20 agosto 2012

Dov'eravamo rimasti?

Sempre qua, più o meno.
Con la sottoscritta che cercava di sopravvivere alla convivenza forzata con la bionda collega surfista dalle tette rifatte, se non erro.
Ecco.
Siamo di nuovo qua, in ufficio.
Io e lei.
A dire il vero lei mi ha avvisato con uazzapp che entrava per le 10.00.
Certo, fai un po' quel cazzo che ti pare, ci mancherebbe.
Nel frattempo è partito il mio personalissimo conto alla rovescia, che se le voci di corridoio sono vere, questa dovrebbe essere la sua ultima settimana di lavoro, poi va in ferie.
Già godo.
Comunque, questa settimana di ferie inaspettata, alla fine l'ho apprezzata.

Ho fatto cose, visto gente...
Andando indietro nel tempo, domenica scorsa sono stata portata a cena in un ristorante delizioso. A Mondovì, non esattamente comodissimo, ma sicuramente notevole. Non so se presentarsi al ristorante già mediamente ubriachi valga o meno, ma è stata una gran bella serata.
Poi martedì pomeriggio ho recuperato sua bionditudine dopo il lavoro e siamo salite in montagna.
Anche se io, in quanto cazzara in sæcula sæculorum, sarei più una tipa da spiaggia. In tutti i sensi.
Ma non è ancora il momento di andare in spiaggia, evidentemente.
 
Per quanto, ad Embrun il 15 di agosto, attorno a quel lago, sembrava quasi di essere a Rimini.
Ma senza i gavettoni.
Che poi. Si fanno ancora i gavettoni in riviera a ferragosto? che sono anni che manco.
Comunque, oltre ad aver visto l'Embrunman, ci siamo anche fatte un giro per il paesino, non sia mai che una si fa 60 km di curve tanto per. E il paesino ha una cattedrale (Notre Dame du Réal) del XII secolo che ci ha quasi lasciate a bocca aperta da quanto è bella. 
Poi ci siamo ricomposte. E siamo entrate in un bar a farci una Leffe. 
E quest'anno mi sono anche comprata un paio di scarpette più o meno tecniche per andare in montagna. Che se vai in montagna vuoi non camminare? Anche no, per dire.
Io ad esempio ho letto, preso il sole, mi son fatta massaggiare i piedi, partecipato ai campionati indoor di sollevamento posate, fumato un sacco, bevuto un po' meno,  ma ho camminato davvero poco. Però adesso se mi dicono andiamo in montagna a camminare, c'ho pure le scarpe.
In ogni modo.
Son tornata a valle, sabato sera. E ad accogliermi ho trovato un plotone di zanzare a cui di sicuro sono mancata parecchio. Domenica avrei dovuto stirare.
Ma, nel dubbio, ho preferito andare in piscina.
E, non so come sia potuto accadere, sono tornata a casa vagamente ubriaca.
La devo smettere.
Ma poi apro il frigo e mi accorgo di non essere (molto) credibile.

11 commenti:

  1. quel frigo...birra a parte, è vuoto!!!

    RispondiElimina
  2. ops. si nota così tanto?
    Comunque no, nello scomparto delle uova ci sono dei fossili.
    Dopo quanto tempo un uovo passa da scaduto a nocivo ad altamente tossico?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quando apre la porta del frigo da solo

      Elimina
    2. ah, allora non è ancora il caso di preoccuparsi! :)

      Elimina
  3. I fossili aiutano sempre. Mantengono giovani e in forma. :)

    RispondiElimina
  4. ma dai? quindi io stessa potrei essere un rimedio per un cannibale, ad esempio? ;)

    RispondiElimina
  5. oh m'ha preparato la scorta di birra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche quella di aperol e prosecco. posso lasciarti senza spritz?

      Elimina
  6. Il mio è pieno di Adelscott (doppio malto e whisky)...slurp!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uh, la Adelscott... la bevevo da ggiovane, poi ho smesso! :)

      Elimina