16 febbraio 2011

scoperte traumatizzanti

L'altra sera, come tutti i lunedì, sono andata a fare il mio massaggio settimanale.
Prima di me c’è l’Adelaide.
Non l’ho mai vista, perchè quando arrivo è nella sua cabina, e quando lei va via io sono ignuda sul lettino intenta a farmi massaggiare – cellula per cellula – i miei strati di cellulite, che curo con passione da una ventina d’anni, mese più, mese meno.
Adelaide ha un'età variabile fra gli 80 e gli 85 anni, e io la invidio, per il fatto che tutte le settimane abbia ancora la voglia di andare dalla massaggiatrice, e che alla fine di ogni massaggio salga sulla bilancia e si indigni se non ha perso peso. Capita che ogni tanto durante il massaggio si addormenti e si metta a russare, ma il più delle volte parla con la massaggiatrice che, dalla mia cabina, le risponde.
Ieri sera ha detto qualcosa relativamente alla lunghezza delle dita: parrebbe che, se l’indice è più lungo dell’anulare (o viceversa) è perchè la madre, durante la gravidanza, ha prodotto più testosterone o il diavolo sa cosa (prendetela con tutte le dovute cautele: l’Adelaide non è propriamente Rita Levi Montalcini).
Fatto sta che, non avendo niente da fare, mi sono guardata le dita.
Ed è stato in quell’istante che l’ho scoperto.
Che ancora mi chiedo come ho fatto a non accorgermene prima.
Come ho potuto essere così superficiale e indifferente.
Come ho potuto non rendermene conto.
Come ho fatto a non capire, a non voler vedere, a negare l’evidenza, a fingere con me stessa che tutto andasse bene: cazzo, ho l’indice destro più corto del sinistro, vi rendete conto?

14 commenti:

  1. uh signur! è grave? :)))

    RispondiElimina
  2. eh, vedi un po' tu!
    temo che per superare lo choc mi tocchera fare una seduta straordinaria di shopping!!!! :)

    RispondiElimina
  3. che belli questi choc! salutari direi... ahahahah

    RispondiElimina
  4. ma stiamo parlando delle mani o dei piedi? :D

    RispondiElimina
  5. delle mani. e tu dirai: ma porca paletta, hai quasi 50 anni e te ne accorgi solo adesso? ;-)

    (anche perchè dei piedi invece sono consapevolissima: da bambina mi sono tirata un cassetto su un alluce, che da allora è rimasto storto e più corto: per anni non ho messo scarpe aperte perchè mi vergognavo, mentre adesso me ne fotto in allegria!)

    RispondiElimina
  6. A me dicono in continuazione che non ci si deve mai mettere con una donna con l'indice più lungo dell'anulare perchè pare sia fornita di tanta cattiveria.... ecco io ho l'indice più lungo dell'anulare e mio moroso non fa che ripetermi "e pensare che mi hanno detto per anni di non mettermi con una donna col secondo dito più lungo del primo!"
    e io rispondo "la prossima volta impari a farmi levare le scarpe prima!"....
    certo che scopriro così.... alla tua età!!!

    RispondiElimina
  7. @Libby: ecco, questa non la sapevo. ma, purtroppo l'indice sinistro (quello più lungo) è praticamente della stessa altezza dell'anulare... e quello più corto... ahimè, è corto! :)
    mannaggia. pure una scorta di cattiveria devo andarmi a comprare!!!

    RispondiElimina
  8. mah.. io ho l'anulare più lungo dell'indice in entrambe le mani. informati un po, please... :D

    RispondiElimina
  9. Per colpa tua ho avvicinato gli indici e ho scoperto di averli stortissimi....

    RispondiElimina
  10. era un momento di condivisione. è giusto che io non sia l'unica ad essere rimasta traumatizzata dalla scoperta di avere due indici di lunghezze differenti! :)

    RispondiElimina
  11. anch'io!!!!!! e anch'io mi sono fratturata l'alluce destro!! se non fosse che tu scrivi meglio, sei più pheega e più simpatica direi che tu sei me!

    RispondiElimina
  12. @quaglia: sul fatto che son più pheega siam tutti d'accordo, ma sul simpatica non saprei! :-))))

    come fai a sapere che era l'alluce destro?

    RispondiElimina
  13. Quaglia ha una palla di cristallo. Condividila :DD

    RispondiElimina
  14. ah, ecco! è che le mie palle di cristallo è da mo' che si sono frantumate!!!! :)

    RispondiElimina