21 ottobre 2012

Domenica d'autunno

Il sole è sfacciato, oggi. 
Come non si rendesse conto che l'autunno è iniziato da un mese e dovrebbe mantenere un profilo più basso, quando decide di manifestarsi. 
Sto volutamente dando le spalle alla montagna di panni da stirare che staziona su una sedia, in sala. Facendo finta di credere che, se non li vedo, non esistono. 
Sul divano. Libro e caffè. Come segnalibro un biglietto del cinema. Sono ad un punto in cui, se ci fosse una colonna sonora, sarebbe uno dei miei pezzi preferiti di De Gregori, Il bandito e il campione, nel momento in cui dice "e già si racconta che qualcuno ha tradito"... Chissà cosa ne penserebbe l'autore. 
Ieri io e la bionda siamo andate a Cuneo. Per la fiera del marrone. Inteso come castagna. Amo le castagne in tutti i modi. Ma nutro un'insana passione nei confronti delle caldarroste. 
Ricordo quando da bambina, a novembre, si organizzava il viaggio a Milano (perché se hai 7/8 anni Torino-Milano è un viaggio, comprensivo di sosta all'autogrill a ponte di Novara) per andare dagli zii, e poi, tutti assieme, ci si spostava al cimitero di Zivido, dai nonni. E a visita conclusa a me e alle mie cugine venivano comprate le caldarroste. Ed era un momento di festa. Noi, le castagne, e le dita sempre più nere. 
Chissà se i caldarrostai si piazzano ancora all'ingresso dei cimiteri, in questo periodo. Che i "miei" cimiteri sono diventati troppi, ormai. E io ho smesso di frequentarli. 
Ieri ho fatto merenda con le caldarroste. 
La prima che metti in bocca la tieni un po' li, intera, per sentirne il calore. Poi inizi a schiacciarla, fra lingua e palato, per iniziare a sentirne il sapore. 
Un momento di piacere intenso. Quasi come quando baci qualcuno per la prima volta e sembra che le vostre lingue si conoscano da sempre. 
Ho fatto cena con pane, salame, formaggio e birra artigianale. 
Che, sempre a proposito di piacere... pane & salame dite quello che volete, ha sempre il suo porco perché. Giusto la mortazza a cubetti può fargli concorrenza, nella mia lista delle cose per cui valga la pena vivere. Vegetariana io? No, grazie. 
Per dessert i pettorali di Caveces, dopo il primo gol al Napoli. 
Poi di nuovo in strada.
Ho scoperto che le lumache sono ermafroditi, ma, per riprodursi, devono comunque accoppiarsi. 
Per 10 ore. 
Alla faccia di Sting. 

30 commenti:

  1. il guaio delle lumache è che per incontrarsi ci mettono un sacco di tempo per cui quella volta che si incontrano si accoppiano e ci danno dentro!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci avevo pensato... Mi sa che hai ragione.

      Elimina
  2. Il bandito e il campione è fra le mie canzoni preferite tra tuuuutte le canzoni che conosco.... ho trovato qualcosa in comune con te vedi? Beh si anche i maroni... e il cinema... e il salame col pane.... e la mortazza cubetti. Si insomma mi son spiegata no? Ahahahah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MaRRoni, libby, maRRoni. :)
      Che i maroni sono un'altra cosa. Molto più fragile... ;)

      Elimina
  3. Un sacco di cose se non le guardi è come se non esistessero.
    Vale anche per sting graziealcielo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Funziona. Io fra un po' ignorerò addirittura l'esistenza della sedia stessa, figurati quello che ci sta sopra. Si trattasse anche di Sting in persona.

      Elimina
  4. E le orate sono ermafroditi sequenziali, vale a dire che invertono la loro sessualità: tipo, per i primi due anni fanno i maschi, poi da adulti diventano femmine... Poi ci sono gli Ctenofori, più furbi, che si autofecondano... Cioè, non lo so se sono più furbi... Vabbé, vado ad assaggiare la pizza di patate finta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quante ne sai?
      D'ora in avanti guarderò le orate in modo diverso.
      E sì che dopo le cosce di pollo Sharla's style pensavo di essere a posto per un po'... :)

      Elimina
    2. He, sapessi: tre anni della mia vita a stare appresso ai pesci, ai tempi...
      Delle coscette Sharla's style mi sa che tocca chiedere al piazzaconte, ché manco con google se ne viene a capo :-)

      Elimina
    3. finchè non vedete Killer Joe sulle coscette non ne verrete a capo... :)

      Elimina
    4. Ms! eddai, su! :)
      l'ultimo film di Friedkin. In questo pregevole blog puoi trovarci non uno ma due post dedicati. E allo stesso prezzo! :)

      Elimina
    5. Mi sono documentata on live :-) Mòhocapito! :-D

      Elimina
  5. A quanto stanno le caldarroste lì? A Roma l'ultima volta erano tipo 12€ per tre castagne tre.
    Qui "da loro" invece 3€ un sacchettino riempito con una pentolino per scaldare il latte.
    (Ma "qui da loro" (che "qui da noi" mi pare ancora brutto) non sono marroni in effetti, solo castagne e pure piccoline).
    ((le caldarroste calde immerse in poco vino rosso hanno poteri taumaturgici e sturanaso, sapevatevelo))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui (a Torino) l'ultima volta che ho chiesto il prezzo con 5€ forse riuscivi ad averne 6. In fiera a Cuneo un dignitoso cartoccio € 2.50.
      Ma... qui da loro dove sarebbe? :)

      Elimina
    2. ah un postaccio guarda, tutto pieno di brughiera.

      Elimina
  6. ...ma le lumache devono per forza accoppiarsi per tutto quel tempo.. impiegano 18 ore solo per andare in pizzeria...!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh. Che se poi è lumaca anche il pizzaiolo capace che mentre aspettano la pizza ci scappa una sveltina in bagno.

      Elimina
  7. Stamattina mi sento tanto lumaca... Che c'hai da fare per le prossime dieci ore? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti raggiungo per le ultime due va bene lo stesso? :)

      Elimina
    2. Dai, male che vada ci mangiamo un panino al salame, che è il mio piatto nazionale! :)

      Elimina
  8. eh gran bella colonna sonora, pensa che il nipote del cqampione è un mio carissimo amico da sempre...
    pane e salame è qualcosa di magico, anzi focaccia novese, salame e pecorino fresco se proprio vogliamo esagerare (e non c'è mortadella che regga)

    e alla luce della tua ultima affermazione sto rivedendo le mie priorità di prossima reincarnazione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giusto, del resto la provenienza è la stessa.
      no, il salame è perfetto con il pane. la focaccia è già "troppo".

      ma no, scusa, dovendo proprio scegliere io mi butterei sul maiale, che, si vocifera, abbia orgasmi da 30 minuti... :)

      Elimina
    2. ahhahaha beh mica male anche il maiale, poi in effetti anche onomatopeicament emi trovo molto affine ;)

      Elimina
  9. Nessun pane e salame può competere con la pizza bianca cooaah mortazza.
    Nun ce n'è, me spiace per voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una dura lotta in effetti. se la battono egregiamente.
      ma... perchè scegliere?

      Elimina
  10. caldarroste e sesso nello stesso post, tenuti insieme dai pettorali di prode juventino, Sting, e lumache. Io questo blog lo compro... e pure tutti i commentatori :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah ah!
      Giorgia, grazie! questo è il commento migliore del mese!
      Che dire della settimana essendo solo a lunedì sarebbe troppo riduttivo! :)

      Elimina
  11. il precedente commento era scritto in "italiese", riformulo:

    ho letto da qualche parte che le caldarroste sono la principale fonte di meteorismo. I tuoi vicini che dicono?

    RispondiElimina