23 maggio 2011

So need your love, so fuck you all.

Venerdì sera, mentre mi osservavo riflessa nei pannelli della cabina abbronzante dove cercavo di dare un colorito meno cadaverico al mio corpicino, che odio fare il mio esordio in spiaggia abbagliando gli astanti, ripensavo alle chiappe di semper, che - beate loro - stanno su da sole. La mia situazione, seppur non sia poi così drammatica, e' abbastanza differente. Diventa tragica se ci si sposta a livello tette: l'unico modo per farle star su ormai si ottiene facendo la verticale. Ma, non essendo capace a camminare sulle mani, lascerò che la forza di gravita' faccia il suo corso...
Sabato mattina ho espletato il turno casalinga in tempi brevi. Mentre la poison mamma era dalla pettinatrice sono andata a comprare la pappa per settechilidigatto, che avevo scordato di comprare la sera prima. Dove, in compenso, sono riuscita a comprare il DVD di "il vento fa il suo giro" che non sono mai riuscita a vedere al cinema.
Mentre ero alla cassa con le mie scatolette non sono riuscita a resistere al richiamo degli ovetti lindt, perché se in "quei giorni" c'e chi si veste di bianco facendo la ruota per poi buttarsi col paracadute, la sottoscritta, che non ha velleità così estreme, sviluppa un desiderio di cioccolato tale che riuscirebbe a divorare un barattolo di nutella delle dimensioni di Giuliano Ferrara.
Visto che siamo in par condicio ne ho presi 6: due oro, due blu e due rossi, i miei preferiti. Che non sara' una colazione molto equilibrata, ma sti cazzi.
Per pranzo ho mangiato 3 pomodori piccadilly e poi sono andata da sua bionditudine, che oggi ci attendono le mostre alle OGR. “Fare gli italiani” e' maestosamente avvincente e... sterminata. Al punto che io - che ho una soglia di attenzione abbastanza limitata - dopo un po' inizio a distrarmi, perché e' davvero tanta roba. Che mi sa che ci dovrò tornare... Stazione futuro e' meno impegnativa, ma altrettanto stimolante. Nella stazione in cui si disquisiva degli insetti come futura alimentazione, in quanto altamente proteici, io ho deciso che non mi sento pronta. Mai dire mai, ma, se posso permettermi di scegliere, anche no, ecco.
La terza parte l'abbiamo saltata, in quanto avevamo una visita prenotata a palazzo Carignano. Ci siamo anche fatte un tratto di strada col corteo del gay pride, dove abbiamo incontrato la Tiz e il belluomo. Ho saputo che c'era anche Michi, che e' la mia gaia passione da più di 20 anni, perché chi di noi, femmine frociare, non si e' mai invaghita di un gay? Ecco, a me e' successo con Michi la prima volta che l'ho visto. Abbastanza curioso, considerato che, tralasciando il fatto che è diversamente eterosessuale, è biondo e con gli occhi azzurri. Misteri della vita. Comunque, ancora oggi, lo adoro. Purtroppo non sono riuscita a vederlo, ma c'era davvero un sacco di gente, e non era facile.
Siamo arrivate a palazzo Carignano e abbiamo aspettato che arrivasse l'ora di visita, ingannando l'attesa in compagnia di un sorbetto al maracuja. Interessante. Il palazzo. Ma anche il sorbetto. Fra i quadri del Legnanino esposti c'e anche un San Sebastiano incredibilmente vivo e vegeto. L'ho sempre solo visto raffigurato infilzato. La visita finisce in due stanze così dorate, così stuccate, così barocche che se restavo li altri 5 minuti mi sarebbe venuta la sindrome di Sthendal, quella di Stoccolma e, probabilmente, anche un attacco di labirintite.
Prima di affrontare il capitolo cena mi sono dedicata anche ad un po' di shopping, che c'ho pur sempre una reputazione da difendere... E poi, con nostro sommo godimento, abbiamo ufficialmente inaugurato la stagione della granita siciliana.
Caffè, mandorla e panna montata, più brioche regolamentare. Che anche il palato ogni tanto deve raggiungere l’orgasmo.
Domenica. Alle 5.30 spalancavo gli occhietti, e non ci sarebbe più stato verso di chiuderli. Mi son messa in veranda a leggere, che la curiosità di sapere come va a finire l'ultimo Landsdale non mi molla. Poi mi sono diretta in città, perché avevo un appuntamento con S., che l'altro giorno, dopo aver parlato di lei con R,, mi e' venuta voglia di rivederla. E ci siamo organizzate per stamattina, che lei sarebbe stata al Valentino a distribuire pettorali per la mezza maratona. Baci e abbracci, e ci siamo messe a parlare come se ci fossimo lasciate la sera prima... Alla fine, non so bene come, mi sono ritrovata a distribuire acqua e sali al punto di ristoro del 14° km.
Sono tornata a casa e mi sono fatta una pennica. Quando mi sono svegliata mi sono cotta (pochissimo) una signora tagliata che si scioglieva in bocca... Quindi mi sono spalmata in veranda a prendere il sole e a finire il libro. E adesso mi toccherà aspettare che Landsdale mi tiri fuori – spero presto - un'altra avventura di Hap e Leonard.
Quindi sono uscita a fare 4 passi. Visto che sono rientrata dopo 2 ore forse ne ho fatti un po' di più. Ho trovato frankestein junior in tv. E, ovviamente, mi son messa a guardarlo. (Si. Può. Fare!!!)
Se e' possibile, ho un po' male agli stinchi. Forse camminare per 8 km con le infradito comprate il giorno prima non e' stata una grande mossa.
E, se un complimento al giorno leva l’analista di torno, stamattina siamo partite con un “sei raggiante”.
Sarà.




12 commenti:

  1. Buongiorno, col dafare che hai avuto sto fine settimana, oggi sarai stanca.... buona settimana!

    RispondiElimina
  2. Buongiorno a te!
    no, stanca no. quando arriva la bella stagione esco dal letargo!

    RispondiElimina
  3. Oddio che meraviglia!!! La mostra di wired!!! Sono abbonata alla rivista e ho letto decine di articoli sulla mostra alle officine... che invidia!!!

    RispondiElimina
  4. sì sì! dura fino al 20 novembre... ce la puoi fare!!! ;)

    RispondiElimina
  5. in effetti un bel weekend a torino in autunno ci starebbe alla grande...

    RispondiElimina
  6. Sei fantastica (che è meglio di "raggiante")

    RispondiElimina
  7. 8 km con le infradito? secondo me hai buone probabilità di entrare nel libro dei guinness

    RispondiElimina
  8. @sposa: sicuramente. se esiste un premio per l'idiozia io lo vinco a mani basse!!!! :)

    RispondiElimina
  9. Però, e oggi è finalmente lunedì così ti riposi .....

    RispondiElimina
  10. ha, ma vogliamo parlare di quei fortunati che hanno trovato POISON al 14° chilometro??? spettacolo :D

    RispondiElimina
  11. oh, fortunati davvero, visto che ero l'unica a riuscire a dargli il bicchiere con ancora del liquido dentro. e io ero quella che era lì per caso... :)

    RispondiElimina