4 novembre 2011

this must be the place


Il film di Sorrentino è uscito mentre io e la bionda si era in viaggio. 
E il fatto che lo si aspettasse da tempo ha fatto sì che noi si partisse sapendo che almeno, al ritorno, avremmo avuto un impegno concreto. 
Che alla fine, come dicevo alla sister, vivo alla giornata e prendo quello che viene, ma due sono le cose per le quali ancora mi piace fare programmi: i viaggi e il prossimo film da andare a vedere. 
E così ieri sera, finalmente, è scattata l’ora.
Esco dalla palestra sotto la pioggia, sperando di non trovarmi nel solito traffico umido e intenso che avvolge Torino quando piove, e, al primo parcheggio che mi si presenta mi infilo, che va bene essere ottimisti, ma c’è un limite anche alle botte di culo. 
Cerco un bar per un caffè. Sono appena passate le 19.30. I bar son tutti chiusi. Entro in una pizzeria e riesco a berne uno, nemmeno terrificante. Arrivo al cinema. 
Mi raggiungono le amiche e entriamo in sala.
Inizia il film. Voglio gli orecchini col cappio di Cheyenne.
Anche la casa, eh? magari inizio con lo scrivere bathroom sulla parete del bagno. Che anche se non faccio programmi mi piace avere certezze. 
Mi godo un immenso Sean Penn in lingua originale, che Massimo Rossi sarà pure bravo, non lo nego. Ma io questo film lo volevo vedere in lingua originale. 
Sì, esatto, perchè sono la solita snob di merda che se la tira. 
Siccome oltre che snob sono pure un po’ zoccola, ho un sussulto quando mi appare Liron Levo, ma quando sullo schermo appare David Byrne mi vengono i brividi. 
E alla fine, quando questo Peter Punk a metà strada fra Edward Scissorhands e Roberth Smith si toglie il trucco, è già ora dei titoli di coda.
E dopo tanto tempo esci dalla sala appagata dalla visione di un road movie lento come il passo di Cheyenne, e pervaso da un ironia lieve. Che, come al solito, in pochi avranno colto. Cazzi loro.

15 commenti:

  1. Mmmm non mi sento ispirata per questo film!

    RispondiElimina
  2. credo sia un film per cui non sono ammesse le vie di mezzo. o lo si ama o lo si detesta!

    RispondiElimina
  3. Noooooooooooooooooo!!!! Sei snob?!?!?!? E io che pensavo fossi una brava ragazza...! ;)

    RispondiElimina
  4. @cagnaccio: ecco. lo sapevo. ti ho deluso. ;)

    RispondiElimina
  5. anche io sono snob e mi piacciono film/telefilm in lingua originale! Questo film mi attrae, prima o pio lo vedrò

    RispondiElimina
  6. @vete: per fortuna qua in città c'è una sala che ha preso l'abitudine di programmarli in v.o., e io ne approfitto. E questo film a me è piaciuto tantissimo. ma credo mi sarebbe piaciuto anche doppiato!

    RispondiElimina
  7. No, dai... non mi hai deluso! Ti preferivo zoccola e basta! (ecco, l'ho detto...) ;))

    RispondiElimina
  8. @cagnaccio: riesco comunque a tenere separati i due atteggiamenti... ;)

    RispondiElimina
  9. Pure io riesco a tenere separati il mio essere gay dal mio essere cagnaccio... ;))

    RispondiElimina
  10. ah ah ah ah! fantastico!!!

    RispondiElimina
  11. di questi tempi "poco" è già tanta roba, lascia stare! ;)

    RispondiElimina
  12. Lo dici a me? Mangio una volta al giorno e non mi lavano neanche la ciotola... :(

    RispondiElimina
  13. se non ti lavano la ciotola è perchè probabilmente la lecchi bene...

    RispondiElimina
  14. Si, può essere... non ci avevo pensato! ;)

    RispondiElimina