tuttavia, sono andata ugualmente al cinema. A vedere l'anteprima di "sheer". Che doveva iniziare alle 22.30. Che già per i miei standard da sana, in settimana, è tardi. Alle 23.00 eravamo in sala. E l'assessore Leo blaterava cazzate sul palco.
E poi è iniziato il film.
Com'era?
In bianco e nero.
Se poi arriva la Tiz ve lo racconta lei. Io l'ho dormito per almeno tre quarti.
Però posso dirvi che la fotografia è notevolissima, e anche come finisce, eh?
 
 
(e comunque questo è il post n. 666, io ve lo dico)

51 commenti:

  1. Latte bollente, miele e cognac.
    Divano e DVD, altro che cinema.

    Baci calorosi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stamattina mi sono fatta violenza per uscire dal letto. Dove non vedo l'ora di tornare, fra l'altro. Mi sento proprio uno straccio.

      Elimina
  2. leo? esiste ancora? ed è sempre il mollica degli assessori? dai, consolati, ho la guida perversa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho appena cazziato collega a cui ho chiesto un paio di film da così tanto tempo che nemmeno ricordo che cazzo gli ho chiesto, fai tu.
      In compenso ieri mi sono comprata il DVD di "Assault on Precinct 13", che mi mancava.

      Elimina
    2. Dantès, stavo rileggendo il commento, e, al tuo "dai, consolati, ho la guida perversa" ho avuto un flash di te che guidi sulla SS20 facendo le peggio cose. E niente. Vado a dormire,

      Elimina
  3. Si, leo esiste ancora, era da qualche gay film fest che non lo vedevo, è di quel finto simpatico da politico che urterebbe un mansueto monaco buddista, figurati noi!! Il film è bello, bellissimo b/n artistico e buio (il b/n di blancanieves era luminoso, per dire), dialoghi incalzanti e mai stupidi, finale amaro, storia sconsolata, bellissima NY, insomma, mi è piaciuto, ma se fosse iniziato puntuale avrei preferito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. urca, addirittura! ma esce? uscirà?

      Elimina
    2. mincha, addirittura bellissimo?
      che nei rari momenti di veglia mi sembrava financo noioso, nonostante abbia apprezzato il momento in cui nick ribalta la tipa sul letto.
      Che son nostalgica, io.

      Elimina
    3. minchIa, si scrive minchIa.
      Minchiona.

      Elimina
    4. e io che pensavo avessi un po' di sangue catanese nelle vene... :D

      Elimina
    5. ignorando i percorsi di accoppiamento di quella gran zocc... donna di mia nonna, tutto è possibile.

      Elimina
  4. Tiz mereghetti13/12/12, 09:42

    No, occhio, bellissimo bianco nero, eh, film interessante e, per essere di un gggiovane regista, direi finanche maturo, ma film bellissimo no, non equivocate. In effetti le scene di sesso/seduzione non erano patinate e finte ma apprezzabilmente realistiche. Il gggiovane ha talento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ok. Allora ci siamo.
      Sì, sul bellissmo bianco&nero sono assolutamente d'accordo.

      Elimina
    2. scene di sesso? Dove lo danno?

      Elimina
    3. ma vai a cagare! :)

      Elimina
    4. no ma...ti sembra il caso di trattarmi così!? A me? Proprio a me medesima? ...andrò a vedere l'HOBBIT, mi parlate ancora poi?

      Elimina
    5. eccerto che sì. fai più sesso tu in una settimana di quanto io ne faccia in un anno e hai ancora il coraggio di parlare? :)

      Se fosse il mio genere lo hobbit lo andrei a vedere pure io, ma non ce la posso proprio fare.

      Elimina
    6. si, ma guarda che il sesso mentre sono addormentata non conta eh...

      Elimina
    7. di sti tempi sarebbe un gran lusso pure quello, lascia fare.

      Elimina
  5. Ah, comunque esce, c'era il distributore (indipendente) in sala, ma bisogna vedere quando e come...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gaetano Renda (ero ancora sveglia) ha detto che uscirà nelle sale a gennaio.

      Elimina
    2. Bene, di Tiz mi fido a occhi semi-bendati, lo attendo con pacata ansia. La settimana scorsa è arrivata anche a me la guida perversa, credo la userò nel weekend...e non so perché, ma c'ho 'na voglia matta di spararmi Holy Motors al più presto...guarisci fiorellino ;-)))

      Elimina
    3. Holy Motors è davvero un gran film. Mi ha preso sulla lunga distanza, perchè quando sono uscita dalla sala ere consapevole di aver visto qualcosa di grande e visivamente entusiasmante, ma ero perplessa. Pian piano la perplessità è scomparsa, lasciando spazio alla meraviglia. Gran film, che voglio assolutamente rivedere.
      Sì, dovrei farcela a guarire.
      Anche se oggi non garantisco.

      Elimina
  6. @Fascino, non esagerare con l'ansia, ma solo con la pacatezza, mi raccomando! :-) Che cazz'è la guida perversa? Io sono rimasta alla guida galattica per autostoppisti (libro!!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The Pervert's Guide to Ideology, visto all'ultimo TFF, aveva un capitolo precedente, ovvero THE PERVERT'S GUIDE TO CINEMA, che, dopo aver visto l'ideologia, voglio assolutamente recuperare! :)

      Elimina
    2. Ah, figo, lo voglio vedere anche io!

      Elimina
    3. Fascino perverso13/12/12, 12:14

      Venite a casa mia a vederlo ;-)))...The pervert's guide to Fascino...anzi, no, mi mettete soggezione ;-)))

      Elimina
  7. Commento ad minchiam....ma com'è il libro che stai leggendo??La copertina ispira assai!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beatrix, i tuoi commenti non sono mai ad minchiam.
      Il libro che sto leggendo (sto leggendo è una parola grossa, quest'anno faccio pena) è una raccolta di racconti sulla tradizione del tatuaggio nella cultura siberiana. Di Lilin avevo letto Educazione Siberiana e mi aveva entusiasmato, soprattutto dopo aver partecipato ad un reading in sua presenza. Lui è affascinante. E io sono affascinata dai tatuaggi... anche se, come dice lui: «Dei tatuaggi non si parla. Esistono proprio per dire cose che non possono essere dette con le parole».

      Elimina
    2. Curiosità a mille. Segnato nella lista ormai eterni di libri che vorrei leggere...

      Elimina
    3. Io è meglio che quella lista non la apra per un pezzo, che ho un arretrato da smaltire che definire pauroso è riduttivo! :)

      Elimina
  8. Tiz readers digest13/12/12, 11:53

    A proposito di tatuaggi:
    Il cuore sulla pelle. Il tatuaggio in 22 racconti dal mondo
    Un’antologia curata da tre giovani scrittori tedeschi, e pubblicata nel 2011 da Mareverlag, casa editrice nata ad Amburgo a metà degli anni Novanta intorno alla splendida rivista «Mare», con un ricco catalogo di letteratura legata alla navigazione e al viaggio. I racconti lunghi comprendono autori come Ray Bradbury, Sylvia Plath, Jinochiro Tanizaki, Nicolai Lilin, Wolfgang Hildesheimer, Bohumil Hrabal, Victor Segalen, Flannery O’Connor, Jürg Fiederspiel, John Irving, Hermann Melville; i frammenti provengono da opere di Robert Louis Stevenson, James Cook, Daniel Pennac, Kurt Tucholsky, Chuck Palahniuk, Arthur Rimbaud, Honoré de Balzac, Franz Kafka e moltissimi altri. Una lunga linea d’inchiostro che scorre ininterrotto dalla liscia superficie di un corpo alla pagina bianca dello scrittore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco. E' quello di cui mi accennavi ieri sera?
      A proposito di lista... vado a vedere se lo trovo onlain! :)

      Elimina
  9. Risposte
    1. Detto. Fatto.
      Arriverà comodamente sulla mia scrivania la settimana prossima.
      Oddio, hai messo un'iconcina! Fantastica!!!! :)

      Elimina
    2. Ma è Tiz quella??? E' passata da Anonima a Bloggera? Come passa il tempo e come evolve in fretta la gennnte!

      Elimina
    3. Hai visto? Quante soddisfazioni, la mia ammmica! :)

      Elimina
    4. No, non sono bloggara o bloggera, ma ho voluto l'iconcina lo stesso, anche se speravo meglio, magari fra un po' la cambio, @fascino, e tu? mi rimani un ectoplasma grigiastro? Non ti si attaglia! :-))

      Elimina
    5. No, sono un tipo che ama restare nell'ombra...e poi sono un seguace dell'iconoclastia ;-))

      Elimina
    6. Uh, deriva islamica o protestante? @Poison Ma, essendo il post 666 (brr, rabbrividiamo) un paio di corna non potevi aggiungerle? Portiamo due capri al guinzaglio stasera al Valentino? :-))

      Elimina
  10. Fascino curioso13/12/12, 12:17

    Due domande:
    1) A chi appartiene quella orrendamente bella borsa coi teschi nella foto?
    2) Dove ci troviamo?

    E' tutto, grazie, F. ;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) a me.
      2) nel mio ufficio, sulla mia scrivania.

      (e i piedini da cenerentola rinchiusi nei Dr. Martens sono i miei, ovviamente)

      Elimina
    2. Quello lo sapevo, belle scarpe, ma da una scarpiera umana non ci si aspetta altro...la borsa m'ha lasciato un po' perplesso, non ti facevo così calaverante...e anche l'ufficio, ti immaginavo immersa in un tripudio di vetro e acciaio...;-))

      Elimina
    3. e non hai visto la sciarpa!
      (del mio ufficio non parlo. una bruttura architettonica senza pari. Ovviamente abbiamo anche il vetro e l'acciaio, che mica ci facciamo mancare niente, qua!)

      Elimina
  11. Mi sento cosi tanto in colpa, che sono contento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cazzo, a sapere che per avere l'onore di un tuo commento dovevo rischiare la morte, mi sarei decisa prima! :)

      Elimina
  12. brutto numero per un post, brutto momento quello dell'influenza, ma il film ... come finisce?

    RispondiElimina
  13. Anche io sto male, ma veramente tanto tanto male, gola distrutta, naso tappato, insomma, un rottame. Però mi tira su il fatto che oggi ho fatto i biglietti per Parigi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se avessi in mano un biglietto per Parigi probabilmente starei meglio pure io!
      Amo quella città!

      Elimina