19 settembre 2012

L'inizio della fine

Avrei dovuto immaginarlo.
Quando quest'anno, per la prima volta, la ditta ha chiuso una settimana, ad agosto.
Che la settimana di Ferragosto, mi dicevo, più per autoconvincermi che altro, ci sta. Che poi io, per scelta, abbia deciso di non fare vacanze ad agosto, diciamocelo, sono tutti cazzi miei.
E infatti, l'anno prossimo me lo prendo in culo, visto che sta circolando un comunicato della direzione del personale, con la programmazione delle chiusure vacanzifere.
Oltre all'unico ponte fattibile, ovvero quello del 25 aprile, e alcuni giorni a natale, ad agosto la società chiuderà dal 12 al 23. Ergo, qua mi si succhiano ben 9 giorni di ferie. E nemmeno a mia insaputa, visto che mi stanno avvertendo con congruo anticipo.  
Ma mi sembra prematuro pensarci adesso.
Metti che muoio, nel frattempo.
 
 

15 commenti:

  1. già pensiamo alle prossime vacanze? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io no, questa voluta sono innocente. È l'ufficio personale che si è portato avanti col lavoro!!!

      Elimina
  2. Benvenuta nel mondo delle vacanze gestite. Io ci vivo da 25 anni. Per me le due centrali d'agosto calano come una mannaia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh.
      Lo so che c'è di peggio, per carità. Poi dopo il pippone che ti ho tirato oggi a pranzo sull mio "prenderla come viene" figurati se mi metto a recriminare. È che non ci sono abituata. Ma se mi porti con te in Croazia me ne faccio una ragione, eh? ;)

      Elimina
  3. Beh no, io spero proprio che tu non muoia eh!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah! Grazie cara!
      Ti dirò, potendo sceglier, pure io!!

      Elimina
  4. c'è crisi...e si sa che in Italia, quando c'è crisi...si torna indietro invece che andare avanti. Io vado a vivere in Australia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vengo con te.
      Brisbane può andar bene?

      Elimina
  5. beh, io sto messa così da sei anni ed è per questo che scappiamo sempre in montagna dove c'è un po' meno (....!) affollamento.
    l'anno prossimo lotterò per una settimana a giugno, che al mare vorrei proprio riuscire a pucciarci il piedino, e non solo per la gara di triathlon

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, ma infatti so di essere stata in qualche modo "privilegiata" fino ad adesso, potendo scegliere di fare le ferie quando volevo. Vorrà dire che mi adeguerò, in qualche modo. So che ce la posso fare! :)

      Elimina
  6. Ah beh, i maya non si sono ancora fatti vivi! :D

    RispondiElimina
  7. Eppure una bella grigliatona, cocomero a volontà e buona compagnia a ferragosto hanno i loro perchè.
    Ho cominciato a riscoprirli da quando siamo obbligati a seguire le vacanze scolastiche.
    Ma comunque qualche tradizione dobbiamo pur mantenerla, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È che la mia tradizione era l'agosto lavorativo... È non era affatto male.
      Ma - ripeto - me ne farò una ragione...

      Elimina
  8. leggendo la tua ultima frase mi sono toccata
    volevo che lo sapessi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu non perdi occasione, eh? ;)

      Elimina